Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

Madagascar, l’altro paese del foie gras e del caviale

Alla domanda “Caviale o foie gras? " , Il Madagascar risponde " entrambi " ! Perché quest'isola dove il 75% della popolazione vive con meno di 2 euro al giorno produce anche i suoi piatti di lusso. "Per noi, lo sviluppo di un paese povero richiede prodotti ad alto valore aggiunto", spiega Delphine Dabezies, co-fondatrice dell'azienda Rova Caviar. Per lei e suo marito, il Madagascar non è più solo l'isola della vaniglia o dei litchi. Installati lì da ventitré anni, la coppia ha scelto il lago Mantasoa, a tre ore da Antananarivo, "per la purezza del suo ambiente" e per la presenza di un lago alimentato solo da acqua piovana. Lì, la coppia Dabezies e il loro partner Alexandre Guerrier hanno aperto nel 2017 il primo allevamento di storioni in Africa e nell'Oceano Indiano. Incubatoio, mangimificio, laboratorio di lavorazione: il caviale Rova impiega quasi 300 persone sui suoi 2.000 ettari. E a parte gli storioni, importati dalla Russia, tutta la trasformazione delle uova in "oro nero" avviene lì, in mezzo agli eucalipti. Fino al pellet per nutrire il pesce, prodotto da allevatori locali. La prima pietra del progetto risale al 2009, le prime uova hanno raggiunto la maturità nel 2013 e i francesi sperano di raggiungere la velocità di crociera entro il 2026. “All'inizio nessuno ha preso sul serio il nostro progetto, né banche che il nostro entourage ” , spiega quella che già esporta in Francia e Stati Uniti. I ristoratori, i privati, i grossisti e i distributori acquistano sulla Big Island e rivendono con il proprio marchio. Per una qualità ottimale del caviale, l'azienda seleziona solo specie pure di storione, tra cui beluga e Persicus, che sono state dichiarate estinte. “Il primo ministro iraniano però è venuto di persona con una delegazione qui, in Madagascar, per vedere la rinascita. Non poteva crederci! », Ricorda il produttore, soddisfatto di questo piccolo miracolo. Con vaniglia e uva A poche decine di chilometri di distanza, nel comune di Behenjy, ribattezzato “capitale del foie gras” , fiorisce un altro piatto natalizio. Miora Randriatsaratolotra, manager di Coin du foie gras, ha aperto nel 2004 la prima azienda agricola dedicata e un ristorante con lo stesso nome. "La particolarità del foie gras malgascio è che è completamente artigianale ", spiega . Diamo da mangiare alle anatre a mano, massaggiamo loro il collo per non stressarle. E il mais che viene dato viene coltivato senza prodotti chimici. " L'azienda ora vive direttamente un centinaio di persone, e indirettamente quasi altre 400 con una produzione annua di 3 tonnellate. Il Madagascar ha ora altre tre grandi società di produzione di foie gras e una decina di piccoli artigiani. Il suo best seller resta il fegato in tinta unita, ma si può anche degustare con bacche rosa o pepe verde e, per i più avventurosi, un foie gras aromatizzato con vaniglia e uva. "La clientela si è evoluta", specifica Miora Randriatsaratolotra . Prima erano soprattutto espatriati francesi e grandi ristoranti della capitale. Ora, quasi tutte le famiglie [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il prezzo del riso galoppa

Con il periodo di magra che si avvicina con la stagione degli uragani, il prezzo di "vary gasy" così come quello di "makalioka" è in aumento sia nelle vendite all'ingrosso che al dettaglio. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, l'Osservatorio del riso (Odr) ha registrato il prezzo del makalioka intorno ai milleottocento ariary al chilo. Attualmente questo stesso tipo di riso è accessibile solo da duemila ariary al chilo. “Di solito vendiamo un sacco di makalioka da cinquanta chilogrammi per novantatremila ariary. Ma per vari motivi, i nostri fornitori sono stati costretti ad aumentare i prezzi di vendita. Questo ci costringe ad allineare il nostro margine in base a questo aumento ", spiega un grossista di Anosibe. Aggiunge che uno dei motivi dell'aumento del prezzo del makalioka, che è il tipo di riso più consumato, è la scomparsa del riso bianco importato dall'intero mercato locale. “Sono passati mesi da quando abbiamo ricevuto o trovato scorte di riso di lusso, riso bianco importato. Un periodo che coincide con le misure statali sugli aiuti agli indigenti durante il parto. Il makalioka ha così preso il posto di quest'ultimo mentre il suo prezzo è aumentato in modo del tutto naturale ”lamenta lo stesso grossista. In questo contesto, il ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) Lantosoa Rakotomalala ha detto l'altro ieri che non ci sarà più aumento del prezzo del riso dalla prossima settimana nonostante il contesto attuale che presenta forti rischi di inflazione. “Certo, arriviamo ad ottobre, periodo che segna la fine del consumo di riso prodotto localmente per passare al riso importato. Nonostante ciò, è utile ricordare la politica dello Stato in materia, che è quella di importare direttamente prodotti essenziali per poter gestire al meglio i prezzi al consumo ”, afferma il ministro. Per fugare i timori, il ministro del Commercio ha fatto lo stesso discorso qualche mese fa verso l'inizio del periodo di reclusione per placare i consumatori sulla fissazione del prezzo massimo di vendita per chilo di riso. "Il prezzo del riso scenderà entro la fine della settimana", ha annunciato il ministro nel marzo di quest'anno. Una dichiarazione che è stata seguita da una dichiarazione del Consiglio dei Ministri che è andato oltre sostenendo che il prezzo del riso non dovrebbe superare i milleottocento ariary al chilo e che sarebbero state prese severe sanzioni contro coloro che avrebbero beneficiato di la situazione per aumentare il prezzo. Per riuscire a contenere il prezzo a questo livello, Lantosoa Rakotomalala sostiene che lo stato è già al lavoro per importare il riso necessario al consumo. “È utile ricordare che il 90% del consumo malgascio è costituito da riso di produzione locale e che il restante 10% risulta essere riso importato. Il processo di importazione è già stato avviato dallo Stato con l'obiettivo di stabilizzare sia l'offerta del mercato locale sia il prezzo del riso che sarà disponibile su questo mercato ”indica il responsabile di MICA.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Obbligo di mostrare prezzi in Ariary

La Banca Centrale ha appena emesso un promemoria sull'uso dell' Ariary nel commercio locale. "Nel quadro degli obiettivi e delle missioni fissate dal suo statuto, la BFM ricorda al pubblico che la visualizzazione dei prezzi, la costituzione di contratti di affitto e fatturazione e il pagamento devono essere stabiliti in Ariary. Allo stesso modo, i testi giuridici prescrivono la visualizzazione dei prezzi di beni e servizi forniti nel territorio doganale nazionale. Con poche eccezioni relative ad operazioni che coinvolgono società della zona franca "annuncia ufficialmente la banca centrale. "È chiaro che sempre più fornitori di servizi, distributori e persino operatori immobiliari  omettono la visualizzazione dei prezzi in Ariary per aggirare il codice di scambio navigando sulla progressione del valore delle valute come l'euro e il dollaro a svantaggio dei consumatori locali ”lamenta un agente immobiliare che lavora per un'agenzia dalla parte di Antsahavola. L'atto di mostrare prezzi diversi dall'ariary è un reato punibile per legge.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

E-ariary: per un sistema di pagamento moderno e affidabile

Nell'ambito del consolidamento delle sue missioni fondamentali, Banky Foiben’i Madagasikara (BFM) è chiamata a lavorare per il benessere economico dei cittadini malgasci. Il progetto e-Ariary mira a sostenere questa visione garantendo l'accesso della popolazione a un sistema di pagamento moderno e affidabile. Consiste nello svolgimento di un lavoro di progettazione e di un programma di sperimentazione per il potenziale problema dell'e-Ariary. "Questo progetto si inserisce in una prospettiva volta, in particolare, ad affermare la sovranità della moneta nazionale, sostenere gli obiettivi di inclusione finanziaria, controllare l'espansione della circolazione monetaria e rafforzare l'efficienza, efficienza, sicurezza e solidità del sistema di pagamento nazionale ", sottolinea la Banca Centrale. Il progetto si propone di mettere a disposizione del pubblico, oltre alle banconote, un mezzo di pagamento sicuro, di facile applicazione, accessibile, avente corso legale nel territorio nazionale, e presentando i vantaggi offerti dalle soluzioni pagamenti, beneficiando al contempo della regolamentazione e del controllo dell'Autorità monetaria.

By |Ottobre 15th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima