Home/Blog/Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia.

”  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall’Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  “, secondo il deputato.

Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell’associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l’indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy.

Il deputato ha indicato che i membri dell’ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l’Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy.

Indagine

Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell’esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l’esistenza di queste morti. D’altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell’appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l’acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”.

Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance.

“  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d’acquisto  ”, secondo il capo del distretto.

Un’altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall’insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”.

I funzionari dell’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di un centro di riabilitazione medica e nutrizionale intensiva. lottare contro l’insicurezza alimentare in questo distretto.

Secondo il comunicato di USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale, il governo degli Stati Uniti ha appena fornito a 64mila bambini del Madagascar meridionale aiuti per 2,5 milioni di dollari. per aiutarli a combattere la malnutrizione. Questo aiuto sarà gestito dal WFP (Programma alimentare mondiale) e dall’UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia). Secondo lo stesso comunicato, uno studio condotto nell’aprile 2020 ha ha indicato che quest’anno 119.000 bambini malgasci soffriranno di malnutrizione acuta moderata e oltre 19.000 altri saranno colpiti da malnutrizione acuta grave in sei distretti del Madagascar meridionale.

Camaleonte del Madagascar visto per la prima volta dopo 100 anni

Questo venerdì, 30 ottobre, un team di scienziati tedeschi e malgasci ha annunciato la riscoperta del misterioso camaleonte Voeltzkow, un magnifico animale sfuggito al rilevamento per un secolo, riferisce The Independent . I ricercatori hanno individuato il camaleonte durante una spedizione nel nord-ovest dell'isola. Nonostante il suo talento per il camuffamento, gli scienziati hanno ipotizzato che se l'animale non fosse stato visto per 100 anni, è perché vive solo durante la stagione delle piogge. Durante questi pochi mesi, lascia il suo uovo, cresce rapidamente, affronta i suoi rivali, compagni e partorisce a turno, prima di morire una vita frenetica. " È un po 'come le farfalle dei vertebrati ", dice lo zoologo bavarese Frank Glaw. Quando sono incinte, le femmine si adornano di colori sublimi, che hanno permesso la loro osservazione. I ricercatori stanno accompagnando il loro prezioso studio con un avvertimento: non solo i camaleonti di Voeltzkow sono animali fragili, ma il loro habitat è minacciato dalla deforestazione. È quindi necessario mettere in atto misure di protezione che consentano loro di vivere per molti altri secoli, anche fuori dalla vista.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Situazione Covid-19: le autorità annunciano la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico

Il rapporto sull'evoluzione dell'epidemia di Covid-19 sarà ora settimanale. Lalatiana Rakotondrazafy, Ministro della Comunicazione e della Cultura, annuncia martedì la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico sui canali audiovisivi del Paese. Questa decisione porrà così fine all'emissione giornaliera del COVID-19 Operational Command Center (CCO). Secondo il portavoce del governo, questa decisione è stata presa di concerto con il presidente della Repubblica. "Il Madagascar ha quasi sconfitto l'epidemia", dichiara prima di aggiungere che il programma verrà mantenuto settimanalmente finché l'epidemia non sarà completamente sconfitta. Il presidente Andry Rajoelina ha affidato alla professoressa Hanta Vololontiana la pubblicazione quotidiana dell'evoluzione di questa epidemia in Madagascar. Era l'unica voce autorizzata a parlare del rapporto sulla situazione. Da più di nove mesi, dunque, il preside della Facoltà di Medicina dell'Università di Antananarivo è diventato l'icona della lotta contro questa malattia che ha fatto 237 vittime nel Paese. D'ora in poi, dà appuntamento ogni sabato sul nostro piccolo schermo.

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia. "  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall'Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  ", secondo il deputato. Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell'associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l'indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy. Il deputato ha indicato che i membri dell'ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l'Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy. Indagine Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell'esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l'esistenza di queste morti. D'altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell'appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l'acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”. Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance. “  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d'acquisto  ”, secondo il capo del distretto. Un'altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall'insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”. I funzionari dell'Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di [...]

By |Ottobre 21st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Obbligo di mostrare prezzi in Ariary

La Banca Centrale ha appena emesso un promemoria sull'uso dell' Ariary nel commercio locale. "Nel quadro degli obiettivi e delle missioni fissate dal suo statuto, la BFM ricorda al pubblico che la visualizzazione dei prezzi, la costituzione di contratti di affitto e fatturazione e il pagamento devono essere stabiliti in Ariary. Allo stesso modo, i testi giuridici prescrivono la visualizzazione dei prezzi di beni e servizi forniti nel territorio doganale nazionale. Con poche eccezioni relative ad operazioni che coinvolgono società della zona franca "annuncia ufficialmente la banca centrale. "È chiaro che sempre più fornitori di servizi, distributori e persino operatori immobiliari  omettono la visualizzazione dei prezzi in Ariary per aggirare il codice di scambio navigando sulla progressione del valore delle valute come l'euro e il dollaro a svantaggio dei consumatori locali ”lamenta un agente immobiliare che lavora per un'agenzia dalla parte di Antsahavola. L'atto di mostrare prezzi diversi dall'ariary è un reato punibile per legge.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Creare un ecosistema on-demand da zero: la corsa tecnologica per salvare migliaia di specie prima che il cambiamento climatico le inghiottisca

Il Madagascar è un posto molto strano. Circa il 70% delle specie che vivono lì non si trovano in nessun'altra parte della Terra. Cioè, ha la più alta concentrazione di "fauna endemica" del pianeta E si vede. Negli ultimi dieci anni (e solo negli ultimi dieci anni), i ricercatori hanno scoperto 40 nuovi mammiferi, 69 anfibi, 61 rettili, 42 invertebrati e 385 piante nel Paese. Ma, come dice Erik Vance, non è solo un ottimo posto per studiare la vita, è anche un ottimo posto per studiare la morte. La morte di intere specie, appunto. Ed è che il Madagascar è anche a capo dei paesi con le specie più a rischio di estinzione . I lemuri, ad esempio, sono il gruppo di animali più a rischio di estinzione al mondo. Qualcosa di logico se si tiene conto del fatto che vivono in uno dei luoghi più disboscati di cui abbiamo testimonianza. "Io sono io e la mia situazione" è una frase ben nota di Ortega y Gasset; quello che non è così noto è il suo seguito, il "e se non la salvo, non mi salverò". Alla luce della teoria dell'evoluzione, questa frase diventa una terribile intuizione : non saremo in grado di salvare tutte queste specie malgasce senza salvare tutti questi ecosistemi devastati dal bracconaggio, dall'agricoltura indiscriminata, dal disboscamento illegale e dal cambiamento. clima. Per questo motivo, molti scienziati hanno passato anni a cercare di uscire dai confini tradizionali dei parchi e delle riserve naturali che, come vediamo vivere e vivere, non funzionano. Ecosistemi che stanno scomparendo Per generazioni le riserve naturali sono state fondamentali. Questo è il motivo per cui i rinoceronti bianchi meridionali non hanno seguito i loro cugini settentrionali nella transizione verso l'estinzione o perché le linci iberiche stanno gradualmente riguadagnando una certa stabilità come specie. Ma cosa succede quando questo concreto che vogliamo (p) riservare non è più lo stesso? E se il cambiamento climatico, i cambiamenti di temperatura o la dinamica dell'acqua rendessero i territori tradizionali incompatibili con la vita di queste specie? Il risultato che vediamo molto spesso: popolazioni sempre più piccole senza sufficiente diversità genetica che vivono in ecosistemi spezzati. Senza discostarsi dall'esempio del Madagascar, uno studio pubblicato su Nature Climate Change nel 2019 ha mostrato come, secondo i modelli climatici più robusti, le condizioni climatiche dell '“habitat ideale” del lemure rosso si sposterebbero gradualmente verso aree. già disboscato. Cioè, fino all'83% del suo habitat potrebbe essere perso . Alla ricerca dell '"arca di Noè" Negli ultimi anni, "l'ecologia del ripristino", gli sforzi per riparare i danni umani agli ecosistemi e alla biodiversità, è diventato un campo in crescita . L'economista Pavan Sukhdev ha calcolato nel 2012 che gli interventi dedicati al ripristino degli ecosistemi sono in grado di ottenere un ritorno fino a 75 volte maggiore dell'investimento iniziale e di progetti come il recupero del Mare d'Aral settentrionale us consentire di dimostrarlo. Da leggere: OnePlus North è disponibile anche in versione arenaria Ciò significa che, sempre in Madagascar, agenti privati [...]

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-21T08:31:05+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima