L’iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall’essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi. 

“ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato.

I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola.

Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l’Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l’arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore …). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole.

Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D’altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti.

Secondo un rapporto del ministro dell’Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

Madagascar, l’altro paese del foie gras e del caviale

Alla domanda “Caviale o foie gras? " , Il Madagascar risponde " entrambi " ! Perché quest'isola dove il 75% della popolazione vive con meno di 2 euro al giorno produce anche i suoi piatti di lusso. "Per noi, lo sviluppo di un paese povero richiede prodotti ad alto valore aggiunto", spiega Delphine Dabezies, co-fondatrice dell'azienda Rova Caviar. Per lei e suo marito, il Madagascar non è più solo l'isola della vaniglia o dei litchi. Installati lì da ventitré anni, la coppia ha scelto il lago Mantasoa, a tre ore da Antananarivo, "per la purezza del suo ambiente" e per la presenza di un lago alimentato solo da acqua piovana. Lì, la coppia Dabezies e il loro partner Alexandre Guerrier hanno aperto nel 2017 il primo allevamento di storioni in Africa e nell'Oceano Indiano. Incubatoio, mangimificio, laboratorio di lavorazione: il caviale Rova impiega quasi 300 persone sui suoi 2.000 ettari. E a parte gli storioni, importati dalla Russia, tutta la trasformazione delle uova in "oro nero" avviene lì, in mezzo agli eucalipti. Fino al pellet per nutrire il pesce, prodotto da allevatori locali. La prima pietra del progetto risale al 2009, le prime uova hanno raggiunto la maturità nel 2013 e i francesi sperano di raggiungere la velocità di crociera entro il 2026. “All'inizio nessuno ha preso sul serio il nostro progetto, né banche che il nostro entourage ” , spiega quella che già esporta in Francia e Stati Uniti. I ristoratori, i privati, i grossisti e i distributori acquistano sulla Big Island e rivendono con il proprio marchio. Per una qualità ottimale del caviale, l'azienda seleziona solo specie pure di storione, tra cui beluga e Persicus, che sono state dichiarate estinte. “Il primo ministro iraniano però è venuto di persona con una delegazione qui, in Madagascar, per vedere la rinascita. Non poteva crederci! », Ricorda il produttore, soddisfatto di questo piccolo miracolo. Con vaniglia e uva A poche decine di chilometri di distanza, nel comune di Behenjy, ribattezzato “capitale del foie gras” , fiorisce un altro piatto natalizio. Miora Randriatsaratolotra, manager di Coin du foie gras, ha aperto nel 2004 la prima azienda agricola dedicata e un ristorante con lo stesso nome. "La particolarità del foie gras malgascio è che è completamente artigianale ", spiega . Diamo da mangiare alle anatre a mano, massaggiamo loro il collo per non stressarle. E il mais che viene dato viene coltivato senza prodotti chimici. " L'azienda ora vive direttamente un centinaio di persone, e indirettamente quasi altre 400 con una produzione annua di 3 tonnellate. Il Madagascar ha ora altre tre grandi società di produzione di foie gras e una decina di piccoli artigiani. Il suo best seller resta il fegato in tinta unita, ma si può anche degustare con bacche rosa o pepe verde e, per i più avventurosi, un foie gras aromatizzato con vaniglia e uva. "La clientela si è evoluta", specifica Miora Randriatsaratolotra . Prima erano soprattutto espatriati francesi e grandi ristoranti della capitale. Ora, quasi tutte le famiglie [...]

By |Ottobre 13th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Riapertura parziale delle frontiere in Madagascar

Le autorizzazioni speciali di ingresso in Madagascar sono aperte a specifiche categorie di personalità, secondo l'Aviazione Civile del Madagascar. Alcune persone possono avere accesso al territorio a determinate condizioni. Nonostante la chiusura dei confini malgasci alcune categorie di persone potrebbero beneficiare di uno speciale permesso di ingresso, spiega Tovo Rabemanantsoa, direttore generale dell'Aviazione Civile del Madagascar (ACM). Tra queste persone, il DG ACM parla, tra gli altri, di diplomatici, operatori economici che devono tornare a gestire la loro attività e i loro investimenti nel Paese, o quelli con motivi familiari impellenti. "Il nostro paese deve continuare a vivere", dice Tovo Rabemanantsoa. Joel Randriamandranto, Ministro dei Trasporti, Turismo e Meteorologia, aggiunge che nell'attribuzione di queste autorizzazioni si tiene conto del lato economico e umano e tutte queste persone devono rispettare le norme sanitarie. Il Consiglio dei ministri dell'11 novembre aveva parlato di un esame caso per caso dei fascicoli di istanze pervenuti alle autorità. Le persone che ottengono un'autorizzazione speciale possono quindi entrare e uscire da Nosy Be, l'unico aeroporto attualmente ufficialmente aperto ai collegamenti internazionali con il Madagascar, e che consente l'ingresso dei passeggeri sui voli commerciali dai paesi autorizzati. A meno che non prendano aerei privati che saranno autorizzati ad atterrare, tra gli altri, ad Antananarivo.

By |Novembre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Scuola gratuita: un sogno per molti

L'iscrizione gratuita nelle scuole pubbliche è lungi dall'essere applicata alla lettera e rimane una sfida. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha quindi annunciato che effettuerà sopralluoghi a livello delle scuole pubbliche per controllare e sanzionare i capi degli istituti che ancora richiedono ai genitori degli alunni il pagamento della quota di iscrizione e dei contributi.  “ Saranno puniti i responsabili di scuole pubbliche, collegi e licei che chiedono il pagamento della quota di iscrizione. È probabile che passino in consiglio disciplinare (CODIS) o siano passibili di licenziamento ”, ha dichiarato ieri il capo del distretto scolastico (CISCO) della città di Antananarivo, Lalaina Ramananantony. I funzionari della ZAP (Educational Administration Zones) accelereranno le ispezioni e riferiranno prontamente le violazioni al CISCO, ha affermato. I genitori non dovranno pagare nulla secondo una decisione presa dal Consiglio dei ministri, eppure la realtà è diversa in alcune scuole. Con chi ha già pagato la quota di iscrizione e chiede il rimborso, un vero grattacapo per le scuole, altri che continuano a chiedere la quota di iscrizione, la situazione si confonde. Nei giorni scorsi i genitori degli studenti di una scuola elementare pubblica di Antandrokomby Anosizato hanno addirittura manifestato per opporsi al pagamento della quota di iscrizione richiesta dalla scuola. Da parte sua, a seguito di questa decisione del governo, l'Unione degli insegnanti del Madagascar o Sempama Nosy ha rilasciato un comunicato stampa per chiedere misure di sostegno per il corretto funzionamento degli istituti. Chiede prima l'arrivo puntuale del budget riservato al fondo scolastico. Anzi, il budget stanziato per il fondo scuola arriva spesso in ritardo quando è necessario onorare le spese scolastiche come i piccoli acquisti (gesso, spugna, scopa, stipendio del tutore ...). Con il contributo dei genitori degli studenti e le tasse di iscrizione, diverse scuole soffrivano già di difficoltà operative, sia finanziarie che materiali, la Sempama ha poi proposto un aumento del budget di funzionamento delle scuole. Il sindacato chiede inoltre che il pagamento degli stipendi di tutti gli insegnanti, del personale amministrativo e delle guardie scolastiche FRAM sia pagato dallo Stato. D'altra parte, Sempama Nosy chiede la continuazione del reclutamento degli insegnanti FRAM e la revisione al rialzo delle indennità degli insegnanti. Secondo un rapporto del ministro dell'Istruzione nazionale rivelato ieri dal Capo dello Stato durante una consegna di kit scolastici agli studenti di Antsohihy nella regione di Sofia, il numero di iscrizioni alle scuole pubbliche è aumentato in seguito tasse di registrazione gratuite.

By |Ottobre 16th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Il prezzo del riso galoppa

Con il periodo di magra che si avvicina con la stagione degli uragani, il prezzo di "vary gasy" così come quello di "makalioka" è in aumento sia nelle vendite all'ingrosso che al dettaglio. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, l'Osservatorio del riso (Odr) ha registrato il prezzo del makalioka intorno ai milleottocento ariary al chilo. Attualmente questo stesso tipo di riso è accessibile solo da duemila ariary al chilo. “Di solito vendiamo un sacco di makalioka da cinquanta chilogrammi per novantatremila ariary. Ma per vari motivi, i nostri fornitori sono stati costretti ad aumentare i prezzi di vendita. Questo ci costringe ad allineare il nostro margine in base a questo aumento ", spiega un grossista di Anosibe. Aggiunge che uno dei motivi dell'aumento del prezzo del makalioka, che è il tipo di riso più consumato, è la scomparsa del riso bianco importato dall'intero mercato locale. “Sono passati mesi da quando abbiamo ricevuto o trovato scorte di riso di lusso, riso bianco importato. Un periodo che coincide con le misure statali sugli aiuti agli indigenti durante il parto. Il makalioka ha così preso il posto di quest'ultimo mentre il suo prezzo è aumentato in modo del tutto naturale ”lamenta lo stesso grossista. In questo contesto, il ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) Lantosoa Rakotomalala ha detto l'altro ieri che non ci sarà più aumento del prezzo del riso dalla prossima settimana nonostante il contesto attuale che presenta forti rischi di inflazione. “Certo, arriviamo ad ottobre, periodo che segna la fine del consumo di riso prodotto localmente per passare al riso importato. Nonostante ciò, è utile ricordare la politica dello Stato in materia, che è quella di importare direttamente prodotti essenziali per poter gestire al meglio i prezzi al consumo ”, afferma il ministro. Per fugare i timori, il ministro del Commercio ha fatto lo stesso discorso qualche mese fa verso l'inizio del periodo di reclusione per placare i consumatori sulla fissazione del prezzo massimo di vendita per chilo di riso. "Il prezzo del riso scenderà entro la fine della settimana", ha annunciato il ministro nel marzo di quest'anno. Una dichiarazione che è stata seguita da una dichiarazione del Consiglio dei Ministri che è andato oltre sostenendo che il prezzo del riso non dovrebbe superare i milleottocento ariary al chilo e che sarebbero state prese severe sanzioni contro coloro che avrebbero beneficiato di la situazione per aumentare il prezzo. Per riuscire a contenere il prezzo a questo livello, Lantosoa Rakotomalala sostiene che lo stato è già al lavoro per importare il riso necessario al consumo. “È utile ricordare che il 90% del consumo malgascio è costituito da riso di produzione locale e che il restante 10% risulta essere riso importato. Il processo di importazione è già stato avviato dallo Stato con l'obiettivo di stabilizzare sia l'offerta del mercato locale sia il prezzo del riso che sarà disponibile su questo mercato ”indica il responsabile di MICA.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Camaleonte del Madagascar visto per la prima volta dopo 100 anni

Questo venerdì, 30 ottobre, un team di scienziati tedeschi e malgasci ha annunciato la riscoperta del misterioso camaleonte Voeltzkow, un magnifico animale sfuggito al rilevamento per un secolo, riferisce The Independent . I ricercatori hanno individuato il camaleonte durante una spedizione nel nord-ovest dell'isola. Nonostante il suo talento per il camuffamento, gli scienziati hanno ipotizzato che se l'animale non fosse stato visto per 100 anni, è perché vive solo durante la stagione delle piogge. Durante questi pochi mesi, lascia il suo uovo, cresce rapidamente, affronta i suoi rivali, compagni e partorisce a turno, prima di morire una vita frenetica. " È un po 'come le farfalle dei vertebrati ", dice lo zoologo bavarese Frank Glaw. Quando sono incinte, le femmine si adornano di colori sublimi, che hanno permesso la loro osservazione. I ricercatori stanno accompagnando il loro prezioso studio con un avvertimento: non solo i camaleonti di Voeltzkow sono animali fragili, ma il loro habitat è minacciato dalla deforestazione. È quindi necessario mettere in atto misure di protezione che consentano loro di vivere per molti altri secoli, anche fuori dalla vista.

By |Ottobre 31st, 2020|Categories: Blog|0 Comments

La peste ricompare in Amoron’i Mania e Matsiatra Ambony

Dramma in una famiglia ad Andranomiditra Vohibato. Due sorelle, 19 e 4 anni, sono morte di peste bubbonica a settembre, secondo una fonte del distretto sanitario di Vohibato. “Non sono sopravvissute perché non hanno ricevuto le cure necessarie. Vivono molto lontano da un centro sanitario di base (CSB), a tre ore a piedi ", ha detto ieri questa fonte. Altre tre persone hanno sviluppato sintomi di peste bubbonica in quel distretto nello stesso mese. Questi ultimi sono guariti essendo stati curati in tempo. Queste persone avrebbero preso la peste, vivendo nella foresta, dimora naturale dei topi. Da allora, Vohibato si è mobilitato per prevenire la diffusione della malattia. “Le persone a contatto con i pazienti hanno ricevuto trattamenti profilattici per la prevenzione della malattia. Il villaggio è stato disinfettato. La popolazione è sensibilizzata alla prevenzione della peste. La sorveglianza è rafforzata ", aggiunge la nostra fonte. Casi di peste bubbonica e polmonare sono stati segnalati anche nella regione di Amoron'i Mania, Manandriana e Ambositra, secondo il Segretario Generale del Ministero della Salute Pubblica, Dr Fanja Dominique Rasamoelina. Un caso confermato e due casi sospetti (positivo al test diagnostico rapido, in attesa di conferma dall'Istituto Pasteur in Madagascar). Due sono guariti, compreso un caso di peste polmonare. A Manandriana è in cura un caso di peste bubbonica. “Questo paziente mostra i sintomi della malattia, viene dal distretto di Ambositra. È assistito a Manandriana, perché è il centro sanitario più vicino a lui ", ha detto una fonte. Da settembre ad aprile è la stagione dell'epidemia di peste. I casi di peste vengono segnalati quasi ogni anno durante questa stagione, soprattutto negli altopiani, aree endemiche della peste. Tra agosto e novembre 2017, il Madagascar ha vissuto una grande epidemia di peste urbana. Le autorità hanno contato più di duemilatrecento casi, inclusi duecento morti, in questo periodo. Un'epidemia di peste potrebbe riemergere, se le misure di prevenzione non vengono rafforzate.

By |Ottobre 19th, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-16T14:05:56+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima