Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

Rotta verso Ifaty e Mangily nel Sud del Madagascar

ROTTA VERSO IFATY E MANGILY, NEL SUD DEL MADAGASCAR Esistono forse nomi più curiosi (rispettivamente “cadavere” e “che prude”) per due località come Ifaty e Mangily, l’una più paradisiaca dell’altra? Questi villaggi dalla splendida laguna e dalla sabbia bianca fanno parte degli itinerari immancabili in Madagascar. IFATY E MANGILY: DUE VILLAGGI O UNO SOLO? Oggi per praticità si parla di Ifaty e Mangily come di un’unica località; alcuni si riferiscono a Ifaty come villaggio e a Mangily come spiaggia, altri usano Ifaty - Mangily come parola singola. La confusione nasce dalla successione di villaggi non chiaramente delimitati, e ancor di più dalla lunga spiaggia che in fin dei conti è un’unica spiaggia. Inizialmente e per come venne concepito dai locali, Ifaty indicava una serie di minuscoli villaggi situati prima di un’altra serie di minuscoli villaggi chiamata Mangily. Ifaty si trova in realtà quindi a sud di Mangily, a ventidue chilometri dalla famosa città di Toliara, e Mangily quanto a essa inizia leggermente più a nord, al terzo chilometro di Ifaty. Visti dall’acqua, l’impressione è quella di un unico lungomare. Mangily BARRIERA CORALLINA Con una barriera corallina di quaranta chilometri, la Laguna di Ifaty vi darà l’occasione di trascorrere delle ore meravigliose di divertimento sottomarino. Preparatevi a tuffarvi in acque turchesi e trasparenti, alla scoperta di un fondale inaspettatamente colorato e ricco. Per i neofiti, il “Massif des Roses” è l’appuntamento da non mancare: situato all’interno della Laguna, la sua acqua è poco profonda, cristallina e perfetta anche per chi non è un gran nuotatore. E’ qui che, chi lo desidera, può fare il suo battesimo subacqueo! Incluso il “Massif des Roses”, la Laguna di Ifaty propone dodici punti di immersione: all’interno della Laguna stessa, al suo esterno, e attraverso i Pass. Ifaty e Mangily sono raggiungibili con un qualsiasi mezzo dalla città di Toliara. Un’esperienza nell’esperienza sarà scegliere il percorso via mare (all’incirca un’oretta) tra le due località.

By |Novembre 28th, 2017|Categories: Blog|0 Comments

I moto-taxi vogliono il riconoscimento legale della loro attività

L'altro ieri ad Analakely si è formata una folla di moto-taxi per chiedere il riconoscimento legale della loro attività. Negli ultimi anni i moto-taxi hanno circolato illegalmente in diversi quartieri della capitale. In assenza di mezzi pubblici e con frequenti ingorghi nel centro della città, i moto-taxi si sono addirittura moltiplicati nonostante i loro divieti. Da martedì i moto taxi sono stati sequestrati a seguito delle operazioni di controllo effettuate dal Comune urbano di Antananarivo. I conducenti scontenti hanno chiesto di ritirare le loro due ruote. "Vogliamo il riconoscimento della nostra attività per esercitare e muoverci liberamente ad Antananarivo", proclama un tassista motociclistico. Il municipio, però, non la sente così. Naina Andriantsitohaina, sindaco della capitale, durante il suo discorso in televisione il 27 settembre. ha insistito sul fatto che non ci sarà nessun moto-taxi ad Antananarivo. Il Comune ha già parlato con l'associazione dei taxi cittadini ed erano d'accordo sull'argomento. “Come il bajaj, i moto-taxi sono ancora vietati nella capitale. Consentire loro di circolare distruggerebbe le attività dei taxi cittadini. Allo stesso modo, i clienti del moto-taxi non sono assicurati in caso di incidente stradale ", spiega un tecnico del Comune. Le offerte di servizio moto-taxi abbondano sui social network, servizio di consegna, trasporto passeggeri. Alcune persone malintenzionate guidano anche occasionalmente una motocicletta per rubare e derubare persone che usano il loro servizio.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar le donne pagano a caro prezzo la crisi causata dal Covid-19

Le donne malgasce stanno pagando un caro prezzo per la crisi economica e sociale causata dal Covid-19. Questa è l'osservazione del CNFM, il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar. L'organizzazione, che riunisce associazioni di tutto il Paese, mette in guardia sulla situazione di molte donne malgasce, già precarie, e che è chiaramente peggiorata dopo la pandemia di coronavirus: perdita di posti di lavoro, deterioramento della loro salute o addirittura recrudescenza della violenza. .   Nonostante il declino e la ripresa delle attività quotidiane, Tina, 41 anni, non è riuscita a ritrovare la vita che aveva prima della pandemia di coronavirus e il suo lavoro di baby sitter. Seduta sul marciapiede, una grande bacinella sulle gambe, vende uova ai passanti “Da quando ho perso il lavoro, ho fatto tutti i lavori occasionali che ho trovato: consegnare lattine d'acqua, lavare i panni e lì vendo uova sul ciglio della strada. Mio marito non ha lavoro. Le donne hanno sofferto molto per la crisi. Sono loro che fanno questo tipo di lavori per trovare i soldi, che si prendono cura dei bambini, preparano le inalazioni notturne per proteggere la famiglia dalle malattie. " Lavori nel settore informale occupati principalmente da donne osserva il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar. Un settore che ha sofferto molto durante la reclusione. Al lavatoio di Amparibe, nel centro della capitale, le lavandaie come Dominique lo testimoniano. Sta crescendo i suoi quattro figli da sola. L'assistenza sociale di 100.000 Ariary (23 euro) distribuita dallo Stato che ha ricevuto due volte non le ha permesso di tenere la testa fuori dall'acqua. “Non ho potuto lavorare per quasi cinque mesi. Adesso lavo i panni per una o due famiglie, tre al massimo, mentre prima ne avevo cinque al giorno. Abbiamo persino abbassato i nostri prezzi per attirare i clienti. Abbiamo venduto tutto quello che abbiamo in casa: la televisione, la radio, il letto, i vestiti, i piatti perché c'è l'affitto da pagare ma nessuno stipendio. Abbiamo due pentole e quattro piatti rimasti. " La porta accanto, Ginah, 30 anni, tre figli, ha visto il suo rapporto con il marito deteriorarsi. “Abbiamo litigato ogni giorno perché non c'era da mangiare. Sono le donne che pensano a tutto, a quello che mangeranno i bambini. Gli uomini no. A mio marito non importa. Ho trovato lavori strani ma non l'ha fatto. Fai i lavori domestici, lava i vestiti per guadagnare un po 'di soldi. Non sono gli uomini a farlo. Le donne devono badare a se stesse. " Il Consiglio nazionale delle donne del Madagascar chiede al governo di porre rimedio a questa precarietà delle donne tenendone conto nelle sue politiche di recupero post Covid-19. "Il nostro ruolo è suonare il campanello d'allarme in modo che le autorità statali e i partner tecnici e finanziari integrino il genere in tutte le politiche di ripresa". In Madagascar, anche prima della crisi sanitaria del Covid-19, le donne erano già classificate tra i gruppi di persone vulnerabili e la crisi ha solo rafforzato questa vulnerabilità quindi [...]

By |Ottobre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Meteorologia – La stagione dei cicloni sarà attiva e intensa

I tecnici della direzione generale della meteorologia stanno mobilitando la popolazione per prepararsi ai rischi climatici che possono sorgere tra novembre e aprile 2021. Le sue proiezioni si basano su una stagione degli uragani attiva e intensa. “Da tre a cinque perturbazioni potrebbero interessare il Madagascar, durante la stagione degli uragani. Uno o due potenti cicloni potrebbero atterrare sulle nostre coste. Queste perturbazioni potrebbero formarsi tanto sul versante dell'Oceano Indiano quanto sul versante del Canale del Mozambico ”, riassume ieri Zo Andrianina Rakotomavo, capo del Servizio di ricerca idrometeorologica presso la Direzione generale della meteorologia. Questo tecnico anticipa la formazione di un ciclone intenso come il ciclone tropicale Enawo che ha devastato il Madagascar nel marzo 2017. Ha colpito più di quattrocentomila persone, con più di ottanta morti. L'anno scorso, quattro tempeste si sono formate intorno all'isola, una è atterrata sulle coste nord-occidentali, provocando vaste inondazioni a nord e ovest. "Non è il numero dei cicloni che conta, ma la loro intensità". I tecnici meteorologici parlano di una stagione degli uragani leggermente superiore alla normale. Anzela Mamiarisoa Ramarosandratana, responsabile del servizio Adattamenti alle tecniche avanzate, all'interno di questo dipartimento, fornisce come spiegazione l'ingresso nella fase La Nina, da moderata a forte. Le temperature della superficie del mare saranno più fresche della media nell'Oceano Pacifico, mentre quelle nell'Oceano Indiano aumenteranno. "Questo riscaldamento della superficie del mare è favorevole alla formazione di cicloni". Questo mese di ottobre è il traguardo per svolgere i lavori di prevenzione degli problemi in caso di ciclone. “Segnala immediatamente l'esistenza di vecchi alberi che potrebbero crollare vicino a casa tua. Ripara le crepe sui muri. Ripara i tuoi tetti. Controlla tutto ciò che potrebbe causare incidenti. E segui le informazioni, non solo sul coronavirus ”, esorta Zo Andrianina Rakotomavo. Il BNGRC attenderà questo bollettino dalla Direzione Generale della Meteorologia, per affinare i propri interventi.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar ospite d’onore all’African Business Week in Italia

Il Madagascar è stato, il 9 novembre 2020, il paese ospite d'onore della 4a edizione del “Forum de l'Italia Africa Business Week 2020” (IABW 2020), una delle più grandi fiere di imprese e cooperazione economica dell'Italia, che riunisce rappresentanti di Paesi, operatori economici e associazioni a vocazione economica dell'Italia e dei Paesi africani. Fin dal suo lancio, l'obiettivo del Forum è stato quello di sviluppare il commercio, le relazioni commerciali e gli investimenti tra Italia e Africa. Durante la conferenza di apertura del Forum, il Ministro degli Affari Esteri, Djacoba AS Oliva Tehindrazanarivelo, ha presentato le opportunità di business e di investimento, nonché i settori ad alto potenziale del Madagascar, in particolare l'estrazione mineraria, turismo, energia, infrastrutture, nuove tecnologie e agroalimentare. Ha inoltre evidenziato le azioni dello Stato malgascio volte a migliorare la governance e il clima degli investimenti, nel quadro dell'Iniziativa per l'emergenza del Madagascar avviata dal Presidente della Repubblica, Andry Rajoelina. Per raggiungere gli obiettivi della diplomazia economica attuati dal Ministero degli Affari Esteri, il Madagascar si apre a tutte le forme di cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa. Gli investitori italiani saranno quindi invitati a contribuire alla sua marcia verso l'emergenza, sulla base di una partnership win-win.

By |Novembre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Le carceri soffrono ancora del sovraffollamento

Un anno dopo che il presidente Andry Rajoelina si è impegnato a decongestionare le carceri, le persone detenute in Madagascar continuano a soffrire in carceri sovraffollate, dove sono fino a tre volte più numerose di quanto consentito dalla capacità,  ha dichiarato Amnesty International il 23 ottobre 2020. A causa dell'uso eccessivo della custodia cautelare, migliaia di persone languiscono nelle carceri malgasce senza essere state condannate per alcun reato. "Il presidente Andry Rajoelina ha infranto la sua promessa di decongestionare le prigioni del Madagascar, che sono tristemente sovraffollate. Anche se il nuovo coronavirus si diffonde in tutto il paese, le carceri rimangono piene di detenuti in custodia cautelare accusati di reati minori non violenti, tra cui molti bambini, ha affermato Deprose Muchena, direttore del programma dell'Africa orientale. e l'Africa meridionale ad Amnesty International. "A causa dei sistematici fallimenti del sistema giudiziario malgascio, migliaia di persone si ritrovano imprigionate anche prima di essere processate, provocando un grave sovraffollamento. Il presidente Andry Rajoelina deve rilasciare immediatamente coloro che sono in custodia cautelare, a cominciare da coloro che non rappresentano alcuna minaccia per la società, vale a dire quelli detenuti per reati minori commessi senza violenza, e i bambini, e assicura che gli altri detenuti abbiano accesso a cure mediche adeguate. " Covid-19 Il sovraffollamento delle carceri malgasce pone seri rischi per la salute e la sicurezza, soprattutto nel contesto della pandemia COVID-19. I detenuti in attesa di giudizio rappresentano il 54% della popolazione carceraria del Paese. Centinaia di bambini vengono così detenuti in condizioni deplorevoli, senza essere stati condannati per alcun reato: il 75% dei ragazzi e il 68% delle ragazze incarcerate sono in custodia cautelare. Andry Rajoelina ha concesso la grazia presidenziale a più di mille detenuti a giugno, aprendo la strada al loro rilascio, ma questa misura eccezionale purtroppo ha escluso tutti coloro che erano in custodia cautelare. Le carceri del paese hanno una capacità cumulativa di circa 10.000 detenuti. Tuttavia, nell'agosto 2020, questi 82 istituti hanno ospitato insieme più di 27.000 detenuti, quasi tre volte la loro capacità. Quel mese, 22 persone detenute sono state uccise dalle forze di sicurezza malgasce mentre cercavano di fuggire dalla prigione di Farafangana, nel sud-est del Paese. Altre decine di feriti gravi sono stati ricoverati. In tutto, 88 persone detenute sono fuggite. I diritti umani delle persone detenute vengono regolarmente violati a causa delle condizioni deplorevoli nelle carceri, tra cui cibo insufficiente e strutture igieniche scadenti. A causa della mancanza di spazio, queste persone devono dormire a turno sul pavimento. I fattori scatenanti della fuga da Farafangana sono state le terribili condizioni di vita, i maltrattamenti e la privazione dei contatti tra i detenuti e le loro famiglie. La maggior parte di coloro che sono fuggiti erano in custodia cautelare. “Molti di quelli detenuti nelle carceri malgasce sono stati a lungo detenuti senza processo e molti, compresi i bambini e coloro che sono accusati di reati minori, non dovrebbero nemmeno essere dietro le sbarre. Per cominciare, il presidente Andry Rajoelina potrebbe prendere in [...]

By |Ottobre 27th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima