La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia.

”  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall’Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  “, secondo il deputato.

Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell’associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l’indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy.

Il deputato ha indicato che i membri dell’ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l’Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy.

Indagine

Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell’esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l’esistenza di queste morti. D’altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell’appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l’acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”.

Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance.

“  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d’acquisto  ”, secondo il capo del distretto.

Un’altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall’insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”.

I funzionari dell’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di un centro di riabilitazione medica e nutrizionale intensiva. lottare contro l’insicurezza alimentare in questo distretto.

Secondo il comunicato di USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale, il governo degli Stati Uniti ha appena fornito a 64mila bambini del Madagascar meridionale aiuti per 2,5 milioni di dollari. per aiutarli a combattere la malnutrizione. Questo aiuto sarà gestito dal WFP (Programma alimentare mondiale) e dall’UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia). Secondo lo stesso comunicato, uno studio condotto nell’aprile 2020 ha ha indicato che quest’anno 119.000 bambini malgasci soffriranno di malnutrizione acuta moderata e oltre 19.000 altri saranno colpiti da malnutrizione acuta grave in sei distretti del Madagascar meridionale.

L’attore americano Tom Cruise è in Madagascar

L'attore americano Tom Cruise è in Madagascar. La star cinematografica e altre dieci persone sono atterrati all'aeroporto di Antsiranana domenica scorsa, secondo una fonte locale. Appena arrivati, la delegazione si è sottoposta ai vari protocolli sanitari in vigore nel Paese. Gli elicotteri li hanno poi presi a bordo per raggiungere l'arcipelago di Ankao situato tra Antsiranana e Vohémar. Si dice che l'interprete di Maverick in Top Gun e il suo sequel siano in vacanza privata. Hanno scelto l'arcipelago di Ankao nella top 5 delle isole private più belle del continente africano per ricaricare le batterie dopo le riprese della loro prossima opera di Mission Impossible, la cui uscita è prevista per il 19 novembre 2021. Durante le riprese nel Regno Unito, l'attore era furioso per il mancato rispetto delle regole anti-covid da parte di alcuni tecnici sul set. L'arcipelago di Ankao è una delle principali destinazioni di lusso del Madagascar, dove i pernottamenti superano i  2.500 dollari a notte. Quando contattato, Time and Tide, che gestisce l'eco-lodge ultra lusso di Miavana su questo arcipelago, non ha risposto alle nostre domande sull'attore americano di 58 anni in viaggio. In questo arcipelago non mancano le attività con le immersioni subacquee, il whale watching, le escursioni in elicottero intorno all'arcipelago, l'ozio ecc ... Sulle bellissime spiagge di Nosy Ankao sono state erette 14 ville private per un soggiorno indimenticabile .

By |Dicembre 22nd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Fine dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar

Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l'ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è fissato per il 1 ° novembre. Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l'ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è previsto per il 1 ° novembre. Lo stato di emergenza sanitario dichiarato il 21 marzo è terminato. In occasione di una trasmissione televisiva questa domenica sera, il presidente Andry Rajoelina ha annunciato di aver posto fine a tutto ciò. Una decisione motivata dal calo dei nuovi casi di Covid 19 in Madagascar. Andry Rajoelina sostiene che il paese stia battendo il Covid-19. Attualmente, 348 pazienti sono ancora in cura in Madagascar. Questa domenica 18 ottobre, si registrano 3 nuovi casi positivi di Covid-19 nel Paese, di cui uno su 2 a Toliara e 1 ad Antsiranana, riferisce il Capo dello Stato. Nessun caso di coronavirus è stato confermato nella regione di Analamanga durante questo fine settimana. Nonostante la fine dello stato di emergenza sanitaria, indossare una maschera protettiva rimane obbligatorio. Devono essere osservate anche misure di barriera. Le riunioni con più di 200 persone rimangono vietate. Le misure contro la diffusione del covid-19 non sono più mantenute e la sorveglianza sarà rafforzata. Governatori e prefetti saranno in grado di adottare misure appropriate a livello di ogni distretto come parte della continua lotta contro il coronavirus, sostiene. Inoltre, l'ultimo volo di rimpatrio per le persone bloccate all'estero sarà operato da Air Madagascar il 1 novembre, afferma il presidente Andry Rajoelina. In considerazione dell'evoluzione della situazione sanitaria in altri Paesi, è stata annullata l'apertura parziale dei confini del Madagascar prevista per il 29 ottobre. I collegamenti aerei tra il Madagascar e altri paesi rimangono sospesi. I voli per Nosy Be vengono mantenuti, ad eccezione dei voli dai paesi che stanno vivendo una seconda ondata di pandemia.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Tamponi non più obbligatori sui voli interni Tsaradia

I passeggeri sui voli nazionali non sono più tenuti a presentare un test PCR negativo prima di imbarcarsi su un volo della compagnia aerea Tsaradia. In altre parole, il test PCR non è più obbligatorio. La decisione è stata presa a seguito della revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. Questa nuova disposizione entra in vigore da oggi stesso per ogni passeggero in partenza da Antananarivo per le province, e per ogni passeggero in partenza dalle province per Antananarivo, indica la compagnia Tsaradia. La compagnia invita comunque i passeggeri a rispettare i gesti di barriera in ogni fase del viaggio. Questi includono il rispetto delle distanze fisiche, l'uso di una maschera e il lavaggio frequente delle mani con gel idroalcolico.

By |Ottobre 20th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar: Air Austral effettua voli per Nosy Be

La compagnia aerea Air Austral può ancora offrire voli tra la Reunion e Nosy Be , nonostante l'annuncio da parte del governo malgascio della chiusura dei confini del Madagascar a nove paesi europei tra cui la Francia. I passeggeri dalla Francia, invece, sono vietati. L'annuncio della scorsa settimana da parte del Madagascar di nuove restrizioni di viaggio per l'aumento della pandemia di Covid-19 in Europa è stato addolcito: l'aviazione civile del Madagascar ha detto che i passeggeri di Mayotte e Reunion non erano da considerarsi preoccupanti. I voli Air Austral previsti tra la sua base di Saint Denis-Roland Garros e l'aeroporto di Nosy Be sono quindi mantenuti, con rotazioni lunedì e giovedì dall'inizio di novembre e "IATA winter" secondo il suo comunicato stampa. Da Dzaoudzi-Pamandzi a Mayotte, EWA Air non ha comunicato nullasull'argomento, il suo sito di prenotazione continua a indicare questo martedì mattina dei posti disponibili domenica prossima poi di nuovo a dicembre. Air Austral comunica , tuttavia, che i passeggeri dalla Francia continentale in corrispondenza non saranno accettati. Ha ripreso le rotazioni su Nosy Be “ in stretto collegamento con le sue autorità di vigilanza ” il 16 ottobre , con un secondo volo venerdì scorso; e sta già valutando un programma più consistente " man mano che la situazione evolve ". Ricorda che Nosy Be, la principale destinazione turistica del Madagascar, era stata riaperta ai visitatori stranieri all'inizio del mese; i paesi interessati dalle nuove restrizioni di viaggio sono: Germania, Belgio, Spagna, Francia, quindi, Italia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Russia e Ucraina.

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

E-ariary: per un sistema di pagamento moderno e affidabile

Nell'ambito del consolidamento delle sue missioni fondamentali, Banky Foiben’i Madagasikara (BFM) è chiamata a lavorare per il benessere economico dei cittadini malgasci. Il progetto e-Ariary mira a sostenere questa visione garantendo l'accesso della popolazione a un sistema di pagamento moderno e affidabile. Consiste nello svolgimento di un lavoro di progettazione e di un programma di sperimentazione per il potenziale problema dell'e-Ariary. "Questo progetto si inserisce in una prospettiva volta, in particolare, ad affermare la sovranità della moneta nazionale, sostenere gli obiettivi di inclusione finanziaria, controllare l'espansione della circolazione monetaria e rafforzare l'efficienza, efficienza, sicurezza e solidità del sistema di pagamento nazionale ", sottolinea la Banca Centrale. Il progetto si propone di mettere a disposizione del pubblico, oltre alle banconote, un mezzo di pagamento sicuro, di facile applicazione, accessibile, avente corso legale nel territorio nazionale, e presentando i vantaggi offerti dalle soluzioni pagamenti, beneficiando al contempo della regolamentazione e del controllo dell'Autorità monetaria.

By |Ottobre 15th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-21T08:31:05+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima