Home/Blog/E-ariary: per un sistema di pagamento moderno e affidabile

Nell’ambito del consolidamento delle sue missioni fondamentali, Banky Foiben’i Madagasikara (BFM) è chiamata a lavorare per il benessere economico dei cittadini malgasci. Il progetto e-Ariary mira a sostenere questa visione garantendo l’accesso della popolazione a un sistema di pagamento moderno e affidabile.

Consiste nello svolgimento di un lavoro di progettazione e di un programma di sperimentazione per il potenziale problema dell’e-Ariary.

“Questo progetto si inserisce in una prospettiva volta, in particolare, ad affermare la sovranità della moneta nazionale, sostenere gli obiettivi di inclusione finanziaria, controllare l’espansione della circolazione monetaria e rafforzare l’efficienza, efficienza, sicurezza e solidità del sistema di pagamento nazionale “, sottolinea la Banca Centrale.

Il progetto si propone di mettere a disposizione del pubblico, oltre alle banconote, un mezzo di pagamento sicuro, di facile applicazione, accessibile, avente corso legale nel territorio nazionale, e presentando i vantaggi offerti dalle soluzioni pagamenti, beneficiando al contempo della regolamentazione e del controllo dell’Autorità monetaria.

Kitesurf a Tanà: chi l’avrebbe creduto?

Fatto insolito giovedì scorso sul lato della tangenziale di Tsarasaotra. Quattro giovani hanno dispiegato strane vele sul lago, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Il kitesurf è possibile ad Antananarivo. "Ogni volta che c'è vento, puoi andare a fare kite", ha detto Tsiory Panoël Razafindrasata, uno dei giovani che ieri ha provato l'esperimento. Dice che non erano al loro primo tentativo ad Antananarivo. “Ne abbiamo già fatti alcuni per Ivato a maggio. Abbiamo fatto una ricognizione sul posto e siamo entrati in acqua ”, spiega. Per la seduta di ieri, la piccola squadra si è recata lì la scorsa settimana per verificare se le condizioni fossero corrette. Potenziale inutilizzato Secondo Tsiory Panoël Razafindrasata, è possibile sviluppare attività intorno al kitesurf su questo sito. "Ma sarà più iniziazione", ha detto, aggiungendo che sono su un progetto per creare una scuola di kitesurf chiamata Mada Kite Bros. Per conoscere le vere sensazioni di questo sport estremo, questo istruttore indica che niente batte il nord dell'isola, ad Antsiranana. “A Diego abbiamo uno dei migliori kite spot del mondo. Il vento è costante lì quasi 9 mesi su 12, da marzo a novembre ”, dice. Si rammarica che questo potenziale non venga sfruttato a causa del problema dei trasporti. “Per raggiungere Diego, i turisti devono viaggiare su strada o prendere l'aereo costoso. Per questo motivo, le persone preferiscono Maurice ", spiega. Aggiunge che i turisti che vogliono fare kitesurf possono facilmente perdere 4 giorni sulla strada. Oltre ad Antsiranana, il Madagascar ha anche spot per i kite nel sud, sia vicino a Toliara che a Taolagnaro, da ottobre a febbraio. ",

By |Ottobre 29th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Creare un ecosistema on-demand da zero: la corsa tecnologica per salvare migliaia di specie prima che il cambiamento climatico le inghiottisca

Il Madagascar è un posto molto strano. Circa il 70% delle specie che vivono lì non si trovano in nessun'altra parte della Terra. Cioè, ha la più alta concentrazione di "fauna endemica" del pianeta E si vede. Negli ultimi dieci anni (e solo negli ultimi dieci anni), i ricercatori hanno scoperto 40 nuovi mammiferi, 69 anfibi, 61 rettili, 42 invertebrati e 385 piante nel Paese. Ma, come dice Erik Vance, non è solo un ottimo posto per studiare la vita, è anche un ottimo posto per studiare la morte. La morte di intere specie, appunto. Ed è che il Madagascar è anche a capo dei paesi con le specie più a rischio di estinzione . I lemuri, ad esempio, sono il gruppo di animali più a rischio di estinzione al mondo. Qualcosa di logico se si tiene conto del fatto che vivono in uno dei luoghi più disboscati di cui abbiamo testimonianza. "Io sono io e la mia situazione" è una frase ben nota di Ortega y Gasset; quello che non è così noto è il suo seguito, il "e se non la salvo, non mi salverò". Alla luce della teoria dell'evoluzione, questa frase diventa una terribile intuizione : non saremo in grado di salvare tutte queste specie malgasce senza salvare tutti questi ecosistemi devastati dal bracconaggio, dall'agricoltura indiscriminata, dal disboscamento illegale e dal cambiamento. clima. Per questo motivo, molti scienziati hanno passato anni a cercare di uscire dai confini tradizionali dei parchi e delle riserve naturali che, come vediamo vivere e vivere, non funzionano. Ecosistemi che stanno scomparendo Per generazioni le riserve naturali sono state fondamentali. Questo è il motivo per cui i rinoceronti bianchi meridionali non hanno seguito i loro cugini settentrionali nella transizione verso l'estinzione o perché le linci iberiche stanno gradualmente riguadagnando una certa stabilità come specie. Ma cosa succede quando questo concreto che vogliamo (p) riservare non è più lo stesso? E se il cambiamento climatico, i cambiamenti di temperatura o la dinamica dell'acqua rendessero i territori tradizionali incompatibili con la vita di queste specie? Il risultato che vediamo molto spesso: popolazioni sempre più piccole senza sufficiente diversità genetica che vivono in ecosistemi spezzati. Senza discostarsi dall'esempio del Madagascar, uno studio pubblicato su Nature Climate Change nel 2019 ha mostrato come, secondo i modelli climatici più robusti, le condizioni climatiche dell '“habitat ideale” del lemure rosso si sposterebbero gradualmente verso aree. già disboscato. Cioè, fino all'83% del suo habitat potrebbe essere perso . Alla ricerca dell '"arca di Noè" Negli ultimi anni, "l'ecologia del ripristino", gli sforzi per riparare i danni umani agli ecosistemi e alla biodiversità, è diventato un campo in crescita . L'economista Pavan Sukhdev ha calcolato nel 2012 che gli interventi dedicati al ripristino degli ecosistemi sono in grado di ottenere un ritorno fino a 75 volte maggiore dell'investimento iniziale e di progetti come il recupero del Mare d'Aral settentrionale us consentire di dimostrarlo. Da leggere: OnePlus North è disponibile anche in versione arenaria Ciò significa che, sempre in Madagascar, agenti privati [...]

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar: Air Austral effettua voli per Nosy Be

La compagnia aerea Air Austral può ancora offrire voli tra la Reunion e Nosy Be , nonostante l'annuncio da parte del governo malgascio della chiusura dei confini del Madagascar a nove paesi europei tra cui la Francia. I passeggeri dalla Francia, invece, sono vietati. L'annuncio della scorsa settimana da parte del Madagascar di nuove restrizioni di viaggio per l'aumento della pandemia di Covid-19 in Europa è stato addolcito: l'aviazione civile del Madagascar ha detto che i passeggeri di Mayotte e Reunion non erano da considerarsi preoccupanti. I voli Air Austral previsti tra la sua base di Saint Denis-Roland Garros e l'aeroporto di Nosy Be sono quindi mantenuti, con rotazioni lunedì e giovedì dall'inizio di novembre e "IATA winter" secondo il suo comunicato stampa. Da Dzaoudzi-Pamandzi a Mayotte, EWA Air non ha comunicato nullasull'argomento, il suo sito di prenotazione continua a indicare questo martedì mattina dei posti disponibili domenica prossima poi di nuovo a dicembre. Air Austral comunica , tuttavia, che i passeggeri dalla Francia continentale in corrispondenza non saranno accettati. Ha ripreso le rotazioni su Nosy Be “ in stretto collegamento con le sue autorità di vigilanza ” il 16 ottobre , con un secondo volo venerdì scorso; e sta già valutando un programma più consistente " man mano che la situazione evolve ". Ricorda che Nosy Be, la principale destinazione turistica del Madagascar, era stata riaperta ai visitatori stranieri all'inizio del mese; i paesi interessati dalle nuove restrizioni di viaggio sono: Germania, Belgio, Spagna, Francia, quindi, Italia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Russia e Ucraina.

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Le carceri soffrono ancora del sovraffollamento

Un anno dopo che il presidente Andry Rajoelina si è impegnato a decongestionare le carceri, le persone detenute in Madagascar continuano a soffrire in carceri sovraffollate, dove sono fino a tre volte più numerose di quanto consentito dalla capacità,  ha dichiarato Amnesty International il 23 ottobre 2020. A causa dell'uso eccessivo della custodia cautelare, migliaia di persone languiscono nelle carceri malgasce senza essere state condannate per alcun reato. "Il presidente Andry Rajoelina ha infranto la sua promessa di decongestionare le prigioni del Madagascar, che sono tristemente sovraffollate. Anche se il nuovo coronavirus si diffonde in tutto il paese, le carceri rimangono piene di detenuti in custodia cautelare accusati di reati minori non violenti, tra cui molti bambini, ha affermato Deprose Muchena, direttore del programma dell'Africa orientale. e l'Africa meridionale ad Amnesty International. "A causa dei sistematici fallimenti del sistema giudiziario malgascio, migliaia di persone si ritrovano imprigionate anche prima di essere processate, provocando un grave sovraffollamento. Il presidente Andry Rajoelina deve rilasciare immediatamente coloro che sono in custodia cautelare, a cominciare da coloro che non rappresentano alcuna minaccia per la società, vale a dire quelli detenuti per reati minori commessi senza violenza, e i bambini, e assicura che gli altri detenuti abbiano accesso a cure mediche adeguate. " Covid-19 Il sovraffollamento delle carceri malgasce pone seri rischi per la salute e la sicurezza, soprattutto nel contesto della pandemia COVID-19. I detenuti in attesa di giudizio rappresentano il 54% della popolazione carceraria del Paese. Centinaia di bambini vengono così detenuti in condizioni deplorevoli, senza essere stati condannati per alcun reato: il 75% dei ragazzi e il 68% delle ragazze incarcerate sono in custodia cautelare. Andry Rajoelina ha concesso la grazia presidenziale a più di mille detenuti a giugno, aprendo la strada al loro rilascio, ma questa misura eccezionale purtroppo ha escluso tutti coloro che erano in custodia cautelare. Le carceri del paese hanno una capacità cumulativa di circa 10.000 detenuti. Tuttavia, nell'agosto 2020, questi 82 istituti hanno ospitato insieme più di 27.000 detenuti, quasi tre volte la loro capacità. Quel mese, 22 persone detenute sono state uccise dalle forze di sicurezza malgasce mentre cercavano di fuggire dalla prigione di Farafangana, nel sud-est del Paese. Altre decine di feriti gravi sono stati ricoverati. In tutto, 88 persone detenute sono fuggite. I diritti umani delle persone detenute vengono regolarmente violati a causa delle condizioni deplorevoli nelle carceri, tra cui cibo insufficiente e strutture igieniche scadenti. A causa della mancanza di spazio, queste persone devono dormire a turno sul pavimento. I fattori scatenanti della fuga da Farafangana sono state le terribili condizioni di vita, i maltrattamenti e la privazione dei contatti tra i detenuti e le loro famiglie. La maggior parte di coloro che sono fuggiti erano in custodia cautelare. “Molti di quelli detenuti nelle carceri malgasce sono stati a lungo detenuti senza processo e molti, compresi i bambini e coloro che sono accusati di reati minori, non dovrebbero nemmeno essere dietro le sbarre. Per cominciare, il presidente Andry Rajoelina potrebbe prendere in [...]

By |Ottobre 27th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

L’ariary rimane fermo

Un euro viene acquistato per esattamente 4641 ariary mentre un dollaro vale quasi 4000 unità della nostra valuta locale. Rispetto ai tassi di cambio di inizio anno, l'ariary sembra non registrare alcun progresso nei confronti delle due valute centrali. “Questo deprezzamento relativamente ampio dell'ariary conferma in ogni caso la proiezione della legge finanziaria di modifica che, nella sua nota esplicativa, segnala una svalutazione del 2,3% nel corso dell'anno. Un deprezzamento derivante in particolare dalla dipendenza dell'economia dagli aiuti esterni e dal persistente ampliamento della bilancia commerciale. Infatti, nonostante una fornitura relativamente ampia proveniente dai ricavi dell'industria della vaniglia, Madagascar continua a importare molto, in particolare carburante. Secondo i suoi analisti, il modo migliore per invertire la tendenza dei tassi di cambio, e quindi vedere apprezzarsi l'ariary rispetto alle valute di riferimento del dollaro e dell'euro, è migliorare la produttività industriale. Inoltre, l'interruzione delle catene di approvvigionamento globali, in particolare dalla Cina, sta portando a una paralisi del commercio internazionale. In questo contesto, il livello delle esportazioni e delle importazioni è destinato a diminuire drasticamente. Dato il loro peso sulla bilancia dei beni e dei servizi, le importazioni in termini di valore si contrarranno più di quella delle esportazioni. “Con la crisi sanitaria, la bilancia commerciale ha registrato notevoli divari. Le esportazioni hanno subito flessioni significative, per citare solo il settore minerario che è uno dei pilastri di questi movimenti. D'altra parte, il nostro volume di importazioni rimane pressoché incomprimibile in quanto la maggior parte dei prodotti che consumiamo sono di origine straniera. Anche il settore turistico, una delle principali fonti di valuta estera, è fermo. Ciò ha un forte impatto sulla nostra riserva di valuta estera "ha spiegato Andrianantenaina Ramarifeno, coordinatrice nazionale del Circolo degli economisti. Quindi, questa svalutazione dell'ariary inizia a preoccupare seriamente l'economia. Quest'ultima prevede un'inflazione galoppante nelle prossime settimane, nella misura in cui questo forte deprezzamento dell'ariary ha un impatto considerevole sul potere d'acquisto dei consumatori malgasci in questi tempi di pandemia. Tuttavia, un certo strato della società riesce a fare bene. "Più l'ariary si deprezza, più va a nostro vantaggio perché i nostri servizi in outsourcing sono generalmente remunerati in euro", spiega un lavoratore autonomo. la maggior parte dei cui clienti risiede in Europa. La sfortuna di alcuni fa la felicità di altri. L'espressione non ha mai assunto così bene il suo significato.

By |Ottobre 24th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia. "  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall'Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  ", secondo il deputato. Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell'associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l'indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy. Il deputato ha indicato che i membri dell'ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l'Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy. Indagine Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell'esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l'esistenza di queste morti. D'altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell'appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l'acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”. Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance. “  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d'acquisto  ”, secondo il capo del distretto. Un'altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall'insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”. I funzionari dell'Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di [...]

By |Ottobre 21st, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-16T05:03:34+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima