Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

Rotta verso Ifaty e Mangily nel Sud del Madagascar

ROTTA VERSO IFATY E MANGILY, NEL SUD DEL MADAGASCAR Esistono forse nomi più curiosi (rispettivamente “cadavere” e “che prude”) per due località come Ifaty e Mangily, l’una più paradisiaca dell’altra? Questi villaggi dalla splendida laguna e dalla sabbia bianca fanno parte degli itinerari immancabili in Madagascar. IFATY E MANGILY: DUE VILLAGGI O UNO SOLO? Oggi per praticità si parla di Ifaty e Mangily come di un’unica località; alcuni si riferiscono a Ifaty come villaggio e a Mangily come spiaggia, altri usano Ifaty - Mangily come parola singola. La confusione nasce dalla successione di villaggi non chiaramente delimitati, e ancor di più dalla lunga spiaggia che in fin dei conti è un’unica spiaggia. Inizialmente e per come venne concepito dai locali, Ifaty indicava una serie di minuscoli villaggi situati prima di un’altra serie di minuscoli villaggi chiamata Mangily. Ifaty si trova in realtà quindi a sud di Mangily, a ventidue chilometri dalla famosa città di Toliara, e Mangily quanto a essa inizia leggermente più a nord, al terzo chilometro di Ifaty. Visti dall’acqua, l’impressione è quella di un unico lungomare. Mangily BARRIERA CORALLINA Con una barriera corallina di quaranta chilometri, la Laguna di Ifaty vi darà l’occasione di trascorrere delle ore meravigliose di divertimento sottomarino. Preparatevi a tuffarvi in acque turchesi e trasparenti, alla scoperta di un fondale inaspettatamente colorato e ricco. Per i neofiti, il “Massif des Roses” è l’appuntamento da non mancare: situato all’interno della Laguna, la sua acqua è poco profonda, cristallina e perfetta anche per chi non è un gran nuotatore. E’ qui che, chi lo desidera, può fare il suo battesimo subacqueo! Incluso il “Massif des Roses”, la Laguna di Ifaty propone dodici punti di immersione: all’interno della Laguna stessa, al suo esterno, e attraverso i Pass. Ifaty e Mangily sono raggiungibili con un qualsiasi mezzo dalla città di Toliara. Un’esperienza nell’esperienza sarà scegliere il percorso via mare (all’incirca un’oretta) tra le due località.

By |Novembre 28th, 2017|Categories: Blog|0 Comments

Scuola gratuita: un sogno per molti

L'iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall'essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi.  “ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato. I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola. Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l'Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l'arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore ...). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole. Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D'altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti. Secondo un rapporto del ministro dell'Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

By |Ottobre 16th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Un altro monumento storico di Antananarivo è stato riabilitato

Un luogo storico ad Antananarivo situato vicino al Palazzo Reale di Manjakamiadana ad Andohalo, il tribunale d'Ambatondrafandrana , è ora in fase di ristrutturazione. Questo a seguito dei lavori di riabilitazione realizzati in pochi mesi, con il finanziamento del Ministero della Comunicazione e della Cultura (MCC). “Questo sito fa parte del patrimonio nazionale dal 1978. Tuttavia, era in uno stato pietoso, a causa della mancanza di manutenzione negli ultimi anni. L'ultima ristrutturazione risale al 2006, curata dall'associazione amici del patrimonio. Tuttavia, la valorizzazione del nostro patrimonio storico fa parte della politica del ministero, da qui il lavoro di riabilitazione intrapreso. Inoltre, durante il progetto "Tagnamaro" realizzato nel 2019, si sono potuti realizzare alcuni piccoli lavori, tra cui la tinteggiatura. Grandi opere in calcestruzzo e legno, tra cui il rifacimento del tetto, dei pilastri, del giardino  sono ora completate ”, spiega Lalatiana Andriatongarivo, ministro responsabile.  D'ora in poi, questo sito è accessibile al pubblico in generale. Può anche ospitare eventi culturali, compresi quelli che espongono la storia. Gli agenti del MCC lo sorvegliano durante il giorno, prima che gli elementi delle forze di sicurezza prendano il sopravvento di notte. Gestione assicurata tramite il fondo "Lovako" Più di 170 patrimoni nazionali sono annoverati in tutto il Madagascar. Il MCC ne assicura la gestione, attraverso il fondo “Lovako”. Tutte le entrate raccolte da palazzi, musei e altri siti storici vanno a questo fondo. Sono utilizzati in particolare per finanziare i lavori di riabilitazione di questi siti. “In collaborazione con i dipartimenti regionali di comunicazione e cultura, stiamo individuando da due a tre siti per regione da riabilitare. Anche notabili e leader tradizionali partecipano alla loro identificazione, mentre il ministero si occupa di arbitrato. I relativi lavori sono già iniziati e proseguiranno nel 2021 ”, suggerisce il n ° 1 del MCC. Per informazione, la Corte di Ambatondrafandrana è l'antico palazzo di giustizia ai tempi dei reali, sin dal regno del re Andrianampoinimerina. La struttura in pietra, che ha l'aspetto di un tempio greco, fu però realizzata nel 1881 dall'architetto inglese John Parrett, durante il regno della regina Ranavalona II. Il suo stile greco ionico, con le 16 colonne, rappresenta i 16 regni di Merina.

By |Ottobre 10th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar: Air Austral effettua voli per Nosy Be

La compagnia aerea Air Austral può ancora offrire voli tra la Reunion e Nosy Be , nonostante l'annuncio da parte del governo malgascio della chiusura dei confini del Madagascar a nove paesi europei tra cui la Francia. I passeggeri dalla Francia, invece, sono vietati. L'annuncio della scorsa settimana da parte del Madagascar di nuove restrizioni di viaggio per l'aumento della pandemia di Covid-19 in Europa è stato addolcito: l'aviazione civile del Madagascar ha detto che i passeggeri di Mayotte e Reunion non erano da considerarsi preoccupanti. I voli Air Austral previsti tra la sua base di Saint Denis-Roland Garros e l'aeroporto di Nosy Be sono quindi mantenuti, con rotazioni lunedì e giovedì dall'inizio di novembre e "IATA winter" secondo il suo comunicato stampa. Da Dzaoudzi-Pamandzi a Mayotte, EWA Air non ha comunicato nullasull'argomento, il suo sito di prenotazione continua a indicare questo martedì mattina dei posti disponibili domenica prossima poi di nuovo a dicembre. Air Austral comunica , tuttavia, che i passeggeri dalla Francia continentale in corrispondenza non saranno accettati. Ha ripreso le rotazioni su Nosy Be “ in stretto collegamento con le sue autorità di vigilanza ” il 16 ottobre , con un secondo volo venerdì scorso; e sta già valutando un programma più consistente " man mano che la situazione evolve ". Ricorda che Nosy Be, la principale destinazione turistica del Madagascar, era stata riaperta ai visitatori stranieri all'inizio del mese; i paesi interessati dalle nuove restrizioni di viaggio sono: Germania, Belgio, Spagna, Francia, quindi, Italia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Russia e Ucraina.

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Kitesurf a Tanà: chi l’avrebbe creduto?

Fatto insolito giovedì scorso sul lato della tangenziale di Tsarasaotra. Quattro giovani hanno dispiegato strane vele sul lago, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Il kitesurf è possibile ad Antananarivo. "Ogni volta che c'è vento, puoi andare a fare kite", ha detto Tsiory Panoël Razafindrasata, uno dei giovani che ieri ha provato l'esperimento. Dice che non erano al loro primo tentativo ad Antananarivo. “Ne abbiamo già fatti alcuni per Ivato a maggio. Abbiamo fatto una ricognizione sul posto e siamo entrati in acqua ”, spiega. Per la seduta di ieri, la piccola squadra si è recata lì la scorsa settimana per verificare se le condizioni fossero corrette. Potenziale inutilizzato Secondo Tsiory Panoël Razafindrasata, è possibile sviluppare attività intorno al kitesurf su questo sito. "Ma sarà più iniziazione", ha detto, aggiungendo che sono su un progetto per creare una scuola di kitesurf chiamata Mada Kite Bros. Per conoscere le vere sensazioni di questo sport estremo, questo istruttore indica che niente batte il nord dell'isola, ad Antsiranana. “A Diego abbiamo uno dei migliori kite spot del mondo. Il vento è costante lì quasi 9 mesi su 12, da marzo a novembre ”, dice. Si rammarica che questo potenziale non venga sfruttato a causa del problema dei trasporti. “Per raggiungere Diego, i turisti devono viaggiare su strada o prendere l'aereo costoso. Per questo motivo, le persone preferiscono Maurice ", spiega. Aggiunge che i turisti che vogliono fare kitesurf possono facilmente perdere 4 giorni sulla strada. Oltre ad Antsiranana, il Madagascar ha anche spot per i kite nel sud, sia vicino a Toliara che a Taolagnaro, da ottobre a febbraio. ",

By |Ottobre 29th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar, l’altro paese del foie gras e del caviale

Alla domanda “Caviale o foie gras? " , Il Madagascar risponde " entrambi " ! Perché quest'isola dove il 75% della popolazione vive con meno di 2 euro al giorno produce anche i suoi piatti di lusso. "Per noi, lo sviluppo di un paese povero richiede prodotti ad alto valore aggiunto", spiega Delphine Dabezies, co-fondatrice dell'azienda Rova Caviar. Per lei e suo marito, il Madagascar non è più solo l'isola della vaniglia o dei litchi. Installati lì da ventitré anni, la coppia ha scelto il lago Mantasoa, a tre ore da Antananarivo, "per la purezza del suo ambiente" e per la presenza di un lago alimentato solo da acqua piovana. Lì, la coppia Dabezies e il loro partner Alexandre Guerrier hanno aperto nel 2017 il primo allevamento di storioni in Africa e nell'Oceano Indiano. Incubatoio, mangimificio, laboratorio di lavorazione: il caviale Rova impiega quasi 300 persone sui suoi 2.000 ettari. E a parte gli storioni, importati dalla Russia, tutta la trasformazione delle uova in "oro nero" avviene lì, in mezzo agli eucalipti. Fino al pellet per nutrire il pesce, prodotto da allevatori locali. La prima pietra del progetto risale al 2009, le prime uova hanno raggiunto la maturità nel 2013 e i francesi sperano di raggiungere la velocità di crociera entro il 2026. “All'inizio nessuno ha preso sul serio il nostro progetto, né banche che il nostro entourage ” , spiega quella che già esporta in Francia e Stati Uniti. I ristoratori, i privati, i grossisti e i distributori acquistano sulla Big Island e rivendono con il proprio marchio. Per una qualità ottimale del caviale, l'azienda seleziona solo specie pure di storione, tra cui beluga e Persicus, che sono state dichiarate estinte. “Il primo ministro iraniano però è venuto di persona con una delegazione qui, in Madagascar, per vedere la rinascita. Non poteva crederci! », Ricorda il produttore, soddisfatto di questo piccolo miracolo. Con vaniglia e uva A poche decine di chilometri di distanza, nel comune di Behenjy, ribattezzato “capitale del foie gras” , fiorisce un altro piatto natalizio. Miora Randriatsaratolotra, manager di Coin du foie gras, ha aperto nel 2004 la prima azienda agricola dedicata e un ristorante con lo stesso nome. "La particolarità del foie gras malgascio è che è completamente artigianale ", spiega . Diamo da mangiare alle anatre a mano, massaggiamo loro il collo per non stressarle. E il mais che viene dato viene coltivato senza prodotti chimici. " L'azienda ora vive direttamente un centinaio di persone, e indirettamente quasi altre 400 con una produzione annua di 3 tonnellate. Il Madagascar ha ora altre tre grandi società di produzione di foie gras e una decina di piccoli artigiani. Il suo best seller resta il fegato in tinta unita, ma si può anche degustare con bacche rosa o pepe verde e, per i più avventurosi, un foie gras aromatizzato con vaniglia e uva. "La clientela si è evoluta", specifica Miora Randriatsaratolotra . Prima erano soprattutto espatriati francesi e grandi ristoranti della capitale. Ora, quasi tutte le famiglie [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima