L’iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall’essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi. 

“ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato.

I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola.

Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l’Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l’arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore …). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole.

Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D’altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti.

Secondo un rapporto del ministro dell’Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

Sei morti per carestia ad Ampanihy

La carestia imperversa nella parte meridionale del Madagascar. Lunedì scorso, il deputato di Ampanihy Ouest, Marco Tsaradia, ha annunciato sulla sua pagina Facebook, sei morti a causa della carestia, nella fokontany Ampitanake, nel comune rurale di Itampolo. “  Diversi fokontany (villaggi) nel distretto di Ampanihy soffrono la carestia. La gente del posto è costretta a consumare cactus rossi, manghi verdi cotti e bacche di tamarindo per sopravvivere. Alcune famiglie deplorano le morti a causa del Kere, di cui sei nella fokontany di Ampitanake  ” , ha detto il vice Marco Tsaradia. "  Siamo commossi alla vista delle foto e dei video condivisi dall'Associazione Sud-Mada Charity sulla carestia nel Sud  ", secondo il deputato. Questa associazione sottolinea nella sua pagina Facebook ufficiale che la morte dei sei bambini è avvenuta in una sola settimana. A seguito di una conversazione telefonica con una fonte dell'associazione, questi decessi sono avvenuti ad Ampitanake poche settimane fa, mentre altri sono stati segnalati un mese fa, secondo l'indagine svolta da questo associazione umanitaria con sede ad Ampanihy. Il deputato ha indicato che i membri dell'ESTSM o Solid Team Tsaradia per il sud del Madagascar, in collaborazione con l'Associazione Sud Mada Charity, hanno già effettuato una discesa sul luogo e hanno notato la situazione di precarietà e carestia in diversi distretti di Ampanihy. Indagine Inoltre, il capo del distretto di Ampanihy, Jovin Thomas Andriamaro ha spiegato che “  il distretto non è ancora stato informato del rapporto riguardante queste morti di carestia, ma sentiamo i presidenti di Fokontany che parlano dell'esistenza di queste morti. morti collettive. Ma in assenza di un rapporto ufficiale, non possiamo confermare l'esistenza di queste morti. D'altra parte, possiamo dire che la carestia ha iniziato a imperversare due settimane fa. Nove dei diciannove (19) comuni di Ampanihy ora soffrono di Kére e gli abitanti consumano ancora manghi verdi che cucinano. E come soppressori dell'appetito, per placare il loro desiderio di mangiare, bevono l'acqua di Fangitse, un arbusto che produce acqua dopo il trattamento  ”. Il capo del distretto ha sottolineato che i bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili. Molti di questi bambini sono molto stanchi e molto magri, con grandi teste e grandi pance. “  Stiamo ancora indagando su questa carestia nel nostro distretto e attualmente abbiamo identificato ottocento (800) persone vulnerabili nel comune urbano di Ampanihy. La maggior parte delle famiglie non può più procurarsi cibo per mancanza di potere d'acquisto  ”, secondo il capo del distretto. Un'altra fonte ad Ampanihy spiega che “  la fokontany Ampitanake, comune di Itampolo, dove sono stati scoperti i sei casi di morte pubblicati su Facebook, è molto isolata, e si trova a 190 km dal capoluogo. Non esiste una rete telefonica in questo paese e nessun mezzo di trasporto per raccogliere dati lì, motivo per cui non disponiamo ancora delle cifre esatte. Inoltre, i comuni di Beahitse, Itampolo, Ankilimivoy, Bearo sono tra gli altri i comuni più colpiti dall'insicurezza alimentare nel nostro distretto  ”. I funzionari dell'Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC) con partner tecnici e finanziari stanno facendo irruzione ad Ampanihy come parte della creazione di [...]

By |Ottobre 21st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Covid-19: 5 morti e 17 casi importati

Secondo l'ultima valutazione epidemiologica del Covid-19 pubblicata dal Ministero della Salute Pubblica, nella settimana dal 31 ottobre al 7 novembre sono stati registrati 5 nuovi decessi nel Paese. Sono state rilevate 122 nuove contaminazioni, inclusi 17 casi importati. Queste 122 nuove contaminazioni sono state riscontrate su 2.495 test eseguiti, con un tasso di positività del 4,88%. Il numero totale di casi confermati registrati si attesta quindi a 17.223 con 249 decessi dall'inizio della pandemia. I 17 casi importati provengono da voli autorizzati con l'estero, compreso l'ultimo volo di rimpatrio per cittadini malgasci il 31 ottobre. Secondo una fonte del ministero della Salute, ieri le persone positive a seguito del nuovo test effettuato al loro arrivo sono state sistematicamente trasferite in ambiente ospedaliero. Valutazione dell'ultima situazione Covid-19 in Madagascar: - Nuove contaminazioni : 122 casi rilevati su 2.495 test PCR e test GeneXpert (con un tasso di positività dello 04,88%), Haute-Matsiatra: 20 casi positivi Alaotra Mangoro: 19 Analamanga: 17 Diana: 11 Sava: 10 Vatovavy Fitovinany: 8 Atsimo Andrefana: 5 Anosy: 4 Vakinankaratra: 3 Atsinanana: 3 Menabe: 2 Boeny: 2 Ihorombe: 1 Casse importate: 17 - Nuovi casi di recupero : 107, Diana: 31 guarita Vatovavy Fitovinany: 27 Sava: 20 Analamanga: 10 Atsimo Andrefana: 5 Ihorombe: 5 Alaotra Mangoro: 4 Matsiatra superiore: 3 - Riepilogo dell'ultima situazione : Contaminati: 17 223 Guariti: 16.516 Pazienti in trattamento: 468 Morti: 249 - Test effettuati PCR e GeneXpert : 91.999 (tra il 19 marzo e il 07 novembre)

By |Novembre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

5 ragioni per visitare il parco dell’Isalo

Paesaggi mozzafiato: il Parco nazionale dell'Isalo è conosciuto per i suoi paesaggi spettacolari, che includono canyon, formazioni rocciose imponenti, cascate e laghi. È un luogo ideale per ammirare la bellezza della natura e per scattare fotografie mozzafiato. Escursioni e attività all'aria aperta: il parco offre una varietà di sentieri escursionistici adatti a tutti i livelli di esperienza e interesse. È possibile fare trekking, arrampicata, nuoto e altre attività all'aria aperta. Fauna e flora uniche: il parco dell'Isalo è una delle aree con più biodiversità del Madagascar, con specie di animali e piante che non si trovano altrove nel mondo. Ci sono molti animali da avvistare, tra cui lemuri, camaleonti, pappagalli e iguane. Storia e cultura: il parco dell'Isalo è anche un luogo di grande importanza storica e culturale. Esistono molti siti archeologici e antichi insediamenti nella zona, che offrono una finestra sulla storia e le tradizioni locali. Relax e benessere: il parco dell'Isalo è un luogo ideale per rilassarsi e ricaricare le batterie. Ci sono molte opportunità per fare yoga, meditazione e altre attività che aiutano a rilassare la mente e il corpo. Inoltre, il clima mite e l'aria pulita rendono il parco dell'Isalo un luogo ideale per trascorrere una vacanza all'insegna del benessere.

By |Dicembre 23rd, 2022|Categories: Blog|0 Comments

Tamponi non più obbligatori sui voli interni Tsaradia

I passeggeri sui voli nazionali non sono più tenuti a presentare un test PCR negativo prima di imbarcarsi su un volo della compagnia aerea Tsaradia. In altre parole, il test PCR non è più obbligatorio. La decisione è stata presa a seguito della revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar. Questa nuova disposizione entra in vigore da oggi stesso per ogni passeggero in partenza da Antananarivo per le province, e per ogni passeggero in partenza dalle province per Antananarivo, indica la compagnia Tsaradia. La compagnia invita comunque i passeggeri a rispettare i gesti di barriera in ogni fase del viaggio. Questi includono il rispetto delle distanze fisiche, l'uso di una maschera e il lavaggio frequente delle mani con gel idroalcolico.

By |Ottobre 20th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-16T14:05:56+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima