Home/Blog/Fine dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar

Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l’ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è fissato per il 1 ° novembre.

Il presidente Andry Rajoelina ha annunciato questa domenica sera la revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. La riapertura dei voli regionali prevista per il 29 ottobre è però cancellata e l’ultimo volo di rimpatrio per il Madagascar è previsto per il 1 ° novembre.

Lo stato di emergenza sanitario dichiarato il 21 marzo è terminato. In occasione di una trasmissione televisiva questa domenica sera, il presidente Andry Rajoelina ha annunciato di aver posto fine a tutto ciò. Una decisione motivata dal calo dei nuovi casi di Covid 19 in Madagascar.

Andry Rajoelina sostiene che il paese stia battendo il Covid-19. Attualmente, 348 pazienti sono ancora in cura in Madagascar. Questa domenica 18 ottobre, si registrano 3 nuovi casi positivi di Covid-19 nel Paese, di cui uno su 2 a Toliara e 1 ad Antsiranana, riferisce il Capo dello Stato. Nessun caso di coronavirus è stato confermato nella regione di Analamanga durante questo fine settimana.

Nonostante la fine dello stato di emergenza sanitaria, indossare una maschera protettiva rimane obbligatorio. Devono essere osservate anche misure di barriera. Le riunioni con più di 200 persone rimangono vietate.

Le misure contro la diffusione del covid-19 non sono più mantenute e la sorveglianza sarà rafforzata. Governatori e prefetti saranno in grado di adottare misure appropriate a livello di ogni distretto come parte della continua lotta contro il coronavirus, sostiene.

Inoltre, l’ultimo volo di rimpatrio per le persone bloccate all’estero sarà operato da Air Madagascar il 1 novembre, afferma il presidente Andry Rajoelina. In considerazione dell’evoluzione della situazione sanitaria in altri Paesi, è stata annullata l’apertura parziale dei confini del Madagascar prevista per il 29 ottobre.

I collegamenti aerei tra il Madagascar e altri paesi rimangono sospesi. I voli per Nosy Be vengono mantenuti, ad eccezione dei voli dai paesi che stanno vivendo una seconda ondata di pandemia.

Kitesurf a Tanà: chi l’avrebbe creduto?

Fatto insolito giovedì scorso sul lato della tangenziale di Tsarasaotra. Quattro giovani hanno dispiegato strane vele sul lago, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Il kitesurf è possibile ad Antananarivo. "Ogni volta che c'è vento, puoi andare a fare kite", ha detto Tsiory Panoël Razafindrasata, uno dei giovani che ieri ha provato l'esperimento. Dice che non erano al loro primo tentativo ad Antananarivo. “Ne abbiamo già fatti alcuni per Ivato a maggio. Abbiamo fatto una ricognizione sul posto e siamo entrati in acqua ”, spiega. Per la seduta di ieri, la piccola squadra si è recata lì la scorsa settimana per verificare se le condizioni fossero corrette. Potenziale inutilizzato Secondo Tsiory Panoël Razafindrasata, è possibile sviluppare attività intorno al kitesurf su questo sito. "Ma sarà più iniziazione", ha detto, aggiungendo che sono su un progetto per creare una scuola di kitesurf chiamata Mada Kite Bros. Per conoscere le vere sensazioni di questo sport estremo, questo istruttore indica che niente batte il nord dell'isola, ad Antsiranana. “A Diego abbiamo uno dei migliori kite spot del mondo. Il vento è costante lì quasi 9 mesi su 12, da marzo a novembre ”, dice. Si rammarica che questo potenziale non venga sfruttato a causa del problema dei trasporti. “Per raggiungere Diego, i turisti devono viaggiare su strada o prendere l'aereo costoso. Per questo motivo, le persone preferiscono Maurice ", spiega. Aggiunge che i turisti che vogliono fare kitesurf possono facilmente perdere 4 giorni sulla strada. Oltre ad Antsiranana, il Madagascar ha anche spot per i kite nel sud, sia vicino a Toliara che a Taolagnaro, da ottobre a febbraio. ",

By |Ottobre 29th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Tanamasoandro: La nuova città si trasferisce a Imerintsiatosika

Adesso è ufficiale. L'ex base della NASA a Tsimahabeomby Imerintsiatosika sulla RN1 è stata scelta per la costruzione di una nuova città al posto di Ambohitrimanjaka. Questo progetto, che consiste nell'ampliare il capoluogo, sorgerà su un terreno di 1000 ettari. Gli uffici ministeriali verranno progressivamente spostati in questo luogo situato a 26 km dalla capitale. " L'idea è quella di iniziare a spostare i distretti amministrativi di Anosy in una nuova posizione. E lo farà a Imerintsiatosika ”, ha dichiarato il viceministro responsabile delle nuove città e degli alloggi Angelo Zasy. Mercoledì, diversi funzionari statali interessati da questo progetto presidenziale si sono recati in questo sito per installare il cartello che informava la costruzione della "New West Town". Su questa targa si informa il pubblico che "tutto il terreno interessato dal progetto non può più essere oggetto di vendita, domanda e / o passaggio di proprietà". L'unica vendita autorizzata deve essere effettuata allo Stato, che già si riserva il diritto di prelazione per eventuali passaggi di proprietà. Lo Stato rinuncia quindi ad Ambohitrimanjaka per la costruzione della nuova città, una delle promesse presidenziali. Infatti, il progetto non ha potuto concretizzarsi a causa delle proteste degli abitanti di questa località. Per il membro del governo, il sito di Imerintsiatosika risponde bene al progetto e rappresenta diversi punti di forza. “Si trova in un raggio di meno di 40 km da Antananarivo. Ciò che è interessante in termini di sviluppo urbano e in effetti è una riserva di terra dove c'è poca occupazione. Quindi, in termini di pianificazione del progetto, è molto più facile attivare un progetto su un sito dove non c'è nessuno piuttosto che su un sito dove ci sono molte persone con cui discutere "

By |Novembre 6th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il prezzo del riso galoppa

Con il periodo di magra che si avvicina con la stagione degli uragani, il prezzo di "vary gasy" così come quello di "makalioka" è in aumento sia nelle vendite all'ingrosso che al dettaglio. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, l'Osservatorio del riso (Odr) ha registrato il prezzo del makalioka intorno ai milleottocento ariary al chilo. Attualmente questo stesso tipo di riso è accessibile solo da duemila ariary al chilo. “Di solito vendiamo un sacco di makalioka da cinquanta chilogrammi per novantatremila ariary. Ma per vari motivi, i nostri fornitori sono stati costretti ad aumentare i prezzi di vendita. Questo ci costringe ad allineare il nostro margine in base a questo aumento ", spiega un grossista di Anosibe. Aggiunge che uno dei motivi dell'aumento del prezzo del makalioka, che è il tipo di riso più consumato, è la scomparsa del riso bianco importato dall'intero mercato locale. “Sono passati mesi da quando abbiamo ricevuto o trovato scorte di riso di lusso, riso bianco importato. Un periodo che coincide con le misure statali sugli aiuti agli indigenti durante il parto. Il makalioka ha così preso il posto di quest'ultimo mentre il suo prezzo è aumentato in modo del tutto naturale ”lamenta lo stesso grossista. In questo contesto, il ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) Lantosoa Rakotomalala ha detto l'altro ieri che non ci sarà più aumento del prezzo del riso dalla prossima settimana nonostante il contesto attuale che presenta forti rischi di inflazione. “Certo, arriviamo ad ottobre, periodo che segna la fine del consumo di riso prodotto localmente per passare al riso importato. Nonostante ciò, è utile ricordare la politica dello Stato in materia, che è quella di importare direttamente prodotti essenziali per poter gestire al meglio i prezzi al consumo ”, afferma il ministro. Per fugare i timori, il ministro del Commercio ha fatto lo stesso discorso qualche mese fa verso l'inizio del periodo di reclusione per placare i consumatori sulla fissazione del prezzo massimo di vendita per chilo di riso. "Il prezzo del riso scenderà entro la fine della settimana", ha annunciato il ministro nel marzo di quest'anno. Una dichiarazione che è stata seguita da una dichiarazione del Consiglio dei Ministri che è andato oltre sostenendo che il prezzo del riso non dovrebbe superare i milleottocento ariary al chilo e che sarebbero state prese severe sanzioni contro coloro che avrebbero beneficiato di la situazione per aumentare il prezzo. Per riuscire a contenere il prezzo a questo livello, Lantosoa Rakotomalala sostiene che lo stato è già al lavoro per importare il riso necessario al consumo. “È utile ricordare che il 90% del consumo malgascio è costituito da riso di produzione locale e che il restante 10% risulta essere riso importato. Il processo di importazione è già stato avviato dallo Stato con l'obiettivo di stabilizzare sia l'offerta del mercato locale sia il prezzo del riso che sarà disponibile su questo mercato ”indica il responsabile di MICA.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia. "  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall'Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  ", secondo il deputato. Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell'associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l'indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy. Il deputato ha indicato che i membri dell'ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l'Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy. Indagine Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell'esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l'esistenza di queste morti. D'altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell'appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l'acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”. Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance. “  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d'acquisto  ”, secondo il capo del distretto. Un'altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall'insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”. I funzionari dell'Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di [...]

By |Ottobre 21st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

In Madagascar, lo chef “Lalaina” cucina in tutta trasparenza

Qui, le caramelle di foie gras vengono ricoperte con l'80% di cioccolato e i camarons, questi gamberi del Madagascar, vengono serviti nei piatti accompagnati da una crema di tartufo. Nel ristorante Le Marais i clienti non perdono mai la cucina della chef Herilalaina Ravelomanana, inventata davanti ai loro occhi, proprio dietro il bovindo. Quella che chiamiamo "Chef Lalaina" ogni giorno crea uno o due nuovi piatti dopo aver assemblato, miscelato, annusato i prodotti per ottenere gli abbinamenti più armoniosi. Come la sua ultima sorpresa: la barretta di cioccolato ripiena di caviale malgascio soffiato. Scarpe eleganti, giacca e sciarpa di seta al collo, l'uomo è proprio come questo luogo popolare per Antananarivo: elegante. In questo ristorante gourmet che ha aperto nel 2019, il cuoco 45enne ha voluto "mostrare tutto il lavoro che c'è dietro un piatto" e il rigore che deve regnare in cucina per offrire la perfezione. "Qui, niente cinema o finzione", dice. Se devo urlare durante lo scatto, lo faccio. E se un piatto brucia o si rompe, la gente lo vede. Mostrare la realtà è il mio modo di mettere in mostra l'industria della ristorazione. " Primo africano inserito nella prestigiosa Culinary Academy of France nel 2010, finalista al World Toque d´or Trophy nel 20, Herilalaina Ravelomanana ha già accumulato nove riconoscimenti ed è salito sui gradini più alti dei podi internazionali. Come ama dire, "mi sono distinto ovunque, tranne che in Madagascar". Eppure, lo chef Lalaina ha scelto di restare nel suo paese, dove dice di essere "ben circondato", tra i suoi amici ei suoi tre figli. Supporto e riconoscimento che bastano a questo ambasciatore della Big Island. "Onorare il territorio e i prodotti freschi" Per trovare i prodotti migliori, ha creato la sua rete di piccoli produttori, in tutta l'isola, con i quali mantiene un rapporto speciale. Zenzero, caffè, cioccolato o spezie: questo orafo del gusto ha sondato lui stesso il suo paese per trovare perle. "Rendere onore al territorio e ai prodotti freschi, questo potrebbe essere il mio motto", sorride. Dall'apertura del Marais, inoltre, lo chef ha coltivato un orto ai margini della capitale, per controllare la sua offerta e servire la propria frutta e verdura. Questo nativo degli altopiani, figlio di una sarta e di un gendarme, fu iniziato da bambino da sua madre. Ricorda di aver passato molto tempo con lei per vederla cucinare malgascio e francese. Non c'era dubbio, tuttavia, che sarebbe diventato cuoco, una professione all'epoca poco apprezzata. Tanto più che il ragazzino è piuttosto un artista, si cimenta nella danza, disegna i ricami della madre, prima di dedicarsi finalmente a un primo lavoro dietro i fornelli quando ha bisogno di guadagnare un po 'di soldi per finanziare i suoi studi universitari. Herilalaina Ravelomanana bussa alla porta di un primo ristorante, quello dell'Arotel, ad Antsirabe, prima di passare al Tana Plaza, ad Antananarivo. "E lì scatta," disse, la sua voce ancora carica di emozione. È stato lì che ho incontrato il mio mentore, Philippe Gourio. "L'uomo gli insegna tutto, dalla [...]

By |Ottobre 17th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-19T05:17:10+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima