Home/Blog/Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia.

”  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall’Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  “, secondo il deputato.

Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell’associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l’indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy.

Il deputato ha indicato che i membri dell’ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l’Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy.

Indagine

Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell’esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l’esistenza di queste morti. D’altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell’appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l’acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”.

Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance.

“  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d’acquisto  ”, secondo il capo del distretto.

Un’altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall’insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”.

I funzionari dell’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di un centro di riabilitazione medica e nutrizionale intensiva. lottare contro l’insicurezza alimentare in questo distretto.

Secondo il comunicato di USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale, il governo degli Stati Uniti ha appena fornito a 64mila bambini del Madagascar meridionale aiuti per 2,5 milioni di dollari. per aiutarli a combattere la malnutrizione. Questo aiuto sarà gestito dal WFP (Programma alimentare mondiale) e dall’UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia). Secondo lo stesso comunicato, uno studio condotto nell’aprile 2020 ha ha indicato che quest’anno 119.000 bambini malgasci soffriranno di malnutrizione acuta moderata e oltre 19.000 altri saranno colpiti da malnutrizione acuta grave in sei distretti del Madagascar meridionale.

Tamponi non più obbligatori sui voli interni Tsaradia

I passeggeri sui voli nazionali non sono più tenuti a presentare un test PCR negativo prima di imbarcarsi su un volo della compagnia aerea Tsaradia. In altre parole, il test PCR non è più obbligatorio. La decisione è stata presa a seguito della revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. Questa nuova disposizione entra in vigore da oggi stesso per ogni passeggero in partenza da Antananarivo per le province, e per ogni passeggero in partenza dalle province per Antananarivo, indica la compagnia Tsaradia. La compagnia invita comunque i passeggeri a rispettare i gesti di barriera in ogni fase del viaggio. Questi includono il rispetto delle distanze fisiche, l'uso di una maschera e il lavaggio frequente delle mani con gel idroalcolico.

By |Ottobre 20th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Una seconda compagnia sbarca a Nosy Be

Marie Joseph Malé, Presidente e CEO di Air Austral, accoglie con favore la riapertura di Nosy Be al turismo. "Questo è un passo importante per Air Austral", spiega. La compagnia programmerà quindi i voli tra la Reunion  e Nosy Be dal 16 ottobre. D'altra parte, Air Austral specifica che nessun viaggio verso la la grande isola del Madagascar sarà autorizzato. I turisti dovranno rimanere a Nosy Be. I primi due voli sono previsti tra la Reunion Island e Nosy Be, utilizzando un Boeing 737-800 con una capacità di 162 posti. Si tratta di due voli Reunion <> Nosy Be che collegano Parigi <> Reunion voli, venerdì 16 e 23 ottobre. Air Austral ha detto, tuttavia, che un programma di volo più ampio potrebbe essere messo in atto dall'inizio di novembre, a seconda dell'evoluzione della situazione. “Un aggiornamento della situazione a metà ottobre consentirà di prendere una decisione definitiva” indica la società. Come spiegato dalle autorità, gli spostamenti dei turisti in loco saranno inizialmente limitati all'isola di Nosy Be e agli arcipelaghi ad essa annessi. Nessun viaggio verso la gande isola del Madagascar sarà autorizzato. I passeggeri di questi voli sono soggetti allo stesso protocollo sanitario delle altre compagnie aeree che servono Nosy Be. Tra questi, l'obbligo di presentare un test RT-PCR negativo effettuato entro 3 giorni prima dell'imbarco. I passeggeri che non abbiano effettuato in precedenza questo test o quelli con esito positivo non potranno salire a bordo dell'aereo. Una volta a Nosy Be, è obbligatorio anche il test PCR e il rispetto di un massimo di 48 ore di isolamento del confino a spese del passeggero in attesa dei risultati del test.

By |Ottobre 10th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Un altro monumento storico di Antananarivo è stato riabilitato

Un luogo storico ad Antananarivo situato vicino al Palazzo Reale di Manjakamiadana ad Andohalo, il tribunale d'Ambatondrafandrana , è ora in fase di ristrutturazione. Questo a seguito dei lavori di riabilitazione realizzati in pochi mesi, con il finanziamento del Ministero della Comunicazione e della Cultura (MCC). “Questo sito fa parte del patrimonio nazionale dal 1978. Tuttavia, era in uno stato pietoso, a causa della mancanza di manutenzione negli ultimi anni. L'ultima ristrutturazione risale al 2006, curata dall'associazione amici del patrimonio. Tuttavia, la valorizzazione del nostro patrimonio storico fa parte della politica del ministero, da qui il lavoro di riabilitazione intrapreso. Inoltre, durante il progetto "Tagnamaro" realizzato nel 2019, si sono potuti realizzare alcuni piccoli lavori, tra cui la tinteggiatura. Grandi opere in calcestruzzo e legno, tra cui il rifacimento del tetto, dei pilastri, del giardino  sono ora completate ”, spiega Lalatiana Andriatongarivo, ministro responsabile.  D'ora in poi, questo sito è accessibile al pubblico in generale. Può anche ospitare eventi culturali, compresi quelli che espongono la storia. Gli agenti del MCC lo sorvegliano durante il giorno, prima che gli elementi delle forze di sicurezza prendano il sopravvento di notte. Gestione assicurata tramite il fondo "Lovako" Più di 170 patrimoni nazionali sono annoverati in tutto il Madagascar. Il MCC ne assicura la gestione, attraverso il fondo “Lovako”. Tutte le entrate raccolte da palazzi, musei e altri siti storici vanno a questo fondo. Sono utilizzati in particolare per finanziare i lavori di riabilitazione di questi siti. “In collaborazione con i dipartimenti regionali di comunicazione e cultura, stiamo individuando da due a tre siti per regione da riabilitare. Anche notabili e leader tradizionali partecipano alla loro identificazione, mentre il ministero si occupa di arbitrato. I relativi lavori sono già iniziati e proseguiranno nel 2021 ”, suggerisce il n ° 1 del MCC. Per informazione, la Corte di Ambatondrafandrana è l'antico palazzo di giustizia ai tempi dei reali, sin dal regno del re Andrianampoinimerina. La struttura in pietra, che ha l'aspetto di un tempio greco, fu però realizzata nel 1881 dall'architetto inglese John Parrett, durante il regno della regina Ranavalona II. Il suo stile greco ionico, con le 16 colonne, rappresenta i 16 regni di Merina.

By |Ottobre 10th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

La peste ricompare in Amoron’i Mania e Matsiatra Ambony

Dramma in una famiglia ad Andranomiditra Vohibato. Due sorelle, 19 e 4 anni, sono morte di peste bubbonica a settembre, secondo una fonte del distretto sanitario di Vohibato. “Non sono sopravvissute perché non hanno ricevuto le cure necessarie. Vivono molto lontano da un centro sanitario di base (CSB), a tre ore a piedi ", ha detto ieri questa fonte. Altre tre persone hanno sviluppato sintomi di peste bubbonica in quel distretto nello stesso mese. Questi ultimi sono guariti essendo stati curati in tempo. Queste persone avrebbero preso la peste, vivendo nella foresta, dimora naturale dei topi. Da allora, Vohibato si è mobilitato per prevenire la diffusione della malattia. “Le persone a contatto con i pazienti hanno ricevuto trattamenti profilattici per la prevenzione della malattia. Il villaggio è stato disinfettato. La popolazione è sensibilizzata alla prevenzione della peste. La sorveglianza è rafforzata ", aggiunge la nostra fonte. Casi di peste bubbonica e polmonare sono stati segnalati anche nella regione di Amoron'i Mania, Manandriana e Ambositra, secondo il Segretario Generale del Ministero della Salute Pubblica, Dr Fanja Dominique Rasamoelina. Un caso confermato e due casi sospetti (positivo al test diagnostico rapido, in attesa di conferma dall'Istituto Pasteur in Madagascar). Due sono guariti, compreso un caso di peste polmonare. A Manandriana è in cura un caso di peste bubbonica. “Questo paziente mostra i sintomi della malattia, viene dal distretto di Ambositra. È assistito a Manandriana, perché è il centro sanitario più vicino a lui ", ha detto una fonte. Da settembre ad aprile è la stagione dell'epidemia di peste. I casi di peste vengono segnalati quasi ogni anno durante questa stagione, soprattutto negli altopiani, aree endemiche della peste. Tra agosto e novembre 2017, il Madagascar ha vissuto una grande epidemia di peste urbana. Le autorità hanno contato più di duemilatrecento casi, inclusi duecento morti, in questo periodo. Un'epidemia di peste potrebbe riemergere, se le misure di prevenzione non vengono rafforzate.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il cambiamento climatico potrebbe uccidere la vaniglia

La vaniglia è un'orchidea che ha più di 100 specie distribuite ai tropici del Sud America , Africa e Asia . È l'unica orchidea per uso industriale e la più conosciuta è la vaniglia planifolia da cui si estrae la vaniglia che ha tanti usi in tutto il mondo. È originario di Veracruz, in Messico , dove gli indiani Totonac lo coltivavano già come fiore nero. Furono gli spagnoli che poi iniziarono ad esportarlo. Oggi, l'80% della vaniglia consumata nel mondo viene prodotta in Madagascar , dove il cambiamento climatico sta diventando molto evidente. Siccità e tempeste tropicali sempre più intense mettono così a repentaglio la produzione e ne aumentano il prezzo. Inoltre, vere e proprie gang hanno creato il traffico internazionale rubando la produzione e poi vendendola sul mercato. La vaniglia è uno dei gusti più utilizzati al mondo per la realizzazione di gelati, dolciumi e aromi ma, paradossalmente, la sua produzione è in calo, il che incide sui suoi prezzi che stanno diventando sempre più alti. Va detto che le condizioni meteorologiche a volte estreme non consentono ai produttori di avere un orizzonte chiaro . Sapevamo già che il cambiamento climatico può lasciarci senza cioccolato, caffè o birra . Anche minore, può avere un tale impatto che un lungo elenco di prodotti comuni nella nostra vita inizia ad avere problemi nella loro produzione. Alcuni di loro si verificano in climi molto specifici e possono essere seriamente minacciati. Ad esempio, nel 2017, il ciclone Enawo ha colpito il Madagascar , uccidendo almeno 38 persone e sfollando più di 53.000. Il suo impatto sull'economia dell'isola è stato particolarmente significativo. Questo evento da solo ha rovinato il 30% dei raccolti di vaniglia, molti dei quali erano irrecuperabili a causa di danni al terreno. Questi tipi di impatti climatici rendono il compito degli agricoltori sempre più complesso e con un indice di incertezza più elevato. Questo è il motivo per cui il prezzo della vaniglia ha continuato ad aumentare nell'ultimo decennio , le difficoltà della sua produzione l'hanno portato ad essere moltiplicato per 8. Nel 2019 un rapporto ha indicato che il prezzo della vaniglia la vaniglia era cresciuta così tanto che valeva quanto i soldi . Questo ingrediente, oltre al Madagascar, è coltivato in India , Papua Nuova Guinea e Uganda, tra gli altri produttori di questo tipo di orchidea. Ma anche in Indonesia che è il secondo produttore mondiale. Ci vogliono tre anni perché la vaniglia fiorisca . Una volta aperti, i suoi delicati fiori gialli sopravvivono a malapena dodici ore prima di appassire, e questo accade solo una volta all'anno. In questo breve tempo il fiore va fecondato, perché senza impollinazione non c'è baccello . E in assenza dell'ape Melipona, che era incaricata di svolgere questo lavoro in modo naturale e gratuito nello stato di Veracruz, il processo viene ora svolto a mano , utilizzando una sottile canna di bambù. Un'arte particolarmente delicata! Dopo nove mesi, quando i baccelli sono ancora verdi e prima che inizino a ingiallire, vengono [...]

By |Novembre 24th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-21T08:31:05+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima