Home/Blog/E-ariary: per un sistema di pagamento moderno e affidabile

Nell’ambito del consolidamento delle sue missioni fondamentali, Banky Foiben’i Madagasikara (BFM) è chiamata a lavorare per il benessere economico dei cittadini malgasci. Il progetto e-Ariary mira a sostenere questa visione garantendo l’accesso della popolazione a un sistema di pagamento moderno e affidabile.

Consiste nello svolgimento di un lavoro di progettazione e di un programma di sperimentazione per il potenziale problema dell’e-Ariary.

“Questo progetto si inserisce in una prospettiva volta, in particolare, ad affermare la sovranità della moneta nazionale, sostenere gli obiettivi di inclusione finanziaria, controllare l’espansione della circolazione monetaria e rafforzare l’efficienza, efficienza, sicurezza e solidità del sistema di pagamento nazionale “, sottolinea la Banca Centrale.

Il progetto si propone di mettere a disposizione del pubblico, oltre alle banconote, un mezzo di pagamento sicuro, di facile applicazione, accessibile, avente corso legale nel territorio nazionale, e presentando i vantaggi offerti dalle soluzioni pagamenti, beneficiando al contempo della regolamentazione e del controllo dell’Autorità monetaria.

Tanamasoandro: La nuova città si trasferisce a Imerintsiatosika

Adesso è ufficiale. L'ex base della NASA a Tsimahabeomby Imerintsiatosika sulla RN1 è stata scelta per la costruzione di una nuova città al posto di Ambohitrimanjaka. Questo progetto, che consiste nell'ampliare il capoluogo, sorgerà su un terreno di 1000 ettari. Gli uffici ministeriali verranno progressivamente spostati in questo luogo situato a 26 km dalla capitale. " L'idea è quella di iniziare a spostare i distretti amministrativi di Anosy in una nuova posizione. E lo farà a Imerintsiatosika ”, ha dichiarato il viceministro responsabile delle nuove città e degli alloggi Angelo Zasy. Mercoledì, diversi funzionari statali interessati da questo progetto presidenziale si sono recati in questo sito per installare il cartello che informava la costruzione della "New West Town". Su questa targa si informa il pubblico che "tutto il terreno interessato dal progetto non può più essere oggetto di vendita, domanda e / o passaggio di proprietà". L'unica vendita autorizzata deve essere effettuata allo Stato, che già si riserva il diritto di prelazione per eventuali passaggi di proprietà. Lo Stato rinuncia quindi ad Ambohitrimanjaka per la costruzione della nuova città, una delle promesse presidenziali. Infatti, il progetto non ha potuto concretizzarsi a causa delle proteste degli abitanti di questa località. Per il membro del governo, il sito di Imerintsiatosika risponde bene al progetto e rappresenta diversi punti di forza. “Si trova in un raggio di meno di 40 km da Antananarivo. Ciò che è interessante in termini di sviluppo urbano e in effetti è una riserva di terra dove c'è poca occupazione. Quindi, in termini di pianificazione del progetto, è molto più facile attivare un progetto su un sito dove non c'è nessuno piuttosto che su un sito dove ci sono molte persone con cui discutere "

By |Novembre 6th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Camaleonte del Madagascar visto per la prima volta dopo 100 anni

Questo venerdì, 30 ottobre, un team di scienziati tedeschi e malgasci ha annunciato la riscoperta del misterioso camaleonte Voeltzkow, un magnifico animale sfuggito al rilevamento per un secolo, riferisce The Independent . I ricercatori hanno individuato il camaleonte durante una spedizione nel nord-ovest dell'isola. Nonostante il suo talento per il camuffamento, gli scienziati hanno ipotizzato che se l'animale non fosse stato visto per 100 anni, è perché vive solo durante la stagione delle piogge. Durante questi pochi mesi, lascia il suo uovo, cresce rapidamente, affronta i suoi rivali, compagni e partorisce a turno, prima di morire una vita frenetica. " È un po 'come le farfalle dei vertebrati ", dice lo zoologo bavarese Frank Glaw. Quando sono incinte, le femmine si adornano di colori sublimi, che hanno permesso la loro osservazione. I ricercatori stanno accompagnando il loro prezioso studio con un avvertimento: non solo i camaleonti di Voeltzkow sono animali fragili, ma il loro habitat è minacciato dalla deforestazione. È quindi necessario mettere in atto misure di protezione che consentano loro di vivere per molti altri secoli, anche fuori dalla vista.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il prezzo del riso galoppa

Con il periodo di magra che si avvicina con la stagione degli uragani, il prezzo di "vary gasy" così come quello di "makalioka" è in aumento sia nelle vendite all'ingrosso che al dettaglio. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, l'Osservatorio del riso (Odr) ha registrato il prezzo del makalioka intorno ai milleottocento ariary al chilo. Attualmente questo stesso tipo di riso è accessibile solo da duemila ariary al chilo. “Di solito vendiamo un sacco di makalioka da cinquanta chilogrammi per novantatremila ariary. Ma per vari motivi, i nostri fornitori sono stati costretti ad aumentare i prezzi di vendita. Questo ci costringe ad allineare il nostro margine in base a questo aumento ", spiega un grossista di Anosibe. Aggiunge che uno dei motivi dell'aumento del prezzo del makalioka, che è il tipo di riso più consumato, è la scomparsa del riso bianco importato dall'intero mercato locale. “Sono passati mesi da quando abbiamo ricevuto o trovato scorte di riso di lusso, riso bianco importato. Un periodo che coincide con le misure statali sugli aiuti agli indigenti durante il parto. Il makalioka ha così preso il posto di quest'ultimo mentre il suo prezzo è aumentato in modo del tutto naturale ”lamenta lo stesso grossista. In questo contesto, il ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) Lantosoa Rakotomalala ha detto l'altro ieri che non ci sarà più aumento del prezzo del riso dalla prossima settimana nonostante il contesto attuale che presenta forti rischi di inflazione. “Certo, arriviamo ad ottobre, periodo che segna la fine del consumo di riso prodotto localmente per passare al riso importato. Nonostante ciò, è utile ricordare la politica dello Stato in materia, che è quella di importare direttamente prodotti essenziali per poter gestire al meglio i prezzi al consumo ”, afferma il ministro. Per fugare i timori, il ministro del Commercio ha fatto lo stesso discorso qualche mese fa verso l'inizio del periodo di reclusione per placare i consumatori sulla fissazione del prezzo massimo di vendita per chilo di riso. "Il prezzo del riso scenderà entro la fine della settimana", ha annunciato il ministro nel marzo di quest'anno. Una dichiarazione che è stata seguita da una dichiarazione del Consiglio dei Ministri che è andato oltre sostenendo che il prezzo del riso non dovrebbe superare i milleottocento ariary al chilo e che sarebbero state prese severe sanzioni contro coloro che avrebbero beneficiato di la situazione per aumentare il prezzo. Per riuscire a contenere il prezzo a questo livello, Lantosoa Rakotomalala sostiene che lo stato è già al lavoro per importare il riso necessario al consumo. “È utile ricordare che il 90% del consumo malgascio è costituito da riso di produzione locale e che il restante 10% risulta essere riso importato. Il processo di importazione è già stato avviato dallo Stato con l'obiettivo di stabilizzare sia l'offerta del mercato locale sia il prezzo del riso che sarà disponibile su questo mercato ”indica il responsabile di MICA.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il turismo in Madagascar ha perso l’83% del fatturato

La raccolta dei dati per la seconda edizione dell'High Frequency Household Telephone Survey (EHFTM) è stata effettuata dal 5 al 20 agosto con un campione composto da 1.580 famiglie distribuite in tutto il Paese. Come promemoria, l'obiettivo di questa serie di indagini è monitorare l'evoluzione degli indicatori per misurare l'impatto dell'epidemia di COVID-19 sulle condizioni di vita delle famiglie. Al fine di rispettare le misure di allontanamento sociale richieste durante questo periodo, si ritiene che l'indagine sia impostata secondo l'approccio CATI ed è stata effettuata tramite intervista telefonica. Il governo dovrebbe comunicare di più sull'utilizzo dei fondi destinati alla risposta al Covid-19, chiedono ad esempio le famiglie che hanno partecipato alla 2 a ondata dell'EHFTM. Per quanto riguarda la ripresa delle attività economiche e quindi il ritorno al lavoro, permane un senso di incertezza tra i lavoratori che hanno perso il lavoro. Più di un terzo non è del tutto sicuro di tornare al lavoro nel prossimo futuro. Pertanto, la vera sfida per il Madagascar è garantire la ripresa economica ponendo fine al lock down, secondo i risultati della seconda edizione dell'High Frequency Household Telephone Survey (EHFTM). Per il settore turistico in particolare, il fatturato è diminuito dell'83%. Questo settore, importante fornitore di valuta estera, dovrà beneficiare della riapertura delle frontiere. I dipendenti dei settori ricreativo, artistico e dell'intrattenimento sono i più colpiti dalla perdita di posti di lavoro a causa della pandemia Covid-19. Si registra una diminuzione del tasso di perdita del lavoro, dal 13% al 6%, per i lavori del settore formale. Il settore formale rimane il più esposto alla crisi sanitaria che colpisce il Madagascar. D'altra parte, quattro posti di lavoro su cento sono stati persi a causa del coronavirus durante il periodo trattato. Durante la raccolta dei dati relativi alla 2 a ondata dell'EHFTM è stato notato che le restrizioni al movimento sono talvolta incompatibili con l'esercizio delle attività di sopravvivenza. La percentuale di famiglie non soddisfatte delle misure adottate dal governo è aumentata del 15% dal primo sondaggio. Inoltre, è richiesta una distribuzione più equa degli aiuti nelle diverse regioni e anche all'interno della stessa comunità. Un migliore targeting potrebbe portare a questo aiuto a beneficio dei più bisognosi, dicono le famiglie.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Obbligo di mostrare prezzi in Ariary

La Banca Centrale ha appena emesso un promemoria sull'uso dell' Ariary nel commercio locale. "Nel quadro degli obiettivi e delle missioni fissate dal suo statuto, la BFM ricorda al pubblico che la visualizzazione dei prezzi, la costituzione di contratti di affitto e fatturazione e il pagamento devono essere stabiliti in Ariary. Allo stesso modo, i testi giuridici prescrivono la visualizzazione dei prezzi di beni e servizi forniti nel territorio doganale nazionale. Con poche eccezioni relative ad operazioni che coinvolgono società della zona franca "annuncia ufficialmente la banca centrale. "È chiaro che sempre più fornitori di servizi, distributori e persino operatori immobiliari  omettono la visualizzazione dei prezzi in Ariary per aggirare il codice di scambio navigando sulla progressione del valore delle valute come l'euro e il dollaro a svantaggio dei consumatori locali ”lamenta un agente immobiliare che lavora per un'agenzia dalla parte di Antsahavola. L'atto di mostrare prezzi diversi dall'ariary è un reato punibile per legge.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-16T05:03:34+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima