La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia.

”  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall’Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  “, secondo il deputato.

Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell’associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l’indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy.

Il deputato ha indicato che i membri dell’ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l’Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy.

Indagine

Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell’esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l’esistenza di queste morti. D’altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell’appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l’acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”.

Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance.

“  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d’acquisto  ”, secondo il capo del distretto.

Un’altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall’insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”.

I funzionari dell’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di un centro di riabilitazione medica e nutrizionale intensiva. lottare contro l’insicurezza alimentare in questo distretto.

Secondo il comunicato di USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale, il governo degli Stati Uniti ha appena fornito a 64mila bambini del Madagascar meridionale aiuti per 2,5 milioni di dollari. per aiutarli a combattere la malnutrizione. Questo aiuto sarà gestito dal WFP (Programma alimentare mondiale) e dall’UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia). Secondo lo stesso comunicato, uno studio condotto nell’aprile 2020 ha ha indicato che quest’anno 119.000 bambini malgasci soffriranno di malnutrizione acuta moderata e oltre 19.000 altri saranno colpiti da malnutrizione acuta grave in sei distretti del Madagascar meridionale.

Madagascar, l’altro paese del foie gras e del caviale

Alla domanda “Caviale o foie gras? " , Il Madagascar risponde " entrambi " ! Perché quest'isola dove il 75% della popolazione vive con meno di 2 euro al giorno produce anche i suoi piatti di lusso. "Per noi, lo sviluppo di un paese povero richiede prodotti ad alto valore aggiunto", spiega Delphine Dabezies, co-fondatrice dell'azienda Rova Caviar. Per lei e suo marito, il Madagascar non è più solo l'isola della vaniglia o dei litchi. Installati lì da ventitré anni, la coppia ha scelto il lago Mantasoa, a tre ore da Antananarivo, "per la purezza del suo ambiente" e per la presenza di un lago alimentato solo da acqua piovana. Lì, la coppia Dabezies e il loro partner Alexandre Guerrier hanno aperto nel 2017 il primo allevamento di storioni in Africa e nell'Oceano Indiano. Incubatoio, mangimificio, laboratorio di lavorazione: il caviale Rova impiega quasi 300 persone sui suoi 2.000 ettari. E a parte gli storioni, importati dalla Russia, tutta la trasformazione delle uova in "oro nero" avviene lì, in mezzo agli eucalipti. Fino al pellet per nutrire il pesce, prodotto da allevatori locali. La prima pietra del progetto risale al 2009, le prime uova hanno raggiunto la maturità nel 2013 e i francesi sperano di raggiungere la velocità di crociera entro il 2026. “All'inizio nessuno ha preso sul serio il nostro progetto, né banche che il nostro entourage ” , spiega quella che già esporta in Francia e Stati Uniti. I ristoratori, i privati, i grossisti e i distributori acquistano sulla Big Island e rivendono con il proprio marchio. Per una qualità ottimale del caviale, l'azienda seleziona solo specie pure di storione, tra cui beluga e Persicus, che sono state dichiarate estinte. “Il primo ministro iraniano però è venuto di persona con una delegazione qui, in Madagascar, per vedere la rinascita. Non poteva crederci! », Ricorda il produttore, soddisfatto di questo piccolo miracolo. Con vaniglia e uva A poche decine di chilometri di distanza, nel comune di Behenjy, ribattezzato “capitale del foie gras” , fiorisce un altro piatto natalizio. Miora Randriatsaratolotra, manager di Coin du foie gras, ha aperto nel 2004 la prima azienda agricola dedicata e un ristorante con lo stesso nome. "La particolarità del foie gras malgascio è che è completamente artigianale ", spiega . Diamo da mangiare alle anatre a mano, massaggiamo loro il collo per non stressarle. E il mais che viene dato viene coltivato senza prodotti chimici. " L'azienda ora vive direttamente un centinaio di persone, e indirettamente quasi altre 400 con una produzione annua di 3 tonnellate. Il Madagascar ha ora altre tre grandi società di produzione di foie gras e una decina di piccoli artigiani. Il suo best seller resta il fegato in tinta unita, ma si può anche degustare con bacche rosa o pepe verde e, per i più avventurosi, un foie gras aromatizzato con vaniglia e uva. "La clientela si è evoluta", specifica Miora Randriatsaratolotra . Prima erano soprattutto espatriati francesi e grandi ristoranti della capitale. Ora, quasi tutte le famiglie [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Scuola gratuita: un sogno per molti

L'iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall'essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi.  “ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato. I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola. Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l'Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l'arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore ...). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole. Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D'altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti. Secondo un rapporto del ministro dell'Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

By |Ottobre 16th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Distretto della rafia: la regione Sofia si dota di un centro di trattamento

Visitando Antsohihy, nella regione di Sofia, il Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, Lantosoa Rakotomalala, ha consegnato una serie di attrezzature al Centro regionale per l'artigianato malgascio (CERAM). Materiali per migliorare la qualità della rafia malgascia Annunciato pochi giorni fa in un comunicato stampa del Ministero responsabile dell'artigianato, il 14 ottobre 2020 è stato consegnato un set di attrezzature per il trattamento della rafia al Centro regionale per l'artigianato malgascio ( CERAM) di Sofia, con sede ad Antsohihy. Data la sua portata nel settore dell'artigianato, il settore della rafia è una delle priorità all'interno di MICA. È così che sono state installate moderne apparecchiature tendenti a una qualche forma di automazione: due grandi telai, due stampanti 3D, attrezzature per incisione CNC. L'obiettivo di MICA di sostenere lo sviluppo qualitativo e quantitativo del settore viene quindi confermato attraverso questa azione. Il ministero sta inoltre rafforzando le sue azioni per professionalizzare e promuovere il settore, in particolare in questa regione produttrice. Questa fornitura di materiali mira a consentire agli artigiani di soddisfare la domanda di un mercato internazionale esigente, come COMESA, e di promuovere il know-how e la cultura malgascia. Un importante supporto per lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile nella regione 20 artigiane della regione sono state identificate come le prime beneficiarie di questo workshop. Tuttavia, l'accesso al laboratorio è aperto alle associazioni di artigiani che esprimono interesse ad aderire a questa visione di stabilire una qualità superiore della rafia. Queste azioni del Ministero tendono in modo concreto alla realizzazione del Velirano, istituito dal Capo dello Stato, in particolare il 6 ° sull'occupazione dignitosa per tutti e il 7 ° sulla promozione dell'imprenditorialità femminile nelle regioni. Avendo sostenuto il Ministro: " Incubatore di imprese, terreno fertile per un'occupazione dignitosa, il settore dell'artigianato partecipa alla crescita e allo sviluppo del Madagascar e contribuisce efficacemente alla riduzione povertà così come l'influenza della sua cultura a livello internazionale. » Inoltre, la consegna di questi materiali avviene in un momento in cui riposizionarsi in termini di qualità del lavoro è una necessità per affrontare un'economia segnata dallo sconvolgimento causato da COVID-19.  

By |Ottobre 15th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar le donne pagano a caro prezzo la crisi causata dal Covid-19

Le donne malgasce stanno pagando un caro prezzo per la crisi economica e sociale causata dal Covid-19. Questa è l'osservazione del CNFM, il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar. L'organizzazione, che riunisce associazioni di tutto il Paese, mette in guardia sulla situazione di molte donne malgasce, già precarie, e che è chiaramente peggiorata dopo la pandemia di coronavirus: perdita di posti di lavoro, deterioramento della loro salute o addirittura recrudescenza della violenza. .   Nonostante il declino e la ripresa delle attività quotidiane, Tina, 41 anni, non è riuscita a ritrovare la vita che aveva prima della pandemia di coronavirus e il suo lavoro di baby sitter. Seduta sul marciapiede, una grande bacinella sulle gambe, vende uova ai passanti “Da quando ho perso il lavoro, ho fatto tutti i lavori occasionali che ho trovato: consegnare lattine d'acqua, lavare i panni e lì vendo uova sul ciglio della strada. Mio marito non ha lavoro. Le donne hanno sofferto molto per la crisi. Sono loro che fanno questo tipo di lavori per trovare i soldi, che si prendono cura dei bambini, preparano le inalazioni notturne per proteggere la famiglia dalle malattie. " Lavori nel settore informale occupati principalmente da donne osserva il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar. Un settore che ha sofferto molto durante la reclusione. Al lavatoio di Amparibe, nel centro della capitale, le lavandaie come Dominique lo testimoniano. Sta crescendo i suoi quattro figli da sola. L'assistenza sociale di 100.000 Ariary (23 euro) distribuita dallo Stato che ha ricevuto due volte non le ha permesso di tenere la testa fuori dall'acqua. “Non ho potuto lavorare per quasi cinque mesi. Adesso lavo i panni per una o due famiglie, tre al massimo, mentre prima ne avevo cinque al giorno. Abbiamo persino abbassato i nostri prezzi per attirare i clienti. Abbiamo venduto tutto quello che abbiamo in casa: la televisione, la radio, il letto, i vestiti, i piatti perché c'è l'affitto da pagare ma nessuno stipendio. Abbiamo due pentole e quattro piatti rimasti. " La porta accanto, Ginah, 30 anni, tre figli, ha visto il suo rapporto con il marito deteriorarsi. “Abbiamo litigato ogni giorno perché non c'era da mangiare. Sono le donne che pensano a tutto, a quello che mangeranno i bambini. Gli uomini no. A mio marito non importa. Ho trovato lavori strani ma non l'ha fatto. Fai i lavori domestici, lava i vestiti per guadagnare un po 'di soldi. Non sono gli uomini a farlo. Le donne devono badare a se stesse. " Il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar chiede al governo di porre rimedio a questa precarietà delle donne tenendone conto nelle sue politiche di recupero post Covid-19. "Il nostro ruolo è suonare il campanello d'allarme in modo che le autorità statali e i partner tecnici e finanziari integrino il genere in tutte le politiche di ripresa". In Madagascar, anche prima della crisi sanitaria del Covid-19, le donne erano già classificate tra i gruppi di persone vulnerabili e la crisi ha solo rafforzato questa vulnerabilità quindi [...]

By |Ottobre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Creare un ecosistema on-demand da zero: la corsa tecnologica per salvare migliaia di specie prima che il cambiamento climatico le inghiottisca

Il Madagascar è un posto molto strano. Circa il 70% delle specie che vivono lì non si trovano in nessun'altra parte della Terra. Cioè, ha la più alta concentrazione di "fauna endemica" del pianeta E si vede. Negli ultimi dieci anni (e solo negli ultimi dieci anni), i ricercatori hanno scoperto 40 nuovi mammiferi, 69 anfibi, 61 rettili, 42 invertebrati e 385 piante nel Paese. Ma, come dice Erik Vance, non è solo un ottimo posto per studiare la vita, è anche un ottimo posto per studiare la morte. La morte di intere specie, appunto. Ed è che il Madagascar è anche a capo dei paesi con le specie più a rischio di estinzione . I lemuri, ad esempio, sono il gruppo di animali più a rischio di estinzione al mondo. Qualcosa di logico se si tiene conto del fatto che vivono in uno dei luoghi più disboscati di cui abbiamo testimonianza. "Io sono io e la mia situazione" è una frase ben nota di Ortega y Gasset; quello che non è così noto è il suo seguito, il "e se non la salvo, non mi salverò". Alla luce della teoria dell'evoluzione, questa frase diventa una terribile intuizione : non saremo in grado di salvare tutte queste specie malgasce senza salvare tutti questi ecosistemi devastati dal bracconaggio, dall'agricoltura indiscriminata, dal disboscamento illegale e dal cambiamento. clima. Per questo motivo, molti scienziati hanno passato anni a cercare di uscire dai confini tradizionali dei parchi e delle riserve naturali che, come vediamo vivere e vivere, non funzionano. Ecosistemi che stanno scomparendo Per generazioni le riserve naturali sono state fondamentali. Questo è il motivo per cui i rinoceronti bianchi meridionali non hanno seguito i loro cugini settentrionali nella transizione verso l'estinzione o perché le linci iberiche stanno gradualmente riguadagnando una certa stabilità come specie. Ma cosa succede quando questo concreto che vogliamo (p) riservare non è più lo stesso? E se il cambiamento climatico, i cambiamenti di temperatura o la dinamica dell'acqua rendessero i territori tradizionali incompatibili con la vita di queste specie? Il risultato che vediamo molto spesso: popolazioni sempre più piccole senza sufficiente diversità genetica che vivono in ecosistemi spezzati. Senza discostarsi dall'esempio del Madagascar, uno studio pubblicato su Nature Climate Change nel 2019 ha mostrato come, secondo i modelli climatici più robusti, le condizioni climatiche dell '“habitat ideale” del lemure rosso si sposterebbero gradualmente verso aree. già disboscato. Cioè, fino all'83% del suo habitat potrebbe essere perso . Alla ricerca dell '"arca di Noè" Negli ultimi anni, "l'ecologia del ripristino", gli sforzi per riparare i danni umani agli ecosistemi e alla biodiversità, è diventato un campo in crescita . L'economista Pavan Sukhdev ha calcolato nel 2012 che gli interventi dedicati al ripristino degli ecosistemi sono in grado di ottenere un ritorno fino a 75 volte maggiore dell'investimento iniziale e di progetti come il recupero del Mare d'Aral settentrionale us consentire di dimostrarlo. Da leggere: OnePlus North è disponibile anche in versione arenaria Ciò significa che, sempre in Madagascar, agenti privati [...]

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-21T08:31:05+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima