Home/Blog/In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

La peste ricompare in Amoron’i Mania e Matsiatra Ambony

Dramma in una famiglia ad Andranomiditra Vohibato. Due sorelle, 19 e 4 anni, sono morte di peste bubbonica a settembre, secondo una fonte del distretto sanitario di Vohibato. “Non sono sopravvissute perché non hanno ricevuto le cure necessarie. Vivono molto lontano da un centro sanitario di base (CSB), a tre ore a piedi ", ha detto ieri questa fonte. Altre tre persone hanno sviluppato sintomi di peste bubbonica in quel distretto nello stesso mese. Questi ultimi sono guariti essendo stati curati in tempo. Queste persone avrebbero preso la peste, vivendo nella foresta, dimora naturale dei topi. Da allora, Vohibato si è mobilitato per prevenire la diffusione della malattia. “Le persone a contatto con i pazienti hanno ricevuto trattamenti profilattici per la prevenzione della malattia. Il villaggio è stato disinfettato. La popolazione è sensibilizzata alla prevenzione della peste. La sorveglianza è rafforzata ", aggiunge la nostra fonte. Casi di peste bubbonica e polmonare sono stati segnalati anche nella regione di Amoron'i Mania, Manandriana e Ambositra, secondo il Segretario Generale del Ministero della Salute Pubblica, Dr Fanja Dominique Rasamoelina. Un caso confermato e due casi sospetti (positivo al test diagnostico rapido, in attesa di conferma dall'Istituto Pasteur in Madagascar). Due sono guariti, compreso un caso di peste polmonare. A Manandriana è in cura un caso di peste bubbonica. “Questo paziente mostra i sintomi della malattia, viene dal distretto di Ambositra. È assistito a Manandriana, perché è il centro sanitario più vicino a lui ", ha detto una fonte. Da settembre ad aprile è la stagione dell'epidemia di peste. I casi di peste vengono segnalati quasi ogni anno durante questa stagione, soprattutto negli altopiani, aree endemiche della peste. Tra agosto e novembre 2017, il Madagascar ha vissuto una grande epidemia di peste urbana. Le autorità hanno contato più di duemilatrecento casi, inclusi duecento morti, in questo periodo. Un'epidemia di peste potrebbe riemergere, se le misure di prevenzione non vengono rafforzate.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Meteorologia – La stagione dei cicloni sarà attiva e intensa

I tecnici della direzione generale della meteorologia stanno mobilitando la popolazione per prepararsi ai rischi climatici che possono sorgere tra novembre e aprile 2021. Le sue proiezioni si basano su una stagione degli uragani attiva e intensa. “Da tre a cinque perturbazioni potrebbero interessare il Madagascar, durante la stagione degli uragani. Uno o due potenti cicloni potrebbero atterrare sulle nostre coste. Queste perturbazioni potrebbero formarsi tanto sul versante dell'Oceano Indiano quanto sul versante del Canale del Mozambico ”, riassume ieri Zo Andrianina Rakotomavo, capo del Servizio di ricerca idrometeorologica presso la Direzione generale della meteorologia. Questo tecnico anticipa la formazione di un ciclone intenso come il ciclone tropicale Enawo che ha devastato il Madagascar nel marzo 2017. Ha colpito più di quattrocentomila persone, con più di ottanta morti. L'anno scorso, quattro tempeste si sono formate intorno all'isola, una è atterrata sulle coste nord-occidentali, provocando vaste inondazioni a nord e ovest. "Non è il numero dei cicloni che conta, ma la loro intensità". I tecnici meteorologici parlano di una stagione degli uragani leggermente superiore alla normale. Anzela Mamiarisoa Ramarosandratana, responsabile del servizio Adattamenti alle tecniche avanzate, all'interno di questo dipartimento, fornisce come spiegazione l'ingresso nella fase La Nina, da moderata a forte. Le temperature della superficie del mare saranno più fresche della media nell'Oceano Pacifico, mentre quelle nell'Oceano Indiano aumenteranno. "Questo riscaldamento della superficie del mare è favorevole alla formazione di cicloni". Questo mese di ottobre è il traguardo per svolgere i lavori di prevenzione degli problemi in caso di ciclone. “Segnala immediatamente l'esistenza di vecchi alberi che potrebbero crollare vicino a casa tua. Ripara le crepe sui muri. Ripara i tuoi tetti. Controlla tutto ciò che potrebbe causare incidenti. E segui le informazioni, non solo sul coronavirus ”, esorta Zo Andrianina Rakotomavo. Il BNGRC attenderà questo bollettino dalla Direzione Generale della Meteorologia, per affinare i propri interventi.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il ministero della Pesca mette in guardia dal consumo di diverse specie di animali marini

Verranno applicati severi controlli nei mercati di diverse regioni della grande isola dopo gli incidenti di intossicazione alimentare da parte di animali marini a Fenoarivo Atsinanana e Antalaha. “Le divisioni ministeriali a livello regionale garantiranno il controllo della vendita e del consumo di animali marini a rischio a livello dei mercati. Il controllo potrebbe portare al ritiro del permesso di raccolta per i pescatori ", ha affermato il dottor Etienne Rabemanaja, direttore della pesca a livello del Ministero dell'agricoltura, dell'allevamento e della pesca (MAEP). Questa settimana il consumo di pesce ha causato la morte di diverse persone a Fenerive Est. Queste persone sono morte dopo aver consumato tartarughe marine o "Fano". È stato in seguito a questo incidente che il Ministero della pesca ha avvertito la popolazione, soprattutto nelle regioni costiere, del rischio di intossicazione alimentare da parte di questi animali marini. “È vietato consumare o vendere determinate specie di pesci, squali o persino tartarughe durante un certo periodo. Il motivo di questo divieto è che la stagione calda è il periodo di fioritura delle microalghe in mare. I fiori sono la fonte dei veleni contenuti nell'apparato digerente e anche nella carne di alcuni pesci ", spiega il dottor Etienne Rabemanaja, direttore della pesca a livello MAEP. Da ottobre ad aprile, la pesca e il consumo rimangono vietati al largo delle coste del paese. Diversi animali marini tra cui specie di pesci, squali e tartarughe rappresentano pericoli per la salute umana se consumati. Esistono, ad esempio, sette specie di squali, come lo squalo martello smerlato, lo squalo pinna bianca o "Hazalava", lo squalo pinna bianca o "Akiho", lo squalo maculato, lo squalo cane palla o "Boriloha", lo squalo volpe. Per le tartarughe, le tartarughe embricate e le tartarughe verdi rappresentano potenzialmente rischi tossici. Inoltre, tredici specie di pesci sono le più pericolose per l'uomo, tra cui la sardinella maculata o "Geba". “Le specie elencate sono vietate per il consumo da ottobre ad aprile. Con l'accumulo di tossine nei loro corpi, gli esseri umani sono in cima alla catena alimentare e potrebbero essere seriamente colpiti. Come è avvenuto questa settimana ”, dice il direttore della pesca.

By |Ottobre 9th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima