Un euro viene acquistato per esattamente 4641 ariary mentre un dollaro vale quasi 4000 unità della nostra valuta locale. Rispetto ai tassi di cambio di inizio anno, l’ariary sembra non registrare alcun progresso nei confronti delle due valute centrali. “Questo deprezzamento relativamente ampio dell’ariary conferma in ogni caso la proiezione della legge finanziaria di modifica che, nella sua nota esplicativa, segnala una svalutazione del 2,3% nel corso dell’anno. Un deprezzamento derivante in particolare dalla dipendenza dell’economia dagli aiuti esterni e dal persistente ampliamento della bilancia commerciale. Infatti, nonostante una fornitura relativamente ampia proveniente dai ricavi dell’industria della vaniglia, Madagascar continua a importare molto, in particolare carburante.

Secondo i suoi analisti, il modo migliore per invertire la tendenza dei tassi di cambio, e quindi vedere apprezzarsi l’ariary rispetto alle valute di riferimento del dollaro e dell’euro, è migliorare la produttività industriale.

Inoltre, l’interruzione delle catene di approvvigionamento globali, in particolare dalla Cina, sta portando a una paralisi del commercio internazionale. In questo contesto, il livello delle esportazioni e delle importazioni è destinato a diminuire drasticamente. Dato il loro peso sulla bilancia dei beni e dei servizi, le importazioni in termini di valore si contrarranno più di quella delle esportazioni.

“Con la crisi sanitaria, la bilancia commerciale ha registrato notevoli divari. Le esportazioni hanno subito flessioni significative, per citare solo il settore minerario che è uno dei pilastri di questi movimenti. D’altra parte, il nostro volume di importazioni rimane pressoché incomprimibile in quanto la maggior parte dei prodotti che consumiamo sono di origine straniera. Anche il settore turistico, una delle principali fonti di valuta estera, è fermo. Ciò ha un forte impatto sulla nostra riserva di valuta estera “ha spiegato Andrianantenaina Ramarifeno, coordinatrice nazionale del Circolo degli economisti.

Quindi, questa svalutazione dell’ariary inizia a preoccupare seriamente l’economia. Quest’ultima prevede un’inflazione galoppante nelle prossime settimane, nella misura in cui questo forte deprezzamento dell’ariary ha un impatto considerevole sul potere d’acquisto dei consumatori malgasci in questi tempi di pandemia.

Tuttavia, un certo strato della società riesce a fare bene. “Più l’ariary si deprezza, più va a nostro vantaggio perché i nostri servizi in outsourcing sono generalmente remunerati in euro”, spiega un lavoratore autonomo. la maggior parte dei cui clienti risiede in Europa. La sfortuna di alcuni fa la felicità di altri. L’espressione non ha mai assunto così bene il suo significato.

I 5 parchi nazionali più famosi del Madagascar

I parchi nazionali di Nosy Tanikely a nord, Isalo a sud, Analamazaotra a est, Ranomafana a sud-est e Bemaraha a sud-ovest sono i più popolari dei quindici siti aperti all'ecoturismo. Nel 2019, 167.061 turisti, pari al 72%, di coloro che hanno scelto i siti dei parchi nazionali del Madagascar, li hanno visitati. Nosy Tanikely e il suo parco marino ti stanno aspettando! Riconosciuto in tutto il mondo per la sua eccezionale biodiversità, lasciati incantare dalla bellezza del luogo e tuffati in acque trasparenti dove pesci di ogni genere nuotano tra i coralli. L'aspro massiccio del Parco Nazionale dell'Isalo è particolarmente impressionante Non solo il Madagascar ha una fauna fantastica, ma vanta anche paesaggi spettacolari. L'aspro massiccio dell'Isalo National Park è particolarmente impressionante e offre paesaggi che rivaleggiano con quelli degli Stati Uniti sud-occidentali. Questa formazione geologica giurassica è composta da aspre montagne e canyon che sono costantemente erosi dal vento e dalla pioggia. Anche se visitato principalmente per i suoi paesaggi, questo parco nazionale ospita anche 3 specie di lemuri, nonché vari uccelli, rettili e flora endemici. Parco nazionale di Analamazaotra , il posto migliore per osservare Indri Indri, Eulemur Fulvus o Hapalemur griseus La foresta pluviale e primaria Andasibe Perinet Mantadia Ananalazaotra è un habitat migliore per gli uccelli, che ospita 112 specie di uccelli che puoi vedere lì se parliamo solo di Martin pescatore, ibis crestato del Madagascar, d 'Casco ibis, da Nuthach Vanga, Blue Coua dal Madagascar, Coua dalla fronte rossa, Pigmou dal Madagascar, Ground Roler, Scally Ground Roler ... Inoltre, il più grande lemure del mondo chiamato Babakoto o indri-indri, con più di uno una dozzina di specie di lemuri notturni e diurni, merita una visita. In direzione di Andasibe, attraversare la riserva di Peyrieras, una riserva privata i cui rettili vengono raccolti dal più piccolo al più grande. Una volta raggiunta la tua destinazione, visiterai e caccerai prima nel Parco nazionale di Andasibe-Mantadia. Ranomafana ospita una grande ricchezza di animali e piante endemiche Ranomafana è il terzo parco nazionale più grande del Madagascar, con una superficie di quasi 410 km². Ospita una grande ricchezza di animali e piante endemiche (che possono essere trovate solo qui). Nel 1986, fu la primatologa Patricia Wright a scoprire lì il lemure bambù dorato e che negli anni successivi lavorò energicamente con altri scienziati per proteggere questa preziosa area forestale. Nel 1991, gli sforzi furono ripagati e Ranomafana fu ufficialmente dichiarata Parco Nazionale. Nello stesso anno Patricia Wright fonda ai margini del parco l'ormai famoso Centro ValBio, da decenni punto di partenza di innumerevoli progetti di ricerca scientifica nella Foresta di Ranomafana. Il Centro ValBio mira anche a ridurre la povertà dei paesi confinanti con il bosco, formare le persone alla conservazione delle specie, all'ecoturismo e all'ambiente e lavorare insieme per la sopravvivenza di Ranomafana. La tribù Tanala ("coloro che vivono nella foresta") è originaria di questa regione. Ranomafana è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 2007. Come quasi tutti i parchi nazionali del Madagascar, questa foresta offre diversi percorsi escursionistici. Dall'escursione di tre ore più semplice all'escursione di tre giorni estremamente difficile, c'è qualcosa per ogni [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il ministero della Pesca mette in guardia dal consumo di diverse specie di animali marini

Verranno applicati severi controlli nei mercati di diverse regioni della grande isola dopo gli incidenti di intossicazione alimentare da parte di animali marini a Fenoarivo Atsinanana e Antalaha. “Le divisioni ministeriali a livello regionale garantiranno il controllo della vendita e del consumo di animali marini a rischio a livello dei mercati. Il controllo potrebbe portare al ritiro del permesso di raccolta per i pescatori ", ha affermato il dottor Etienne Rabemanaja, direttore della pesca a livello del Ministero dell'agricoltura, dell'allevamento e della pesca (MAEP). Questa settimana il consumo di pesce ha causato la morte di diverse persone a Fenerive Est. Queste persone sono morte dopo aver consumato tartarughe marine o "Fano". È stato in seguito a questo incidente che il Ministero della pesca ha avvertito la popolazione, soprattutto nelle regioni costiere, del rischio di intossicazione alimentare da parte di questi animali marini. “È vietato consumare o vendere determinate specie di pesci, squali o persino tartarughe durante un certo periodo. Il motivo di questo divieto è che la stagione calda è il periodo di fioritura delle microalghe in mare. I fiori sono la fonte dei veleni contenuti nell'apparato digerente e anche nella carne di alcuni pesci ", spiega il dottor Etienne Rabemanaja, direttore della pesca a livello MAEP. Da ottobre ad aprile, la pesca e il consumo rimangono vietati al largo delle coste del paese. Diversi animali marini tra cui specie di pesci, squali e tartarughe rappresentano pericoli per la salute umana se consumati. Esistono, ad esempio, sette specie di squali, come lo squalo martello smerlato, lo squalo pinna bianca o "Hazalava", lo squalo pinna bianca o "Akiho", lo squalo maculato, lo squalo cane palla o "Boriloha", lo squalo volpe. Per le tartarughe, le tartarughe embricate e le tartarughe verdi rappresentano potenzialmente rischi tossici. Inoltre, tredici specie di pesci sono le più pericolose per l'uomo, tra cui la sardinella maculata o "Geba". “Le specie elencate sono vietate per il consumo da ottobre ad aprile. Con l'accumulo di tossine nei loro corpi, gli esseri umani sono in cima alla catena alimentare e potrebbero essere seriamente colpiti. Come è avvenuto questa settimana ”, dice il direttore della pesca.

By |Ottobre 9th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Gli operatori turistici chiedono la riapertura dello spazio aereo per Aprile

Il settore del turismo sta lottando per riprendersi. Secondo il Groupement des Entreprises de Madagascar (GEM) e la Federazione degli albergatori e ristoratori del Madagascar (FHORM), la ripresa sarà più che lenta per il settore nel 2021 e nel 2022. "Il settore dipende anche da fattori esogeni come il fatto che i viaggi aerei dei vacanzieri dai mercati di emissione saranno ridotti a 3-5 ore di viaggio da casa, questi viaggi saranno essenzialmente ridotti ai paesi che beneficiano di vaccini. , beneficiando dell'assicurazione di viaggio. Studi internazionali dimostrano che il ritorno alla normalità del trasporto aereo non avverrà fino al 2023. Questi fattori ci permettono di capire che il 2021 sarà un altro anno a meno del 25% dei ricavi e il 2022 a inferiore al 50% ", è indicato. GEM e FHORM ritengono quindi che sia necessario migliorare il supporto al settore. Chiedono inoltre al Ministero dei Trasporti, del Turismo e della Meteorologia di agire con un approccio settoriale e specifico ai problemi e alle sfide del settore Turismo-Hotel-Ristorazione. Si sottolinea che due punti di attenzione particolari dovrebbero essere monitorati e migliorati, come la tassazione specifica della THR e un miglioramento della governance del territorio al fine di garantire gli investimenti. Inoltre, gli operatori del turismo chiedono il consolidamento nel 2021-2022 e 2023 del dialogo pubblico-privato al fine di ottenere una governance e uno sviluppo concertati che siano vantaggiosi per tutte le parti interessate. Sono inoltre richiesti il ​​supporto per le fatture scadute di Jirama da aprile a novembre 2020, il supporto per gli oneri sociali del 2020, nonché un sussidio di ONTM per poter garantire la sua missione di promozione nazionale e internazionale. Gli operatori chiedono inoltre la realizzazione di un corridoio del turismo d'affari con test PCR in partenza e in arrivo (analisi in 24 ore), l'apertura del turismo al mercato regionale da aprile 2021 con test PCR alla partenza (o vaccino) e all'arrivo (analisi in 24 ore) e apertura al turismo internazionale nel giugno 2021 con le stesse condizioni. "Ora è essenziale aiutare e sostenere il settore in modo che durante l'inizio della ripresa internazionale a metà del 2022, i posti di lavoro sono stati preservati e gli operatori, comprese le microimprese, le piccole e medie imprese insieme ai grandi gruppi, sono presenti sul mercato e sono ancora competitivi e professionali ”, indicano il GEM e il FHORM.   Impatti drammatici di Covid-19   Prima della crisi sanitaria, il settore del turismo rappresentava dal 7% al 10% del PIL ed era identificato come settore prioritario per lo sviluppo. Si noti che con oltre 44.000 posti di lavoro diretti e 1.500.000 posti di lavoro lungo la catena del valore, questo settore è una forza trainante nei lavori di base e nell'approccio di genere. Il turismo ha anche fornito una manna di valuta al mercato finanziario malgascio, note GEM e FHORM. Tuttavia, è chiaro che a causa della pandemia Covid-19, il settore ha perso, nel 2020, circa 2.132 miliardi di entrate che hanno generato stipendi, investimenti e tasse. [...]

By |Febbraio 3rd, 2021|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar ospite d’onore all’African Business Week in Italia

Il Madagascar è stato, il 9 novembre 2020, il paese ospite d'onore della 4a edizione del “Forum de l'Italia Africa Business Week 2020” (IABW 2020), una delle più grandi fiere di imprese e cooperazione economica dell'Italia, che riunisce rappresentanti di Paesi, operatori economici e associazioni a vocazione economica dell'Italia e dei Paesi africani. Fin dal suo lancio, l'obiettivo del Forum è stato quello di sviluppare il commercio, le relazioni commerciali e gli investimenti tra Italia e Africa. Durante la conferenza di apertura del Forum, il Ministro degli Affari Esteri, Djacoba AS Oliva Tehindrazanarivelo, ha presentato le opportunità di business e di investimento, nonché i settori ad alto potenziale del Madagascar, in particolare l'estrazione mineraria, turismo, energia, infrastrutture, nuove tecnologie e agroalimentare. Ha inoltre evidenziato le azioni dello Stato malgascio volte a migliorare la governance e il clima degli investimenti, nel quadro dell'Iniziativa per l'emergenza del Madagascar avviata dal Presidente della Repubblica, Andry Rajoelina. Per raggiungere gli obiettivi della diplomazia economica attuati dal Ministero degli Affari Esteri, il Madagascar si apre a tutte le forme di cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa. Gli investitori italiani saranno quindi invitati a contribuire alla sua marcia verso l'emergenza, sulla base di una partnership win-win.

By |Novembre 11th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Rotta verso Ifaty e Mangily nel Sud del Madagascar

ROTTA VERSO IFATY E MANGILY, NEL SUD DEL MADAGASCAR Esistono forse nomi più curiosi (rispettivamente “cadavere” e “che prude”) per due località come Ifaty e Mangily, l’una più paradisiaca dell’altra? Questi villaggi dalla splendida laguna e dalla sabbia bianca fanno parte degli itinerari immancabili in Madagascar. IFATY E MANGILY: DUE VILLAGGI O UNO SOLO? Oggi per praticità si parla di Ifaty e Mangily come di un’unica località; alcuni si riferiscono a Ifaty come villaggio e a Mangily come spiaggia, altri usano Ifaty - Mangily come parola singola. La confusione nasce dalla successione di villaggi non chiaramente delimitati, e ancor di più dalla lunga spiaggia che in fin dei conti è un’unica spiaggia. Inizialmente e per come venne concepito dai locali, Ifaty indicava una serie di minuscoli villaggi situati prima di un’altra serie di minuscoli villaggi chiamata Mangily. Ifaty si trova in realtà quindi a sud di Mangily, a ventidue chilometri dalla famosa città di Toliara, e Mangily quanto a essa inizia leggermente più a nord, al terzo chilometro di Ifaty. Visti dall’acqua, l’impressione è quella di un unico lungomare. Mangily BARRIERA CORALLINA Con una barriera corallina di quaranta chilometri, la Laguna di Ifaty vi darà l’occasione di trascorrere delle ore meravigliose di divertimento sottomarino. Preparatevi a tuffarvi in acque turchesi e trasparenti, alla scoperta di un fondale inaspettatamente colorato e ricco. Per i neofiti, il “Massif des Roses” è l’appuntamento da non mancare: situato all’interno della Laguna, la sua acqua è poco profonda, cristallina e perfetta anche per chi non è un gran nuotatore. E’ qui che, chi lo desidera, può fare il suo battesimo subacqueo! Incluso il “Massif des Roses”, la Laguna di Ifaty propone dodici punti di immersione: all’interno della Laguna stessa, al suo esterno, e attraverso i Pass. Ifaty e Mangily sono raggiungibili con un qualsiasi mezzo dalla città di Toliara. Un’esperienza nell’esperienza sarà scegliere il percorso via mare (all’incirca un’oretta) tra le due località.

By |Novembre 28th, 2017|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-24T17:42:22+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima