Home/Blog/In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

L’ufficializzazione della creazione dell’attesissima 23a regione

Dopo le regioni di Anosy e Androy, da venerdì il presidente del Madagascar Andry Rajoelina è in tournée nella regione di Vatovavy Fitovinany. In questo momento la questione della divisione in due di questa regione, con la creazione della 23a regione del Madagascar, Fitovinany, è in pieno svolgimento, questa visita ha il suo destino politico. Tanto più che la questione dovrebbe essere affrontata per la prima volta a livello parlamentare durante la seconda sessione ordinaria che si aprirà martedì 20 ottobre. A prima vista, questa discesa nella regione di Vatovavy Fitovinany ha un carattere economico poiché da quel primo giorno il Presidente della Repubblica ha inaugurato un nuovo edificio di una fabbrica di miele Saint-Joseph a Manakara. Si tratta di un'unità di confezionamento del miele prodotto dagli apicoltori dei 18 comuni della città e dei suoi dintorni. Un progetto che nasce dalla collaborazione del programma “Fihariana”, avviato da Andry Rajoelina, con operatori economici come la società “Senteurs et saveurs de Madagascar (SSM). "Seguendo l'esempio della vaniglia del Madagascar, la cui qualità è riconosciuta in tutto il mondo, dobbiamo sostenere tutte le innovazioni volte a sostenere i nostri produttori locali affinché possano migliorare la qualità dei loro prodotti e portare in alto il nome del Madagascar". , ha detto il presidente. Grazie al progetto Soa Tantely, il Programma Fihariana fornisce supporto tecnico, nonché i finanziamenti necessari agli apicoltori locali per migliorare la qualità del miele e aumentare le loro capacità produttive. Il finanziamento nell'ambito di questo programma ammonta a Ariary 1.297.700.000. 188 apicoltori dei 18 comuni beneficiari hanno beneficiato di questo finanziamento e della formazione nel quadro dell'attuazione di questo programma. Questo creerà quindi 564 posti di lavoro per gli apicoltori e aumenterà la produzione di miele nelle regioni fino a 160 tonnellate, poiché il progetto ha permesso di finanziare 3.760 alveari con una capacità di produzione di 600 litri e 3 raccolti per anno dagli apicoltori. Ma alla fine, è davvero una visita di natura politica nel quadro dell'istituzione della 23a regione del Madagascar, che è anche una delle promesse della campagna di Andry Rajoelina. Infatti, all'ordine del giorno del presidente ci sono gli incontri con i capi abituali e gli Ampanjaka di Manakara, Namorona e Mananjary che costituiscono un vero comitato di saggi, inevitabile in questa parte del Madagascar, quando si tratta di prendere un'importante decisione politica, economica o sociale che riguarda la regione e la popolazione.

By |Ottobre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Obbligo di mostrare prezzi in Ariary

La Banca Centrale ha appena emesso un promemoria sull'uso dell' Ariary nel commercio locale. "Nel quadro degli obiettivi e delle missioni fissate dal suo statuto, la BFM ricorda al pubblico che la visualizzazione dei prezzi, la costituzione di contratti di affitto e fatturazione e il pagamento devono essere stabiliti in Ariary. Allo stesso modo, i testi giuridici prescrivono la visualizzazione dei prezzi di beni e servizi forniti nel territorio doganale nazionale. Con poche eccezioni relative ad operazioni che coinvolgono società della zona franca "annuncia ufficialmente la banca centrale. "È chiaro che sempre più fornitori di servizi, distributori e persino operatori immobiliari  omettono la visualizzazione dei prezzi in Ariary per aggirare il codice di scambio navigando sulla progressione del valore delle valute come l'euro e il dollaro a svantaggio dei consumatori locali ”lamenta un agente immobiliare che lavora per un'agenzia dalla parte di Antsahavola. L'atto di mostrare prezzi diversi dall'ariary è un reato punibile per legge.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Le carceri soffrono ancora del sovraffollamento

Un anno dopo che il presidente Andry Rajoelina si è impegnato a decongestionare le carceri, le persone detenute in Madagascar continuano a soffrire in carceri sovraffollate, dove sono fino a tre volte più numerose di quanto consentito dalla capacità,  ha dichiarato Amnesty International il 23 ottobre 2020. A causa dell'uso eccessivo della custodia cautelare, migliaia di persone languiscono nelle carceri malgasce senza essere state condannate per alcun reato. "Il presidente Andry Rajoelina ha infranto la sua promessa di decongestionare le prigioni del Madagascar, che sono tristemente sovraffollate. Anche se il nuovo coronavirus si diffonde in tutto il paese, le carceri rimangono piene di detenuti in custodia cautelare accusati di reati minori non violenti, tra cui molti bambini, ha affermato Deprose Muchena, direttore del programma dell'Africa orientale. e l'Africa meridionale ad Amnesty International. "A causa dei sistematici fallimenti del sistema giudiziario malgascio, migliaia di persone si ritrovano imprigionate anche prima di essere processate, provocando un grave sovraffollamento. Il presidente Andry Rajoelina deve rilasciare immediatamente coloro che sono in custodia cautelare, a cominciare da coloro che non rappresentano alcuna minaccia per la società, vale a dire quelli detenuti per reati minori commessi senza violenza, e i bambini, e assicura che gli altri detenuti abbiano accesso a cure mediche adeguate. " Covid-19 Il sovraffollamento delle carceri malgasce pone seri rischi per la salute e la sicurezza, soprattutto nel contesto della pandemia COVID-19. I detenuti in attesa di giudizio rappresentano il 54% della popolazione carceraria del Paese. Centinaia di bambini vengono così detenuti in condizioni deplorevoli, senza essere stati condannati per alcun reato: il 75% dei ragazzi e il 68% delle ragazze incarcerate sono in custodia cautelare. Andry Rajoelina ha concesso la grazia presidenziale a più di mille detenuti a giugno, aprendo la strada al loro rilascio, ma questa misura eccezionale purtroppo ha escluso tutti coloro che erano in custodia cautelare. Le carceri del paese hanno una capacità cumulativa di circa 10.000 detenuti. Tuttavia, nell'agosto 2020, questi 82 istituti hanno ospitato insieme più di 27.000 detenuti, quasi tre volte la loro capacità. Quel mese, 22 persone detenute sono state uccise dalle forze di sicurezza malgasce mentre cercavano di fuggire dalla prigione di Farafangana, nel sud-est del Paese. Altre decine di feriti gravi sono stati ricoverati. In tutto, 88 persone detenute sono fuggite. I diritti umani delle persone detenute vengono regolarmente violati a causa delle condizioni deplorevoli nelle carceri, tra cui cibo insufficiente e strutture igieniche scadenti. A causa della mancanza di spazio, queste persone devono dormire a turno sul pavimento. I fattori scatenanti della fuga da Farafangana sono state le terribili condizioni di vita, i maltrattamenti e la privazione dei contatti tra i detenuti e le loro famiglie. La maggior parte di coloro che sono fuggiti erano in custodia cautelare. “Molti di quelli detenuti nelle carceri malgasce sono stati a lungo detenuti senza processo e molti, compresi i bambini e coloro che sono accusati di reati minori, non dovrebbero nemmeno essere dietro le sbarre. Per cominciare, il presidente Andry Rajoelina potrebbe prendere in [...]

By |Ottobre 27th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Kitesurf a Tanà: chi l’avrebbe creduto?

Fatto insolito giovedì scorso sul lato della tangenziale di Tsarasaotra. Quattro giovani hanno dispiegato strane vele sul lago, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Il kitesurf è possibile ad Antananarivo. "Ogni volta che c'è vento, puoi andare a fare kite", ha detto Tsiory Panoël Razafindrasata, uno dei giovani che ieri ha provato l'esperimento. Dice che non erano al loro primo tentativo ad Antananarivo. “Ne abbiamo già fatti alcuni per Ivato a maggio. Abbiamo fatto una ricognizione sul posto e siamo entrati in acqua ”, spiega. Per la seduta di ieri, la piccola squadra si è recata lì la scorsa settimana per verificare se le condizioni fossero corrette. Potenziale inutilizzato Secondo Tsiory Panoël Razafindrasata, è possibile sviluppare attività intorno al kitesurf su questo sito. "Ma sarà più iniziazione", ha detto, aggiungendo che sono su un progetto per creare una scuola di kitesurf chiamata Mada Kite Bros. Per conoscere le vere sensazioni di questo sport estremo, questo istruttore indica che niente batte il nord dell'isola, ad Antsiranana. “A Diego abbiamo uno dei migliori kite spot del mondo. Il vento è costante lì quasi 9 mesi su 12, da marzo a novembre ”, dice. Si rammarica che questo potenziale non venga sfruttato a causa del problema dei trasporti. “Per raggiungere Diego, i turisti devono viaggiare su strada o prendere l'aereo costoso. Per questo motivo, le persone preferiscono Maurice ", spiega. Aggiunge che i turisti che vogliono fare kitesurf possono facilmente perdere 4 giorni sulla strada. Oltre ad Antsiranana, il Madagascar ha anche spot per i kite nel sud, sia vicino a Toliara che a Taolagnaro, da ottobre a febbraio. ",

By |Ottobre 29th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima