Un euro viene acquistato per esattamente 4641 ariary mentre un dollaro vale quasi 4000 unità della nostra valuta locale. Rispetto ai tassi di cambio di inizio anno, l’ariary sembra non registrare alcun progresso nei confronti delle due valute centrali. “Questo deprezzamento relativamente ampio dell’ariary conferma in ogni caso la proiezione della legge finanziaria di modifica che, nella sua nota esplicativa, segnala una svalutazione del 2,3% nel corso dell’anno. Un deprezzamento derivante in particolare dalla dipendenza dell’economia dagli aiuti esterni e dal persistente ampliamento della bilancia commerciale. Infatti, nonostante una fornitura relativamente ampia proveniente dai ricavi dell’industria della vaniglia, Madagascar continua a importare molto, in particolare carburante.

Secondo i suoi analisti, il modo migliore per invertire la tendenza dei tassi di cambio, e quindi vedere apprezzarsi l’ariary rispetto alle valute di riferimento del dollaro e dell’euro, è migliorare la produttività industriale.

Inoltre, l’interruzione delle catene di approvvigionamento globali, in particolare dalla Cina, sta portando a una paralisi del commercio internazionale. In questo contesto, il livello delle esportazioni e delle importazioni è destinato a diminuire drasticamente. Dato il loro peso sulla bilancia dei beni e dei servizi, le importazioni in termini di valore si contrarranno più di quella delle esportazioni.

“Con la crisi sanitaria, la bilancia commerciale ha registrato notevoli divari. Le esportazioni hanno subito flessioni significative, per citare solo il settore minerario che è uno dei pilastri di questi movimenti. D’altra parte, il nostro volume di importazioni rimane pressoché incomprimibile in quanto la maggior parte dei prodotti che consumiamo sono di origine straniera. Anche il settore turistico, una delle principali fonti di valuta estera, è fermo. Ciò ha un forte impatto sulla nostra riserva di valuta estera “ha spiegato Andrianantenaina Ramarifeno, coordinatrice nazionale del Circolo degli economisti.

Quindi, questa svalutazione dell’ariary inizia a preoccupare seriamente l’economia. Quest’ultima prevede un’inflazione galoppante nelle prossime settimane, nella misura in cui questo forte deprezzamento dell’ariary ha un impatto considerevole sul potere d’acquisto dei consumatori malgasci in questi tempi di pandemia.

Tuttavia, un certo strato della società riesce a fare bene. “Più l’ariary si deprezza, più va a nostro vantaggio perché i nostri servizi in outsourcing sono generalmente remunerati in euro”, spiega un lavoratore autonomo. la maggior parte dei cui clienti risiede in Europa. La sfortuna di alcuni fa la felicità di altri. L’espressione non ha mai assunto così bene il suo significato.

Madagascar: la saga “Gastro Pizza”, da capanna di legno a impero del fast food

Confinamento o no, i clienti affollano l'insegna La Gastronomie Pizza nel quartiere di Analakely, nel cuore di Antananarivo. La guardia di sicurezza incaricata di controllare gli ingressi si impegna, per quanto possibile, a far rispettare le regole di allontanamento sociale per le persone affamate. All'interno tutto è rosso vivo, luccicante, moderno, dai materiali della cucina importati dall'Italia alle poltrone imbottite in pelle. Alcuni dipendenti stanno ancora lavando il pavimento piastrellato quando l'odore del pane caldo si diffonde nell'aria ... Creato nel 2001 da Ambinintsoa Randrianaivo alias “chef Mbinina” , 46 anni, questo marchio più comunemente noto come “Gastro Pizza” è una catena di fast-food che ora conta 33 ristoranti in Madagascar . Il concept è stato ispirato dall'imprenditore di un italiano dove ha lavorato come aiuto cuoco. Tra due lotti, il giovane ha l'idea di offrire pizze da asporto, e non solo da mangiare nei ristoranti. Un suggerimento spazzato via dal suo capo. "Molti non ci credevano" All'epoca la specialità italiana era ancora riservata ai turisti e ai vazaha , piuttosto ricchi stranieri di origine europea. Ambinintsoa Randrianaivo vuole democratizzare questo piatto. "Ma prendere di mira i clienti locali sembrava totalmente incongruo", dice il cuoco, con il cappello di carta in testa. Molti dei miei colleghi non ci credevano. " Il futuro" leader Mbinina "si blocca: il progetto ha tariffe contenute e il costo delle materie prime è contenuto. Per iniziare, stima di aver bisogno di 1 milione di ariary (218 euro). Ma nessuna banca è disposta a prestarglieli. "Vengo dalla campagna, dal sud del Madagascar, ed è stato difficile per me che non ero in mezzo all'azienda" , spiega senza risentimento. Alla fine, il capo in erba riesce a risparmiare la somma necessaria grazie a lavori saltuari accumulati insieme ai suoi studi di legge. Con la sua esperienza nella ristorazione italiana, ha costruito una casetta di legno di 9 m 2 sul ciglio della strada con la moglie, ha comprato tre pentole per le salse, un paio di pale per pizza ... "Ho fatto le scatole da solo e quando i punti metallici sono scappati all'interno, i clienti ce li hanno riportati ",lui ricorda. In pochi anni i piccoli rifugi in legno si moltiplicarono e gradualmente cedettero il posto a dei ristoranti, presenti ai quattro angoli del Madagascar. Per mantenere attivo il negozio, “chef Mbinina” ha allestito un centro acquisti e un centro di produzione. La sua piccola impresa è diventata il più grande marchio di pizza del paese. Un successo che è dovuto in gran parte all'originalità di alcune ricette. “Poiché il formaggio italiano, acido, non piace ai malgasci, soprattutto a chi mangia la pizza per la prima volta, ho creato un menù adattato mantenendo i classici, margarita o royale, e rivisitando i piatti tradizionali dell'isola », Sottolinea l'imprenditore. Con esso, il pollo allo zenzero romazava con mafanes brèdes , uno stufato tipico del Madagascar, viene cotto alla griglia in modo che gli ingredienti possano adattarsi a una pizza. "Faccio anche un pesto di foglie di manioca", che [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Scuola gratuita: un sogno per molti

L'iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall'essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi.  “ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato. I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola. Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l'Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l'arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore ...). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole. Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D'altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti. Secondo un rapporto del ministro dell'Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

By |Ottobre 16th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

I moto-taxi vogliono il riconoscimento legale della loro attività

L'altro ieri ad Analakely si è formata una folla di moto-taxi per chiedere il riconoscimento legale della loro attività. Negli ultimi anni i moto-taxi hanno circolato illegalmente in diversi quartieri della capitale. In assenza di mezzi pubblici e con frequenti ingorghi nel centro della città, i moto-taxi si sono addirittura moltiplicati nonostante i loro divieti. Da martedì i moto taxi sono stati sequestrati a seguito delle operazioni di controllo effettuate dal Comune urbano di Antananarivo. I conducenti scontenti hanno chiesto di ritirare le loro due ruote. "Vogliamo il riconoscimento della nostra attività per esercitare e muoverci liberamente ad Antananarivo", proclama un tassista motociclistico. Il municipio, però, non la sente così. Naina Andriantsitohaina, sindaco della capitale, durante il suo discorso in televisione il 27 settembre. ha insistito sul fatto che non ci sarà nessun moto-taxi ad Antananarivo. Il Comune ha già parlato con l'associazione dei taxi cittadini ed erano d'accordo sull'argomento. “Come il bajaj, i moto-taxi sono ancora vietati nella capitale. Consentire loro di circolare distruggerebbe le attività dei taxi cittadini. Allo stesso modo, i clienti del moto-taxi non sono assicurati in caso di incidente stradale ", spiega un tecnico del Comune. Le offerte di servizio moto-taxi abbondano sui social network, servizio di consegna, trasporto passeggeri. Alcune persone malintenzionate guidano anche occasionalmente una motocicletta per rubare e derubare persone che usano il loro servizio.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

21 straordinari benefici del litchi per pelle, capelli e salute

21 straordinari benefici del litchi per pelle, capelli e salute Le scottanti estati portano con loro una varietà di frutti succosi e a base d’acqua che da soli bastano a solleticare le nostre papille gustative. Sono sicuro che molti di voi stanno aspettando l’arrivo dell’esotico litchi, che può essere piccolo in dimensioni ma, come si suol dire, “grandi sorprese vengono in piccoli pacchetti”. Lo sapevate che nell’antica Cina offrire in regalo del litchi a re e regine era considerato un grande onore? Sono numerosi i benefici di bellezza e di salute che possono provenire dal frutto del litchi, dalla perdita di peso e la digestione, alla cura dell’influenza fino alla riduzione dei segni della vecchiaia. Prima vediamo di conoscere brevemente alcune nozioni in merito a cos’è il litchi, e se i litchi possono fare qualcosa per voi. Litchi - Un sunto Nome scientifico – Litchi chinensis Famiglia - Sapindaceae Nativo di - Province di Kwangtung e Fukien nella Cina meridionale Altri nomi - Lichi (Hindi), Vilazi pazham (Tamil), lichi pazham (Malayalam) Il litchi viene coltivato in regioni tropicali e subtropicali ed è popolare in tutto il mondo. Questo frutto succulento e saporito cresce in grappoli su un albero sempreverde di medie dimensioni a crescita lenta che lo produce per un periodo di tempo limitato soltanto. L’albero dà vita anche a dei gradevoli fiori primaverili che vivono davvero poco. Il litchi ha una forma rotonda od ovale con una buccia rosata - marrone, una polpa tra traslucida e bianca e un seme non commestibile. E anche se ha una durata di vita piuttosto corta, questa succosa sorpresa estiva ha di più da offrire che il solo sapore. Il litchi è salutare? Sì. E’ altamente ricco in nutrienti e offre numerosi benefici, per la pelle, i capelli e la salute, che lo rendono altamente irresistibile. Fatti nutritivi sul litchi Il litchi ha un alto valore nutrizionale. E’ molto ricco in vitamina C, con all’incirca 71,5 mg su 100 grammi. E’ inoltre ricco in rame e fosforo. Quello che rende i litchi unici è che essi contengono il polifenolo Oligonol dalle proprietà antiossidanti e antivirali. Benefici del litchi Benefici per la pelle 1) Previene i segni dell’invecchiamento 2) Aiuta a rimuovere le macchie 3) Riduce le scottature dovute al sole 1) Previene i segni dell’invecchiamento Con gli anni, la pelle comincia a mostrare i primi segni dell’invecchiamento. Il litchi, con un uso topico, può aiutare a ritardare il loro apparire. Cosa serve 4-5 litchi, privati del seme e sbucciati ¼ banana matura Come procedere 1. Schiacciare la banana e i litchi. Mescolare bene perché formino una pasta liscia. 2. Massaggiare piano la pasta sul viso e sul collo usando movimenti circolari. 3. Tenere la maschera per 15 minuti e sciacquare con acqua fredda. Perché è efficace Con gli anni, il corpo produce sempre più radicali liberi. Questi radicali liberi danneggiano la pelle, causando rughe. I litchi sono ricchi in antiossidanti che si combinano ai radicali liberi e impediscono loro di recare danno alla [...]

By |Novembre 26th, 2017|Categories: Blog|0 Comments

Fine dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar

Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l'ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è fissato per il 1 ° novembre. Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l'ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è previsto per il 1 ° novembre. Lo stato di emergenza sanitario dichiarato il 21 marzo è terminato. In occasione di una trasmissione televisiva questa domenica sera, il presidente Andry Rajoelina ha annunciato di aver posto fine a tutto ciò. Una decisione motivata dal calo dei nuovi casi di Covid 19 in Madagascar. Andry Rajoelina sostiene che il paese stia battendo il Covid-19. Attualmente, 348 pazienti sono ancora in cura in Madagascar. Questa domenica 18 ottobre, si registrano 3 nuovi casi positivi di Covid-19 nel Paese, di cui uno su 2 a Toliara e 1 ad Antsiranana, riferisce il Capo dello Stato. Nessun caso di coronavirus è stato confermato nella regione di Analamanga durante questo fine settimana. Nonostante la fine dello stato di emergenza sanitaria, indossare una maschera protettiva rimane obbligatorio. Devono essere osservate anche misure di barriera. Le riunioni con più di 200 persone rimangono vietate. Le misure contro la diffusione del covid-19 non sono più mantenute e la sorveglianza sarà rafforzata. Governatori e prefetti saranno in grado di adottare misure appropriate a livello di ogni distretto come parte della continua lotta contro il coronavirus, sostiene. Inoltre, l'ultimo volo di rimpatrio per le persone bloccate all'estero sarà operato da Air Madagascar il 1 novembre, afferma il presidente Andry Rajoelina. In considerazione dell'evoluzione della situazione sanitaria in altri Paesi, è stata annullata l'apertura parziale dei confini del Madagascar prevista per il 29 ottobre. I collegamenti aerei tra il Madagascar e altri paesi rimangono sospesi. I voli per Nosy Be vengono mantenuti, ad eccezione dei voli dai paesi che stanno vivendo una seconda ondata di pandemia.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-24T17:42:22+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima