Home/Blog/In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l’80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo “Chef Lalaina” ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato.

Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l’uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto “mostrare tutto il lavoro che c’è dietro un piatto” e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. “Qui, niente cinema o finzione”, dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l’industria della ristorazione. ”

Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, “mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar”. Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere “ben circondato”, tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island.

“Onorare il territorio e i prodotti freschi”
Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l’isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. “Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto”, sorride. Dall’apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura.

Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c’era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all’epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po ‘di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell’Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo.

“E lì scatta,” disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. “L’uomo gli insegna tutto, dalla tecnica francese alla scelta dei prodotti, compresa la disciplina militare richiesta dalle arti culinarie. “Ho passato due anni a piangere. Ma ho anche capito che l’organizzazione era la chiave di tutto. “Il che gli permette oggi di servire due o cento persone con la stessa leggerezza. E se il maestro rivisita molto le sue ricette e innova ogni giorno, la trippa di maiale nero con carne di manzo rimane il suo piatto preferito “gargote”, una cucina di strada che celebra ogni domenica durante la sera. ‘un buffet speciale.

21 straordinari benefici del litchi per pelle, capelli e salute

21 straordinari benefici del litchi per pelle, capelli e salute Le scottanti estati portano con loro una varietà di frutti succosi e a base d’acqua che da soli bastano a solleticare le nostre papille gustative. Sono sicuro che molti di voi stanno aspettando l’arrivo dell’esotico litchi, che può essere piccolo in dimensioni ma, come si suol dire, “grandi sorprese vengono in piccoli pacchetti”. Lo sapevate che nell’antica Cina offrire in regalo del litchi a re e regine era considerato un grande onore? Sono numerosi i benefici di bellezza e di salute che possono provenire dal frutto del litchi, dalla perdita di peso e la digestione, alla cura dell’influenza fino alla riduzione dei segni della vecchiaia. Prima vediamo di conoscere brevemente alcune nozioni in merito a cos’è il litchi, e se i litchi possono fare qualcosa per voi. Litchi - Un sunto Nome scientifico – Litchi chinensis Famiglia - Sapindaceae Nativo di - Province di Kwangtung e Fukien nella Cina meridionale Altri nomi - Lichi (Hindi), Vilazi pazham (Tamil), lichi pazham (Malayalam) Il litchi viene coltivato in regioni tropicali e subtropicali ed è popolare in tutto il mondo. Questo frutto succulento e saporito cresce in grappoli su un albero sempreverde di medie dimensioni a crescita lenta che lo produce per un periodo di tempo limitato soltanto. L’albero dà vita anche a dei gradevoli fiori primaverili che vivono davvero poco. Il litchi ha una forma rotonda od ovale con una buccia rosata - marrone, una polpa tra traslucida e bianca e un seme non commestibile. E anche se ha una durata di vita piuttosto corta, questa succosa sorpresa estiva ha di più da offrire che il solo sapore. Il litchi è salutare? Sì. E’ altamente ricco in nutrienti e offre numerosi benefici, per la pelle, i capelli e la salute, che lo rendono altamente irresistibile. Fatti nutritivi sul litchi Il litchi ha un alto valore nutrizionale. E’ molto ricco in vitamina C, con all’incirca 71,5 mg su 100 grammi. E’ inoltre ricco in rame e fosforo. Quello che rende i litchi unici è che essi contengono il polifenolo Oligonol dalle proprietà antiossidanti e antivirali. Benefici del litchi Benefici per la pelle 1) Previene i segni dell’invecchiamento 2) Aiuta a rimuovere le macchie 3) Riduce le scottature dovute al sole 1) Previene i segni dell’invecchiamento Con gli anni, la pelle comincia a mostrare i primi segni dell’invecchiamento. Il litchi, con un uso topico, può aiutare a ritardare il loro apparire. Cosa serve 4-5 litchi, privati del seme e sbucciati ¼ banana matura Come procedere 1. Schiacciare la banana e i litchi. Mescolare bene perché formino una pasta liscia. 2. Massaggiare piano la pasta sul viso e sul collo usando movimenti circolari. 3. Tenere la maschera per 15 minuti e sciacquare con acqua fredda. Perché è efficace Con gli anni, il corpo produce sempre più radicali liberi. Questi radicali liberi danneggiano la pelle, causando rughe. I litchi sono ricchi in antiossidanti che si combinano ai radicali liberi e impediscono loro di recare danno alla [...]

By |Novembre 26th, 2017|Categories: Blog|0 Comments

Il prezzo del riso galoppa

Con il periodo di magra che si avvicina con la stagione degli uragani, il prezzo di "vary gasy" così come quello di "makalioka" è in aumento sia nelle vendite all'ingrosso che al dettaglio. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, l'Osservatorio del riso (Odr) ha registrato il prezzo del makalioka intorno ai milleottocento ariary al chilo. Attualmente questo stesso tipo di riso è accessibile solo da duemila ariary al chilo. “Di solito vendiamo un sacco di makalioka da cinquanta chilogrammi per novantatremila ariary. Ma per vari motivi, i nostri fornitori sono stati costretti ad aumentare i prezzi di vendita. Questo ci costringe ad allineare il nostro margine in base a questo aumento ", spiega un grossista di Anosibe. Aggiunge che uno dei motivi dell'aumento del prezzo del makalioka, che è il tipo di riso più consumato, è la scomparsa del riso bianco importato dall'intero mercato locale. “Sono passati mesi da quando abbiamo ricevuto o trovato scorte di riso di lusso, riso bianco importato. Un periodo che coincide con le misure statali sugli aiuti agli indigenti durante il parto. Il makalioka ha così preso il posto di quest'ultimo mentre il suo prezzo è aumentato in modo del tutto naturale ”lamenta lo stesso grossista. In questo contesto, il ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) Lantosoa Rakotomalala ha detto l'altro ieri che non ci sarà più aumento del prezzo del riso dalla prossima settimana nonostante il contesto attuale che presenta forti rischi di inflazione. “Certo, arriviamo ad ottobre, periodo che segna la fine del consumo di riso prodotto localmente per passare al riso importato. Nonostante ciò, è utile ricordare la politica dello Stato in materia, che è quella di importare direttamente prodotti essenziali per poter gestire al meglio i prezzi al consumo ”, afferma il ministro. Per fugare i timori, il ministro del Commercio ha fatto lo stesso discorso qualche mese fa verso l'inizio del periodo di reclusione per placare i consumatori sulla fissazione del prezzo massimo di vendita per chilo di riso. "Il prezzo del riso scenderà entro la fine della settimana", ha annunciato il ministro nel marzo di quest'anno. Una dichiarazione che è stata seguita da una dichiarazione del Consiglio dei Ministri che è andato oltre sostenendo che il prezzo del riso non dovrebbe superare i milleottocento ariary al chilo e che sarebbero state prese severe sanzioni contro coloro che avrebbero beneficiato di la situazione per aumentare il prezzo. Per riuscire a contenere il prezzo a questo livello, Lantosoa Rakotomalala sostiene che lo stato è già al lavoro per importare il riso necessario al consumo. “È utile ricordare che il 90% del consumo malgascio è costituito da riso di produzione locale e che il restante 10% risulta essere riso importato. Il processo di importazione è già stato avviato dallo Stato con l'obiettivo di stabilizzare sia l'offerta del mercato locale sia il prezzo del riso che sarà disponibile su questo mercato ”indica il responsabile di MICA.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Creare un ecosistema on-demand da zero: la corsa tecnologica per salvare migliaia di specie prima che il cambiamento climatico le inghiottisca

Il Madagascar è un posto molto strano. Circa il 70% delle specie che vivono lì non si trovano in nessun'altra parte della Terra. Cioè, ha la più alta concentrazione di "fauna endemica" del pianeta E si vede. Negli ultimi dieci anni (e solo negli ultimi dieci anni), i ricercatori hanno scoperto 40 nuovi mammiferi, 69 anfibi, 61 rettili, 42 invertebrati e 385 piante nel Paese. Ma, come dice Erik Vance, non è solo un ottimo posto per studiare la vita, è anche un ottimo posto per studiare la morte. La morte di intere specie, appunto. Ed è che il Madagascar è anche a capo dei paesi con le specie più a rischio di estinzione . I lemuri, ad esempio, sono il gruppo di animali più a rischio di estinzione al mondo. Qualcosa di logico se si tiene conto del fatto che vivono in uno dei luoghi più disboscati di cui abbiamo testimonianza. "Io sono io e la mia situazione" è una frase ben nota di Ortega y Gasset; quello che non è così noto è il suo seguito, il "e se non la salvo, non mi salverò". Alla luce della teoria dell'evoluzione, questa frase diventa una terribile intuizione : non saremo in grado di salvare tutte queste specie malgasce senza salvare tutti questi ecosistemi devastati dal bracconaggio, dall'agricoltura indiscriminata, dal disboscamento illegale e dal cambiamento. clima. Per questo motivo, molti scienziati hanno passato anni a cercare di uscire dai confini tradizionali dei parchi e delle riserve naturali che, come vediamo vivere e vivere, non funzionano. Ecosistemi che stanno scomparendo Per generazioni le riserve naturali sono state fondamentali. Questo è il motivo per cui i rinoceronti bianchi meridionali non hanno seguito i loro cugini settentrionali nella transizione verso l'estinzione o perché le linci iberiche stanno gradualmente riguadagnando una certa stabilità come specie. Ma cosa succede quando questo concreto che vogliamo (p) riservare non è più lo stesso? E se il cambiamento climatico, i cambiamenti di temperatura o la dinamica dell'acqua rendessero i territori tradizionali incompatibili con la vita di queste specie? Il risultato che vediamo molto spesso: popolazioni sempre più piccole senza sufficiente diversità genetica che vivono in ecosistemi spezzati. Senza discostarsi dall'esempio del Madagascar, uno studio pubblicato su Nature Climate Change nel 2019 ha mostrato come, secondo i modelli climatici più robusti, le condizioni climatiche dell '“habitat ideale” del lemure rosso si sposterebbero gradualmente verso aree. già disboscato. Cioè, fino all'83% del suo habitat potrebbe essere perso . Alla ricerca dell '"arca di Noè" Negli ultimi anni, "l'ecologia del ripristino", gli sforzi per riparare i danni umani agli ecosistemi e alla biodiversità, è diventato un campo in crescita . L'economista Pavan Sukhdev ha calcolato nel 2012 che gli interventi dedicati al ripristino degli ecosistemi sono in grado di ottenere un ritorno fino a 75 volte maggiore dell'investimento iniziale e di progetti come il recupero del Mare d'Aral settentrionale us consentire di dimostrarlo. Da leggere: OnePlus North è disponibile anche in versione arenaria Ciò significa che, sempre in Madagascar, agenti privati [...]

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

L’attore americano Tom Cruise è in Madagascar

L'attore americano Tom Cruise è in Madagascar. La star cinematografica e altre dieci persone sono atterrati all'aeroporto di Antsiranana domenica scorsa, secondo una fonte locale. Appena arrivati, la delegazione si è sottoposta ai vari protocolli sanitari in vigore nel Paese. Gli elicotteri li hanno poi presi a bordo per raggiungere l'arcipelago di Ankao situato tra Antsiranana e Vohémar. Si dice che l'interprete di Maverick in Top Gun e il suo sequel siano in vacanza privata. Hanno scelto l'arcipelago di Ankao nella top 5 delle isole private più belle del continente africano per ricaricare le batterie dopo le riprese della loro prossima opera di Mission Impossible, la cui uscita è prevista per il 19 novembre 2021. Durante le riprese nel Regno Unito, l'attore era furioso per il mancato rispetto delle regole anti-covid da parte di alcuni tecnici sul set. L'arcipelago di Ankao è una delle principali destinazioni di lusso del Madagascar, dove i pernottamenti superano i  2.500 dollari a notte. Quando contattato, Time and Tide, che gestisce l'eco-lodge ultra lusso di Miavana su questo arcipelago, non ha risposto alle nostre domande sull'attore americano di 58 anni in viaggio. In questo arcipelago non mancano le attività con le immersioni subacquee, il whale watching, le escursioni in elicottero intorno all'arcipelago, l'ozio ecc ... Sulle bellissime spiagge di Nosy Ankao sono state erette 14 ville private per un soggiorno indimenticabile .

By |Dicembre 22nd, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-17T20:20:27+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima