Un euro viene acquistato per esattamente 4641 ariary mentre un dollaro vale quasi 4000 unità della nostra valuta locale. Rispetto ai tassi di cambio di inizio anno, l’ariary sembra non registrare alcun progresso nei confronti delle due valute centrali. “Questo deprezzamento relativamente ampio dell’ariary conferma in ogni caso la proiezione della legge finanziaria di modifica che, nella sua nota esplicativa, segnala una svalutazione del 2,3% nel corso dell’anno. Un deprezzamento derivante in particolare dalla dipendenza dell’economia dagli aiuti esterni e dal persistente ampliamento della bilancia commerciale. Infatti, nonostante una fornitura relativamente ampia proveniente dai ricavi dell’industria della vaniglia, Madagascar continua a importare molto, in particolare carburante.

Secondo i suoi analisti, il modo migliore per invertire la tendenza dei tassi di cambio, e quindi vedere apprezzarsi l’ariary rispetto alle valute di riferimento del dollaro e dell’euro, è migliorare la produttività industriale.

Inoltre, l’interruzione delle catene di approvvigionamento globali, in particolare dalla Cina, sta portando a una paralisi del commercio internazionale. In questo contesto, il livello delle esportazioni e delle importazioni è destinato a diminuire drasticamente. Dato il loro peso sulla bilancia dei beni e dei servizi, le importazioni in termini di valore si contrarranno più di quella delle esportazioni.

“Con la crisi sanitaria, la bilancia commerciale ha registrato notevoli divari. Le esportazioni hanno subito flessioni significative, per citare solo il settore minerario che è uno dei pilastri di questi movimenti. D’altra parte, il nostro volume di importazioni rimane pressoché incomprimibile in quanto la maggior parte dei prodotti che consumiamo sono di origine straniera. Anche il settore turistico, una delle principali fonti di valuta estera, è fermo. Ciò ha un forte impatto sulla nostra riserva di valuta estera “ha spiegato Andrianantenaina Ramarifeno, coordinatrice nazionale del Circolo degli economisti.

Quindi, questa svalutazione dell’ariary inizia a preoccupare seriamente l’economia. Quest’ultima prevede un’inflazione galoppante nelle prossime settimane, nella misura in cui questo forte deprezzamento dell’ariary ha un impatto considerevole sul potere d’acquisto dei consumatori malgasci in questi tempi di pandemia.

Tuttavia, un certo strato della società riesce a fare bene. “Più l’ariary si deprezza, più va a nostro vantaggio perché i nostri servizi in outsourcing sono generalmente remunerati in euro”, spiega un lavoratore autonomo. la maggior parte dei cui clienti risiede in Europa. La sfortuna di alcuni fa la felicità di altri. L’espressione non ha mai assunto così bene il suo significato.

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Situazione Covid-19: le autorità annunciano la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico

Il rapporto sull'evoluzione dell'epidemia di Covid-19 sarà ora settimanale. Lalatiana Rakotondrazafy, Ministro della Comunicazione e della Cultura, annuncia martedì la fine della pubblicazione quotidiana del rapporto epidemiologico sui canali audiovisivi del Paese. Questa decisione porrà così fine all'emissione giornaliera del COVID-19 Operational Command Center (CCO). Secondo il portavoce del governo, questa decisione è stata presa di concerto con il presidente della Repubblica. "Il Madagascar ha quasi sconfitto l'epidemia", dichiara prima di aggiungere che il programma verrà mantenuto settimanalmente finché l'epidemia non sarà completamente sconfitta. Il presidente Andry Rajoelina ha affidato alla professoressa Hanta Vololontiana la pubblicazione quotidiana dell'evoluzione di questa epidemia in Madagascar. Era l'unica voce autorizzata a parlare del rapporto sulla situazione. Da più di nove mesi, dunque, il preside della Facoltà di Medicina dell'Università di Antananarivo è diventato l'icona della lotta contro questa malattia che ha fatto 237 vittime nel Paese. D'ora in poi, dà appuntamento ogni sabato sul nostro piccolo schermo.

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Meteorologia – La stagione dei cicloni sarà attiva e intensa

I tecnici della direzione generale della meteorologia stanno mobilitando la popolazione per prepararsi ai rischi climatici che possono sorgere tra novembre e aprile 2021. Le sue proiezioni si basano su una stagione degli uragani attiva e intensa. “Da tre a cinque perturbazioni potrebbero interessare il Madagascar, durante la stagione degli uragani. Uno o due potenti cicloni potrebbero atterrare sulle nostre coste. Queste perturbazioni potrebbero formarsi tanto sul versante dell'Oceano Indiano quanto sul versante del Canale del Mozambico ”, riassume ieri Zo Andrianina Rakotomavo, capo del Servizio di ricerca idrometeorologica presso la Direzione generale della meteorologia. Questo tecnico anticipa la formazione di un ciclone intenso come il ciclone tropicale Enawo che ha devastato il Madagascar nel marzo 2017. Ha colpito più di quattrocentomila persone, con più di ottanta morti. L'anno scorso, quattro tempeste si sono formate intorno all'isola, una è atterrata sulle coste nord-occidentali, provocando vaste inondazioni a nord e ovest. "Non è il numero dei cicloni che conta, ma la loro intensità". I tecnici meteorologici parlano di una stagione degli uragani leggermente superiore alla normale. Anzela Mamiarisoa Ramarosandratana, responsabile del servizio Adattamenti alle tecniche avanzate, all'interno di questo dipartimento, fornisce come spiegazione l'ingresso nella fase La Nina, da moderata a forte. Le temperature della superficie del mare saranno più fresche della media nell'Oceano Pacifico, mentre quelle nell'Oceano Indiano aumenteranno. "Questo riscaldamento della superficie del mare è favorevole alla formazione di cicloni". Questo mese di ottobre è il traguardo per svolgere i lavori di prevenzione degli problemi in caso di ciclone. “Segnala immediatamente l'esistenza di vecchi alberi che potrebbero crollare vicino a casa tua. Ripara le crepe sui muri. Ripara i tuoi tetti. Controlla tutto ciò che potrebbe causare incidenti. E segui le informazioni, non solo sul coronavirus ”, esorta Zo Andrianina Rakotomavo. Il BNGRC attenderà questo bollettino dalla Direzione Generale della Meteorologia, per affinare i propri interventi.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il cambiamento climatico potrebbe uccidere la vaniglia

La vaniglia è un'orchidea che ha più di 100 specie distribuite ai tropici del Sud America , Africa e Asia . È l'unica orchidea per uso industriale e la più conosciuta è la vaniglia planifolia da cui si estrae la vaniglia che ha tanti usi in tutto il mondo. È originario di Veracruz, in Messico , dove gli indiani Totonac lo coltivavano già come fiore nero. Furono gli spagnoli che poi iniziarono ad esportarlo. Oggi, l'80% della vaniglia consumata nel mondo viene prodotta in Madagascar , dove il cambiamento climatico sta diventando molto evidente. Siccità e tempeste tropicali sempre più intense mettono così a repentaglio la produzione e ne aumentano il prezzo. Inoltre, vere e proprie gang hanno creato il traffico internazionale rubando la produzione e poi vendendola sul mercato. La vaniglia è uno dei gusti più utilizzati al mondo per la realizzazione di gelati, dolciumi e aromi ma, paradossalmente, la sua produzione è in calo, il che incide sui suoi prezzi che stanno diventando sempre più alti. Va detto che le condizioni meteorologiche a volte estreme non consentono ai produttori di avere un orizzonte chiaro . Sapevamo già che il cambiamento climatico può lasciarci senza cioccolato, caffè o birra . Anche minore, può avere un tale impatto che un lungo elenco di prodotti comuni nella nostra vita inizia ad avere problemi nella loro produzione. Alcuni di loro si verificano in climi molto specifici e possono essere seriamente minacciati. Ad esempio, nel 2017, il ciclone Enawo ha colpito il Madagascar , uccidendo almeno 38 persone e sfollando più di 53.000. Il suo impatto sull'economia dell'isola è stato particolarmente significativo. Questo evento da solo ha rovinato il 30% dei raccolti di vaniglia, molti dei quali erano irrecuperabili a causa di danni al terreno. Questi tipi di impatti climatici rendono il compito degli agricoltori sempre più complesso e con un indice di incertezza più elevato. Questo è il motivo per cui il prezzo della vaniglia ha continuato ad aumentare nell'ultimo decennio , le difficoltà della sua produzione l'hanno portato ad essere moltiplicato per 8. Nel 2019 un rapporto ha indicato che il prezzo della vaniglia la vaniglia era cresciuta così tanto che valeva quanto i soldi . Questo ingrediente, oltre al Madagascar, è coltivato in India , Papua Nuova Guinea e Uganda, tra gli altri produttori di questo tipo di orchidea. Ma anche in Indonesia che è il secondo produttore mondiale. Ci vogliono tre anni perché la vaniglia fiorisca . Una volta aperti, i suoi delicati fiori gialli sopravvivono a malapena dodici ore prima di appassire, e questo accade solo una volta all'anno. In questo breve tempo il fiore va fecondato, perché senza impollinazione non c'è baccello . E in assenza dell'ape Melipona, che era incaricata di svolgere questo lavoro in modo naturale e gratuito nello stato di Veracruz, il processo viene ora svolto a mano , utilizzando una sottile canna di bambù. Un'arte particolarmente delicata! Dopo nove mesi, quando i baccelli sono ancora verdi e prima che inizino a ingiallire, vengono [...]

By |Novembre 24th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Rotta verso Ifaty e Mangily nel Sud del Madagascar

ROTTA VERSO IFATY E MANGILY, NEL SUD DEL MADAGASCAR Esistono forse nomi più curiosi (rispettivamente “cadavere” e “che prude”) per due località come Ifaty e Mangily, l’una più paradisiaca dell’altra? Questi villaggi dalla splendida laguna e dalla sabbia bianca fanno parte degli itinerari immancabili in Madagascar. IFATY E MANGILY: DUE VILLAGGI O UNO SOLO? Oggi per praticità si parla di Ifaty e Mangily come di un’unica località; alcuni si riferiscono a Ifaty come villaggio e a Mangily come spiaggia, altri usano Ifaty - Mangily come parola singola. La confusione nasce dalla successione di villaggi non chiaramente delimitati, e ancor di più dalla lunga spiaggia che in fin dei conti è un’unica spiaggia. Inizialmente e per come venne concepito dai locali, Ifaty indicava una serie di minuscoli villaggi situati prima di un’altra serie di minuscoli villaggi chiamata Mangily. Ifaty si trova in realtà quindi a sud di Mangily, a ventidue chilometri dalla famosa città di Toliara, e Mangily quanto a essa inizia leggermente più a nord, al terzo chilometro di Ifaty. Visti dall’acqua, l’impressione è quella di un unico lungomare. Mangily BARRIERA CORALLINA Con una barriera corallina di quaranta chilometri, la Laguna di Ifaty vi darà l’occasione di trascorrere delle ore meravigliose di divertimento sottomarino. Preparatevi a tuffarvi in acque turchesi e trasparenti, alla scoperta di un fondale inaspettatamente colorato e ricco. Per i neofiti, il “Massif des Roses” è l’appuntamento da non mancare: situato all’interno della Laguna, la sua acqua è poco profonda, cristallina e perfetta anche per chi non è un gran nuotatore. E’ qui che, chi lo desidera, può fare il suo battesimo subacqueo! Incluso il “Massif des Roses”, la Laguna di Ifaty propone dodici punti di immersione: all’interno della Laguna stessa, al suo esterno, e attraverso i Pass. Ifaty e Mangily sono raggiungibili con un qualsiasi mezzo dalla città di Toliara. Un’esperienza nell’esperienza sarà scegliere il percorso via mare (all’incirca un’oretta) tra le due località.

By |Novembre 28th, 2017|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-24T17:42:22+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima