La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia.

”  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall’Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  “, secondo il deputato.

Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell’associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l’indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy.

Il deputato ha indicato che i membri dell’ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l’Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy.

Indagine

Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell’esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l’esistenza di queste morti. D’altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell’appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l’acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”.

Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance.

“  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d’acquisto  ”, secondo il capo del distretto.

Un’altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall’insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”.

I funzionari dell’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di un centro di riabilitazione medica e nutrizionale intensiva. lottare contro l’insicurezza alimentare in questo distretto.

Secondo il comunicato di USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale, il governo degli Stati Uniti ha appena fornito a 64mila bambini del Madagascar meridionale aiuti per 2,5 milioni di dollari. per aiutarli a combattere la malnutrizione. Questo aiuto sarà gestito dal WFP (Programma alimentare mondiale) e dall’UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia). Secondo lo stesso comunicato, uno studio condotto nell’aprile 2020 ha ha indicato che quest’anno 119.000 bambini malgasci soffriranno di malnutrizione acuta moderata e oltre 19.000 altri saranno colpiti da malnutrizione acuta grave in sei distretti del Madagascar meridionale.

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Meteorologia – La stagione dei cicloni sarà attiva e intensa

I tecnici della direzione generale della meteorologia stanno mobilitando la popolazione per prepararsi ai rischi climatici che possono sorgere tra novembre e aprile 2021. Le sue proiezioni si basano su una stagione degli uragani attiva e intensa. “Da tre a cinque perturbazioni potrebbero interessare il Madagascar, durante la stagione degli uragani. Uno o due potenti cicloni potrebbero atterrare sulle nostre coste. Queste perturbazioni potrebbero formarsi tanto sul versante dell'Oceano Indiano quanto sul versante del Canale del Mozambico ”, riassume ieri Zo Andrianina Rakotomavo, capo del Servizio di ricerca idrometeorologica presso la Direzione generale della meteorologia. Questo tecnico anticipa la formazione di un ciclone intenso come il ciclone tropicale Enawo che ha devastato il Madagascar nel marzo 2017. Ha colpito più di quattrocentomila persone, con più di ottanta morti. L'anno scorso, quattro tempeste si sono formate intorno all'isola, una è atterrata sulle coste nord-occidentali, provocando vaste inondazioni a nord e ovest. "Non è il numero dei cicloni che conta, ma la loro intensità". I tecnici meteorologici parlano di una stagione degli uragani leggermente superiore alla normale. Anzela Mamiarisoa Ramarosandratana, responsabile del servizio Adattamenti alle tecniche avanzate, all'interno di questo dipartimento, fornisce come spiegazione l'ingresso nella fase La Nina, da moderata a forte. Le temperature della superficie del mare saranno più fresche della media nell'Oceano Pacifico, mentre quelle nell'Oceano Indiano aumenteranno. "Questo riscaldamento della superficie del mare è favorevole alla formazione di cicloni". Questo mese di ottobre è il traguardo per svolgere i lavori di prevenzione degli problemi in caso di ciclone. “Segnala immediatamente l'esistenza di vecchi alberi che potrebbero crollare vicino a casa tua. Ripara le crepe sui muri. Ripara i tuoi tetti. Controlla tutto ciò che potrebbe causare incidenti. E segui le informazioni, non solo sul coronavirus ”, esorta Zo Andrianina Rakotomavo. Il BNGRC attenderà questo bollettino dalla Direzione Generale della Meteorologia, per affinare i propri interventi.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

La peste ricompare in Amoron’i Mania e Matsiatra Ambony

Dramma in una famiglia ad Andranomiditra Vohibato. Due sorelle, 19 e 4 anni, sono morte di peste bubbonica a settembre, secondo una fonte del distretto sanitario di Vohibato. “Non sono sopravvissute perché non hanno ricevuto le cure necessarie. Vivono molto lontano da un centro sanitario di base (CSB), a tre ore a piedi ", ha detto ieri questa fonte. Altre tre persone hanno sviluppato sintomi di peste bubbonica in quel distretto nello stesso mese. Questi ultimi sono guariti essendo stati curati in tempo. Queste persone avrebbero preso la peste, vivendo nella foresta, dimora naturale dei topi. Da allora, Vohibato si è mobilitato per prevenire la diffusione della malattia. “Le persone a contatto con i pazienti hanno ricevuto trattamenti profilattici per la prevenzione della malattia. Il villaggio è stato disinfettato. La popolazione è sensibilizzata alla prevenzione della peste. La sorveglianza è rafforzata ", aggiunge la nostra fonte. Casi di peste bubbonica e polmonare sono stati segnalati anche nella regione di Amoron'i Mania, Manandriana e Ambositra, secondo il Segretario Generale del Ministero della Salute Pubblica, Dr Fanja Dominique Rasamoelina. Un caso confermato e due casi sospetti (positivo al test diagnostico rapido, in attesa di conferma dall'Istituto Pasteur in Madagascar). Due sono guariti, compreso un caso di peste polmonare. A Manandriana è in cura un caso di peste bubbonica. “Questo paziente mostra i sintomi della malattia, viene dal distretto di Ambositra. È assistito a Manandriana, perché è il centro sanitario più vicino a lui ", ha detto una fonte. Da settembre ad aprile è la stagione dell'epidemia di peste. I casi di peste vengono segnalati quasi ogni anno durante questa stagione, soprattutto negli altopiani, aree endemiche della peste. Tra agosto e novembre 2017, il Madagascar ha vissuto una grande epidemia di peste urbana. Le autorità hanno contato più di duemilatrecento casi, inclusi duecento morti, in questo periodo. Un'epidemia di peste potrebbe riemergere, se le misure di prevenzione non vengono rafforzate.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Situazione Covid-19: le autorità annunciano la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico

Il rapporto sull'evoluzione dell'epidemia di Covid-19 sarà ora settimanale. Lalatiana Rakotondrazafy, Ministro della Comunicazione e della Cultura, annuncia martedì la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico sui canali audiovisivi del Paese. Questa decisione porrà così fine all'emissione giornaliera del COVID-19 Operational Command Center (CCO). Secondo il portavoce del governo, questa decisione è stata presa di concerto con il presidente della Repubblica. "Il Madagascar ha quasi sconfitto l'epidemia", dichiara prima di aggiungere che il programma verrà mantenuto settimanalmente finché l'epidemia non sarà completamente sconfitta. Il presidente Andry Rajoelina ha affidato alla professoressa Hanta Vololontiana la pubblicazione quotidiana dell'evoluzione di questa epidemia in Madagascar. Era l'unica voce autorizzata a parlare del rapporto sulla situazione. Da più di nove mesi, dunque, il preside della Facoltà di Medicina dell'Università di Antananarivo è diventato l'icona della lotta contro questa malattia che ha fatto 237 vittime nel Paese. D'ora in poi, dà appuntamento ogni sabato sul nostro piccolo schermo.

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-21T08:31:05+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima