Home/Blog/Distretto della rafia: la regione Sofia si dota di un centro di trattamento

Visitando Antsohihy, nella regione di Sofia, il Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato, Lantosoa Rakotomalala, ha consegnato una serie di attrezzature al Centro regionale per l’artigianato malgascio (CERAM).

Materiali per migliorare la qualità della rafia malgascia

Annunciato pochi giorni fa in un comunicato stampa del Ministero responsabile dell’artigianato, il 14 ottobre 2020 è stato consegnato un set di attrezzature per il trattamento della rafia al Centro regionale per l’artigianato malgascio ( CERAM) di Sofia, con sede ad Antsohihy.

Data la sua portata nel settore dell’artigianato, il settore della rafia è una delle priorità all’interno di MICA. È così che sono state installate moderne apparecchiature tendenti a una qualche forma di automazione: due grandi telai, due stampanti 3D, attrezzature per incisione CNC.

L’obiettivo di MICA di sostenere lo sviluppo qualitativo e quantitativo del settore viene quindi confermato attraverso questa azione. Il ministero sta inoltre rafforzando le sue azioni per professionalizzare e promuovere il settore, in particolare in questa regione produttrice. Questa fornitura di materiali mira a consentire agli artigiani di soddisfare la domanda di un mercato internazionale esigente, come COMESA, e di promuovere il know-how e la cultura malgascia.

Un importante supporto per lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile nella regione

20 artigiane della regione sono state identificate come le prime beneficiarie di questo workshop. Tuttavia, l’accesso al laboratorio è aperto alle associazioni di artigiani che esprimono interesse ad aderire a questa visione di stabilire una qualità superiore della rafia. Queste azioni del Ministero tendono in modo concreto alla realizzazione del Velirano, istituito dal Capo dello Stato, in particolare il 6 ° sull’occupazione dignitosa per tutti e il 7 ° sulla promozione dell’imprenditorialità femminile nelle regioni.

Avendo sostenuto il Ministro: “ Incubatore di imprese, terreno fertile per un’occupazione dignitosa, il settore dell’artigianato partecipa alla crescita e allo sviluppo del Madagascar e contribuisce efficacemente alla riduzione povertà così come l’influenza della sua cultura a livello internazionale. »

Inoltre, la consegna di questi materiali avviene in un momento in cui riposizionarsi in termini di qualità del lavoro è una necessità per affrontare un’economia segnata dallo sconvolgimento causato da COVID-19.

 

Gli operatori turistici chiedono la riapertura dello spazio aereo per Aprile

Il settore del turismo sta lottando per riprendersi. Secondo il Groupement des Entreprises de Madagascar (GEM) e la Federazione degli albergatori e ristoratori del Madagascar (FHORM), la ripresa sarà più che lenta per il settore nel 2021 e nel 2022. "Il settore dipende anche da fattori esogeni come il fatto che i viaggi aerei dei vacanzieri dai mercati di emissione saranno ridotti a 3-5 ore di viaggio da casa, questi viaggi saranno essenzialmente ridotti ai paesi che beneficiano di vaccini. , beneficiando dell'assicurazione di viaggio. Studi internazionali dimostrano che il ritorno alla normalità del trasporto aereo non avverrà fino al 2023. Questi fattori ci permettono di capire che il 2021 sarà un altro anno a meno del 25% dei ricavi e il 2022 a inferiore al 50% ", è indicato. GEM e FHORM ritengono quindi che sia necessario migliorare il supporto al settore. Chiedono inoltre al Ministero dei Trasporti, del Turismo e della Meteorologia di agire con un approccio settoriale e specifico ai problemi e alle sfide del settore Turismo-Hotel-Ristorazione. Si sottolinea che due punti di attenzione particolari dovrebbero essere monitorati e migliorati, come la tassazione specifica della THR e un miglioramento della governance del territorio al fine di garantire gli investimenti. Inoltre, gli operatori del turismo chiedono il consolidamento nel 2021-2022 e 2023 del dialogo pubblico-privato al fine di ottenere una governance e uno sviluppo concertati che siano vantaggiosi per tutte le parti interessate. Sono inoltre richiesti il ​​supporto per le fatture scadute di Jirama da aprile a novembre 2020, il supporto per gli oneri sociali del 2020, nonché un sussidio di ONTM per poter garantire la sua missione di promozione nazionale e internazionale. Gli operatori chiedono inoltre la realizzazione di un corridoio del turismo d'affari con test PCR in partenza e in arrivo (analisi in 24 ore), l'apertura del turismo al mercato regionale da aprile 2021 con test PCR alla partenza (o vaccino) e all'arrivo (analisi in 24 ore) e apertura al turismo internazionale nel giugno 2021 con le stesse condizioni. "Ora è essenziale aiutare e sostenere il settore in modo che durante l'inizio della ripresa internazionale a metà del 2022, i posti di lavoro sono stati preservati e gli operatori, comprese le microimprese, le piccole e medie imprese insieme ai grandi gruppi, sono presenti sul mercato e sono ancora competitivi e professionali ”, indicano il GEM e il FHORM.   Impatti drammatici di Covid-19   Prima della crisi sanitaria, il settore del turismo rappresentava dal 7% al 10% del PIL ed era identificato come settore prioritario per lo sviluppo. Si noti che con oltre 44.000 posti di lavoro diretti e 1.500.000 posti di lavoro lungo la catena del valore, questo settore è una forza trainante nei lavori di base e nell'approccio di genere. Il turismo ha anche fornito una manna di valuta al mercato finanziario malgascio, note GEM e FHORM. Tuttavia, è chiaro che a causa della pandemia Covid-19, il settore ha perso, nel 2020, circa 2.132 miliardi di entrate che hanno generato stipendi, investimenti e tasse. [...]

By |Febbraio 3rd, 2021|Categories: Blog|0 Comments

L’attore americano Tom Cruise è in Madagascar

L'attore americano Tom Cruise è in Madagascar. La star cinematografica e altre dieci persone sono atterrati all'aeroporto di Antsiranana domenica scorsa, secondo una fonte locale. Appena arrivati, la delegazione si è sottoposta ai vari protocolli sanitari in vigore nel Paese. Gli elicotteri li hanno poi presi a bordo per raggiungere l'arcipelago di Ankao situato tra Antsiranana e Vohémar. Si dice che l'interprete di Maverick in Top Gun e il suo sequel siano in vacanza privata. Hanno scelto l'arcipelago di Ankao nella top 5 delle isole private più belle del continente africano per ricaricare le batterie dopo le riprese della loro prossima opera di Mission Impossible, la cui uscita è prevista per il 19 novembre 2021. Durante le riprese nel Regno Unito, l'attore era furioso per il mancato rispetto delle regole anti-covid da parte di alcuni tecnici sul set. L'arcipelago di Ankao è una delle principali destinazioni di lusso del Madagascar, dove i pernottamenti superano i  2.500 dollari a notte. Quando contattato, Time and Tide, che gestisce l'eco-lodge ultra lusso di Miavana su questo arcipelago, non ha risposto alle nostre domande sull'attore americano di 58 anni in viaggio. In questo arcipelago non mancano le attività con le immersioni subacquee, il whale watching, le escursioni in elicottero intorno all'arcipelago, l'ozio ecc ... Sulle bellissime spiagge di Nosy Ankao sono state erette 14 ville private per un soggiorno indimenticabile .

By |Dicembre 22nd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il cambiamento climatico potrebbe uccidere la vaniglia

La vaniglia è un'orchidea che ha più di 100 specie distribuite ai tropici del Sud America , Africa e Asia . È l'unica orchidea per uso industriale e la più conosciuta è la vaniglia planifolia da cui si estrae la vaniglia che ha tanti usi in tutto il mondo. È originario di Veracruz, in Messico , dove gli indiani Totonac lo coltivavano già come fiore nero. Furono gli spagnoli che poi iniziarono ad esportarlo. Oggi, l'80% della vaniglia consumata nel mondo viene prodotta in Madagascar , dove il cambiamento climatico sta diventando molto evidente. Siccità e tempeste tropicali sempre più intense mettono così a repentaglio la produzione e ne aumentano il prezzo. Inoltre, vere e proprie gang hanno creato il traffico internazionale rubando la produzione e poi vendendola sul mercato. La vaniglia è uno dei gusti più utilizzati al mondo per la realizzazione di gelati, dolciumi e aromi ma, paradossalmente, la sua produzione è in calo, il che incide sui suoi prezzi che stanno diventando sempre più alti. Va detto che le condizioni meteorologiche a volte estreme non consentono ai produttori di avere un orizzonte chiaro . Sapevamo già che il cambiamento climatico può lasciarci senza cioccolato, caffè o birra . Anche minore, può avere un tale impatto che un lungo elenco di prodotti comuni nella nostra vita inizia ad avere problemi nella loro produzione. Alcuni di loro si verificano in climi molto specifici e possono essere seriamente minacciati. Ad esempio, nel 2017, il ciclone Enawo ha colpito il Madagascar , uccidendo almeno 38 persone e sfollando più di 53.000. Il suo impatto sull'economia dell'isola è stato particolarmente significativo. Questo evento da solo ha rovinato il 30% dei raccolti di vaniglia, molti dei quali erano irrecuperabili a causa di danni al terreno. Questi tipi di impatti climatici rendono il compito degli agricoltori sempre più complesso e con un indice di incertezza più elevato. Questo è il motivo per cui il prezzo della vaniglia ha continuato ad aumentare nell'ultimo decennio , le difficoltà della sua produzione l'hanno portato ad essere moltiplicato per 8. Nel 2019 un rapporto ha indicato che il prezzo della vaniglia la vaniglia era cresciuta così tanto che valeva quanto i soldi . Questo ingrediente, oltre al Madagascar, è coltivato in India , Papua Nuova Guinea e Uganda, tra gli altri produttori di questo tipo di orchidea. Ma anche in Indonesia che è il secondo produttore mondiale. Ci vogliono tre anni perché la vaniglia fiorisca . Una volta aperti, i suoi delicati fiori gialli sopravvivono a malapena dodici ore prima di appassire, e questo accade solo una volta all'anno. In questo breve tempo il fiore va fecondato, perché senza impollinazione non c'è baccello . E in assenza dell'ape Melipona, che era incaricata di svolgere questo lavoro in modo naturale e gratuito nello stato di Veracruz, il processo viene ora svolto a mano , utilizzando una sottile canna di bambù. Un'arte particolarmente delicata! Dopo nove mesi, quando i baccelli sono ancora verdi e prima che inizino a ingiallire, vengono [...]

By |Novembre 24th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar ospite d’onore all’African Business Week in Italia

Il Madagascar è stato, il 9 novembre 2020, il paese ospite d'onore della 4a edizione del “Forum de l'Italia Africa Business Week 2020” (IABW 2020), una delle più grandi fiere di imprese e cooperazione economica dell'Italia, che riunisce rappresentanti di Paesi, operatori economici e associazioni a vocazione economica dell'Italia e dei Paesi africani. Fin dal suo lancio, l'obiettivo del Forum è stato quello di sviluppare il commercio, le relazioni commerciali e gli investimenti tra Italia e Africa. Durante la conferenza di apertura del Forum, il Ministro degli Affari Esteri, Djacoba AS Oliva Tehindrazanarivelo, ha presentato le opportunità di business e di investimento, nonché i settori ad alto potenziale del Madagascar, in particolare l'estrazione mineraria, turismo, energia, infrastrutture, nuove tecnologie e agroalimentare. Ha inoltre evidenziato le azioni dello Stato malgascio volte a migliorare la governance e il clima degli investimenti, nel quadro dell'Iniziativa per l'emergenza del Madagascar avviata dal Presidente della Repubblica, Andry Rajoelina. Per raggiungere gli obiettivi della diplomazia economica attuati dal Ministero degli Affari Esteri, il Madagascar si apre a tutte le forme di cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa. Gli investitori italiani saranno quindi invitati a contribuire alla sua marcia verso l'emergenza, sulla base di una partnership win-win.

By |Novembre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-16T05:11:07+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima