I passeggeri sui voli nazionali non sono più tenuti a presentare un test PCR negativo prima di imbarcarsi su un volo della compagnia aerea Tsaradia. In altre parole, il test PCR non è più obbligatorio. La decisione è stata presa a seguito della revoca dello stato di emergenza sanitaria in Madagascar.

Questa nuova disposizione entra in vigore da oggi stesso per ogni passeggero in partenza da Antananarivo per le province, e per ogni passeggero in partenza dalle province per Antananarivo, indica la compagnia Tsaradia.

La compagnia invita comunque i passeggeri a rispettare i gesti di barriera in ogni fase del viaggio. Questi includono il rispetto delle distanze fisiche, l’uso di una maschera e il lavaggio frequente delle mani con gel idroalcolico.

Il cambiamento climatico potrebbe uccidere la vaniglia

La vaniglia è un'orchidea che ha più di 100 specie distribuite ai tropici del Sud America , Africa e Asia . È l'unica orchidea per uso industriale e la più conosciuta è la vaniglia planifolia da cui si estrae la vaniglia che ha tanti usi in tutto il mondo. È originario di Veracruz, in Messico , dove gli indiani Totonac lo coltivavano già come fiore nero. Furono gli spagnoli che poi iniziarono ad esportarlo. Oggi, l'80% della vaniglia consumata nel mondo viene prodotta in Madagascar , dove il cambiamento climatico sta diventando molto evidente. Siccità e tempeste tropicali sempre più intense mettono così a repentaglio la produzione e ne aumentano il prezzo. Inoltre, vere e proprie gang hanno creato il traffico internazionale rubando la produzione e poi vendendola sul mercato. La vaniglia è uno dei gusti più utilizzati al mondo per la realizzazione di gelati, dolciumi e aromi ma, paradossalmente, la sua produzione è in calo, il che incide sui suoi prezzi che stanno diventando sempre più alti. Va detto che le condizioni meteorologiche a volte estreme non consentono ai produttori di avere un orizzonte chiaro . Sapevamo già che il cambiamento climatico può lasciarci senza cioccolato, caffè o birra . Anche minore, può avere un tale impatto che un lungo elenco di prodotti comuni nella nostra vita inizia ad avere problemi nella loro produzione. Alcuni di loro si verificano in climi molto specifici e possono essere seriamente minacciati. Ad esempio, nel 2017, il ciclone Enawo ha colpito il Madagascar , uccidendo almeno 38 persone e sfollando più di 53.000. Il suo impatto sull'economia dell'isola è stato particolarmente significativo. Questo evento da solo ha rovinato il 30% dei raccolti di vaniglia, molti dei quali erano irrecuperabili a causa di danni al terreno. Questi tipi di impatti climatici rendono il compito degli agricoltori sempre più complesso e con un indice di incertezza più elevato. Questo è il motivo per cui il prezzo della vaniglia ha continuato ad aumentare nell'ultimo decennio , le difficoltà della sua produzione l'hanno portato ad essere moltiplicato per 8. Nel 2019 un rapporto ha indicato che il prezzo della vaniglia la vaniglia era cresciuta così tanto che valeva quanto i soldi . Questo ingrediente, oltre al Madagascar, è coltivato in India , Papua Nuova Guinea e Uganda, tra gli altri produttori di questo tipo di orchidea. Ma anche in Indonesia che è il secondo produttore mondiale. Ci vogliono tre anni perché la vaniglia fiorisca . Una volta aperti, i suoi delicati fiori gialli sopravvivono a malapena dodici ore prima di appassire, e questo accade solo una volta all'anno. In questo breve tempo il fiore va fecondato, perché senza impollinazione non c'è baccello . E in assenza dell'ape Melipona, che era incaricata di svolgere questo lavoro in modo naturale e gratuito nello stato di Veracruz, il processo viene ora svolto a mano , utilizzando una sottile canna di bambù. Un'arte particolarmente delicata! Dopo nove mesi, quando i baccelli sono ancora verdi e prima che inizino a ingiallire, vengono [...]

By |Novembre 24th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

I moto-taxi vogliono il riconoscimento legale della loro attività

L'altro ieri ad Analakely si è formata una folla di moto-taxi per chiedere il riconoscimento legale della loro attività. Negli ultimi anni i moto-taxi hanno circolato illegalmente in diversi quartieri della capitale. In assenza di mezzi pubblici e con frequenti ingorghi nel centro della città, i moto-taxi si sono addirittura moltiplicati nonostante i loro divieti. Da martedì i moto taxi sono stati sequestrati a seguito delle operazioni di controllo effettuate dal Comune urbano di Antananarivo. I conducenti scontenti hanno chiesto di ritirare le loro due ruote. "Vogliamo il riconoscimento della nostra attività per esercitare e muoverci liberamente ad Antananarivo", proclama un tassista motociclistico. Il municipio, però, non la sente così. Naina Andriantsitohaina, sindaco della capitale, durante il suo discorso in televisione il 27 settembre. ha insistito sul fatto che non ci sarà nessun moto-taxi ad Antananarivo. Il Comune ha già parlato con l'associazione dei taxi cittadini ed erano d'accordo sull'argomento. “Come il bajaj, i moto-taxi sono ancora vietati nella capitale. Consentire loro di circolare distruggerebbe le attività dei taxi cittadini. Allo stesso modo, i clienti del moto-taxi non sono assicurati in caso di incidente stradale ", spiega un tecnico del Comune. Le offerte di servizio moto-taxi abbondano sui social network, servizio di consegna, trasporto passeggeri. Alcune persone malintenzionate guidano anche occasionalmente una motocicletta per rubare e derubare persone che usano il loro servizio.

By |Ottobre 12th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Kitesurf a Tanà: chi l’avrebbe creduto?

Fatto insolito giovedì scorso sul lato della tangenziale di Tsarasaotra. Quattro giovani hanno dispiegato strane vele sul lago, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Il kitesurf è possibile ad Antananarivo. "Ogni volta che c'è vento, puoi andare a fare kite", ha detto Tsiory Panoël Razafindrasata, uno dei giovani che ieri ha provato l'esperimento. Dice che non erano al loro primo tentativo ad Antananarivo. “Ne abbiamo già fatti alcuni per Ivato a maggio. Abbiamo fatto una ricognizione sul posto e siamo entrati in acqua ”, spiega. Per la seduta di ieri, la piccola squadra si è recata lì la scorsa settimana per verificare se le condizioni fossero corrette. Potenziale inutilizzato Secondo Tsiory Panoël Razafindrasata, è possibile sviluppare attività intorno al kitesurf su questo sito. "Ma sarà più iniziazione", ha detto, aggiungendo che sono su un progetto per creare una scuola di kitesurf chiamata Mada Kite Bros. Per conoscere le vere sensazioni di questo sport estremo, questo istruttore indica che niente batte il nord dell'isola, ad Antsiranana. “A Diego abbiamo uno dei migliori kite spot del mondo. Il vento è costante lì quasi 9 mesi su 12, da marzo a novembre ”, dice. Si rammarica che questo potenziale non venga sfruttato a causa del problema dei trasporti. “Per raggiungere Diego, i turisti devono viaggiare su strada o prendere l'aereo costoso. Per questo motivo, le persone preferiscono Maurice ", spiega. Aggiunge che i turisti che vogliono fare kitesurf possono facilmente perdere 4 giorni sulla strada. Oltre ad Antsiranana, il Madagascar ha anche spot per i kite nel sud, sia vicino a Toliara che a Taolagnaro, da ottobre a febbraio. ",

By |Ottobre 29th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Madagascar: Air Austral effettua voli per Nosy Be

La compagnia aerea Air Austral può ancora offrire voli tra la Reunion e Nosy Be , nonostante l'annuncio da parte del governo malgascio della chiusura dei confini del Madagascar a nove paesi europei tra cui la Francia. I passeggeri dalla Francia, invece, sono vietati. L'annuncio della scorsa settimana da parte del Madagascar di nuove restrizioni di viaggio per l'aumento della pandemia di Covid-19 in Europa è stato addolcito: l'aviazione civile del Madagascar ha detto che i passeggeri di Mayotte e Reunion non erano da considerarsi preoccupanti. I voli Air Austral previsti tra la sua base di Saint Denis-Roland Garros e l'aeroporto di Nosy Be sono quindi mantenuti, con rotazioni lunedì e giovedì dall'inizio di novembre e "IATA winter" secondo il suo comunicato stampa. Da Dzaoudzi-Pamandzi a Mayotte, EWA Air non ha comunicato nullasull'argomento, il suo sito di prenotazione continua a indicare questo martedì mattina dei posti disponibili domenica prossima poi di nuovo a dicembre. Air Austral comunica , tuttavia, che i passeggeri dalla Francia continentale in corrispondenza non saranno accettati. Ha ripreso le rotazioni su Nosy Be “ in stretto collegamento con le sue autorità di vigilanza ” il 16 ottobre , con un secondo volo venerdì scorso; e sta già valutando un programma più consistente " man mano che la situazione evolve ". Ricorda che Nosy Be, la principale destinazione turistica del Madagascar, era stata riaperta ai visitatori stranieri all'inizio del mese; i paesi interessati dalle nuove restrizioni di viaggio sono: Germania, Belgio, Spagna, Francia, quindi, Italia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Russia e Ucraina.

By |Ottobre 28th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Obbligo di mostrare prezzi in Ariary

La Banca Centrale ha appena emesso un promemoria sull'uso dell' Ariary nel commercio locale. "Nel quadro degli obiettivi e delle missioni fissate dal suo statuto, la BFM ricorda al pubblico che la visualizzazione dei prezzi, la costituzione di contratti di affitto e fatturazione e il pagamento devono essere stabiliti in Ariary. Allo stesso modo, i testi giuridici prescrivono la visualizzazione dei prezzi di beni e servizi forniti nel territorio doganale nazionale. Con poche eccezioni relative ad operazioni che coinvolgono società della zona franca "annuncia ufficialmente la banca centrale. "È chiaro che sempre più fornitori di servizi, distributori e persino operatori immobiliari  omettono la visualizzazione dei prezzi in Ariary per aggirare il codice di scambio navigando sulla progressione del valore delle valute come l'euro e il dollaro a svantaggio dei consumatori locali ”lamenta un agente immobiliare che lavora per un'agenzia dalla parte di Antsahavola. L'atto di mostrare prezzi diversi dall'ariary è un reato punibile per legge.

By |Ottobre 30th, 2020|Categories: Blog|0 Comments

Settore vaniglia: prezzi ben al di sotto delle aspettative

L'implementazione del prezzo di riferimento per la vaniglia rientra nelle strategie adottate dallo Stato per sostenere il mercato della vaniglia. Tuttavia, dall'inizio della campagna di esportazione, la realtà è molto diversa ed è lontana dal riflettere le previsioni delle autorità. Dopo aver consultato il National Vanilla Council (CNV), è stata rilasciata una circolare che definisce i prezzi di riferimento per la campagna 2020-2021. Il prezzo minimo della vaniglia preparata, stabilizzato sul mercato locale per la campagna 2020-2021, è di seicentocinquantamila Ariary mentre il prezzo di esportazione “Free On Board” (FOB) è stato fissato a due centocinquanta dollari dopo una decisione congiunta del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (MICA) e del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), nella circolare del 15 luglio. D'altra parte, dal 15 settembre, data di apertura per l'esportazione di vaniglia preparata dal Madagascar per la stagione 2020-2021, la maggior parte dei produttori si è lamentata della volatilità dei prezzi che si sta rivoltando contro di loro. "I collettori ci propongono prezzi irrisori, troppo lontani da quanto annunciato qualche mese fa dalle autorità in apertura della campagna" lamenta Lydia Rasoalalaina, produttrice e socia di una cooperativa di piccoli produttori nella regione di Ambanja. Aggiunge: “Dobbiamo rinunciare a circa duecentocinquantamila ariary al chilo per, nella migliore delle ipotesi, recuperare il nostro investimento annuale. Nel peggiore dei casi, alcuni di noi si rassegnano a vendere in perdita nella speranza di recuperare un minimo di denaro. Tuttavia, è stato annunciato all'inizio della campagna che la rigorosa applicazione del prezzo di riferimento sarà particolarmente monitorata per rassicurare gli acquirenti internazionali. I clienti internazionali si aspettano che il prezzo crolli nonostante ciò. Infatti, secondo le previsioni degli osservatori all'interno di Mintec Vanilla Survey, piattaforma di osservazione del settore, la campagna globale vaniglia 2020/21 parte con volumi di produzione significativi e calo della domanda, causando una caduta dei prezzi. Il Madagascar ha cercato di ridurre l'impatto o respingerlo fissando un prezzo minimo all'esportazione alla fine di febbraio, tutte le qualità di vaniglia combinate. Essendo di gran lunga il più grande attore mondiale nel settore della vaniglia, tutti gli altri paesi produttori stanno aspettando di vedere quale sarà il prezzo mondiale reale. “Il raccolto è di circa millecinquecento, una quantità notevolmente inferiore rispetto alle stagioni precedenti. Il prezzo di riferimento Mintec per la vaniglia di qualità gourmet FOB Madagascar veniva scambiato in un intervallo compreso tra cinquecento e seicento dollari al chilo all'inizio della campagna 2019. Tuttavia, mentre la stagione continuava e il 2019 andava avanti conclusa con scorte ancora abbondanti nel paese, i prezzi sono crollati fino a trecentodieci dollari al chilo. Quando il prezzo della vaniglia scende di quasi il 50% e hai un paese fortemente dipendente dall'industria della vaniglia, diventa un problema. Come promemoria, la vaniglia rappresenta circa il 10% del PIL del Madagascar ”confida uno degli specialisti della vaniglia all'interno della piattaforma.

By |Novembre 3rd, 2020|Categories: Blog|0 Comments
2020-10-20T16:40:21+01:00

Share This Story, Choose Your Platform!

Torna in cima